Cagiva pronta a tornare sul mercato in veste elettrica

04 Febbraio 2020 56

Cagiva potrebbe presto risorgere in una veste molto diversa. Lo storico marchio italiano delle moto che ha fatto sognare milioni di giovani tornerà sul mercato offrendo modelli totalmente elettrificati. Fondato nel 1978, questo marchio ha messo sul mercato alcuni modelli che hanno fatto la storia del motociclismo italiano tra cui l'indimenticata Cagiva Mito 125, vero oggetto del desiderio di molti sedicenni.

Gli ultimi modelli sono stati lanciati sul mercato nel lontano 2012, poi il nulla a seguito anche di una serie di difficoltà di MV Augusta che detiene questo marchio. Ma, adesso, MV Augusta sembra aver superato il periodo critico e nella sua strategia di rilancio ci sarebbe inclusa anche la rinascita della Cagiva, anche se in una veste differente rispetto al passato.

Entro i prossimi 12 mesi arriveranno sul mercato i primi modelli elettrificati di Cagiva. Ma chi pensa che sia in arrivo una "Mito" elettrica dovrà, per il momento, rassegnarsi. Nei piani non c'è alcuna moto ad alte prestazioni quanto piuttosto 2 ruote pensate per l'ambito urbano con potenze attorno ai 4 kW, cioè 5,3 CV. In realtà, non è la prima volta che si parla del rilancio del marchio italiano in chiave elettrica ma finalmente dovrebbe essere la volta buona.

Al momento non ci sono particolari indiscrezioni sulle caratteristiche di questi modelli ma secondo alcune fonti, MV Augusta starebbe lavorando con l'azienda cinese Loncin che ha lanciato sul mercato un'interessante moto elettrica tramite la sua controllata VOGE. Trattasi di una 2 ruote elettrica leggera ma allo stesso tempo performante, con prestazioni molto simili a quelle di una moderna 125.

Dunque, si tratterebbe di una perfetta base di partenza per sviluppare una moto elettrica con il logo di Cagiva per il mercato italiano. Forse non arriverà una nuova "Mito" ma sicuramente, visto il DNA del marchio, la moto elettrica di Cagiva sarà un prodotto interessante.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 505 euro oppure da ePrice a 564 euro.

56

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Max

dici a me? ducati è fallita poi passata sotto lo stato ma faceva pena, poi è stata ripresa negli anni 80 dai castiglioni facendo si moto interessanti ma si smantavano con il pensiero, guzzi fallita e acquistata dalla piaggio, aprilia fallita e acquistata dalla piaggio!! siamo seri su. ducati oggi è un brand forte per carità, ma è sempre un piccolo marchio e sovvenzionato da un altra società altrimenti sarebbe in rosso.

TLC 2.0

Mai sentito parlare di Aprilia? Ducati? MV Agusta? Moto Guzzi?

TLC 2.0

Sbagliato, le batterie delle elettriche vengono installate nella parte bassa, dove nelle moto tradizionali viene installato il cambio e il collettore di scarico, per capirci.

teo

Pensa a quanto peso di batterie serve per muovere una bicicletta su cui pedali anche. Moltiplicalo per fare muovere una moto e capirai che servono diversi chili di batterie.
I motori elettrici hanno La loro massima efficienza se collegati direttamente alla ruote

Superdio

non so che implicazioni abbia in termini di ciclistica il motore nelle ruote, ma vi dico, avendo un monopattino elettrico e bici elettrica, che la rimovibilita' della batteria e' la comodita' principale. il monopattino lo si puo' portare direttamente in ufficio, la bici pesa e di conseguenza solo la batteria. lo stesso puo' succedere per le moto. anche se il pacco pesasse 12kg (che e' quanto pesa il mio monopattino) il poterlo portare a casa/ufficio a ricaricare cambia tutto.

JustATiredMan

Sarà, ma qualcosa mi dice che "Cagiva" sarà solo un etichetta che suona italiano, per una moto (elettrica) prodotta in Cina.

loscalpello

https://uploads.disquscdn.c...

Caro vecchio Elephant 2, dei miei sedici anni che furono.

Vae Victis

Un gruppo puramente italiano è Piaggio, che include anche i marchi Aprilia, Moto Guzzi, Gilera, Derbi.

Vae Victis

Il gruppo MV Agusta è stato comprato dai russi, nulla vieta però che continuino a produrre in Italia. Ducati la producono in Italia anche se l'hanno comprata i crucchi.

Un gruppo puramente italiano è invece Piaggio, che include anche i marchi Aprilia, Moto Guzzi, Gilera, Derbi.

Valoroso Guerriero

Facessero una bella mito che metta in riga tutte 'ste 3/400 da paese in via di sviluppo che stanno affollando il mercato

teo

Bellissimo il tuareg ... Erano i tempi degli enduroni ... Appena ho potuto ho preso un XT 600

teo

Allora meglio motore nelle ruote e sotto sella tutto batteria facilmente estraibile

Superdio

sotto a quello che e' il serbatoio in una moto tradizionale.

MisterB
Andrea

Concordo. Cagiva non si è "piegata" al 4T. Giusto dal punto di vista del DNA, ma non necessariamente dal punto di vista del mercato visto che alla fine è scomparsa.

Vero anche che sfido qualsiasi altro produttore (Yamaha, Kawa ecc..) ad avere VERI margini su quelle bici 125 chiamate moto. La realtà dei fatti è che quei prodotti non servono ad altro che fidelizzare i 16enni al marchio, per poi puntare a vendere le moto vere su cui si fanno i soldi.

E' chiaro che un approccio così aggressivo se lo possono permettere i Top Player, non certo una MV Agusta che già arranca di suo.

Un ritorno con un Elettrico non lo vedo così sbagliato, è una tecnologia che può dare ad una moto quello "spint" che un 125 4 tempi mai avrà.

Vedremo, sperando che dopo questo "scooter" da 5CV arrivi qualcosa di serio.

Andrea

Che anni quelli in Mito. Una delle moto che mi ha regalato più emozioni in assoluto.
Sono davvero contento che il marchio non sia morto ed attendo con ansia gli sviluppi!

AlphAtomix

ma hai mai visto una moto elettrica? Dove pensi che le abbia le batterie?

Anto71

Aletta rossa, enduro; Aletta rossa, strada; Aletta Electra, se non ricordo male era la custom. io avevo invece questa…. (foto presa in prestito, ma identica) Faceva i 140! https://uploads.disquscdn.c...

Maledetto

A livello di prestazioni con l'accelerazione quasi istantanea dell'elettrico mi sembra un degno erede della potenza dei 2t

Emanuele Marox Lodadio

Felice possessore di MV AGUSTA F4 1000 S (2006) Che dire : Forza Cagiva !!!!
Per HDMOTORI si scrive MV AGUSTA e non MV Augusta!!!!!!!!!!!!!! Mannaggia!!!!!

theskig

Felice possessore di una Mito Eddie Lawson del '93. (tra l'altro targata VA...)
Mitica Cagiva!

Superdio

eh ma intanto quelle in commercio ce l'hanno integrata e devi parcheggiare dove ci sono le colonnine altrimenti resti fregato. poi se ti sei alzato male oggi e' un altro discorso.

Superdio

io intendevo quello oppure doppia batteria da una parte e dall'altra tipo vecchio monster 600.

Superdio

scusa ma pensa ad una marmitta tipo cbr 600 rr di qualche anno fa centrale o marmitte moderne che sono praticamente sotto al motore. una soluzione delle due per me e' fattibilissima. il motore rispetto ad uno a scoppio e' molto meno complesso e pesante. il serbatoio poi non serve piu' e rimarra' vuoto.

Serendipity

te sei uno sveglio!

AlphAtomix

le quotazioni per la 250 salgono di anno in anno a vista d'occhio, se ce l'hai la tieni.

AlphAtomix

si e poi vai in giro in piega...pesano eh.

AlphAtomix

ci sta voler rilanciare il brand, ed effettivamente l'unica cosa che puoi fare oggi partendo da zero è l'elettrico o il termico stile benelli. catafalchi da 250kg, 80cv stanchi e belle a vedersi, vendute per 4 banane. diciamo che magari lo scooterino stupido potevano evitarselo, avrei visto meglio un 3 ruote elettrico o comunque uno scooter elettrico da 15cv stile 125.
anche se una supersportiva come la mito elettrica poteva perlomeno fare da spinta d'immagine per il marchio. Riempi le copertine e la gente sa che sei tornato.

teo

Ma con una batteria grande come una marmitta ci fai 30km e rimani a piedi

marcoar

Pesano comunque molto di più di una marmitta.
E equilibrare le masse in un mezzo a due ruote è una cosa fondamentale per l'utilizzo del mezzo stesso.

luca bandini

finirà questa ipocrisia quando si renderanno conto che falliranno tutte ste conversioni elettriche anche perchè i blocchi del traffico non vincolano l'uso delle moto visto che chi compra moto di certo non gira in città...

Max

è dagli anni 70 che la moto è giapponese, il futuro elettrico? ma anche no!

Max

le batterie al litio non pesano cosi tanto.

Max

cagiva era i 2 tempi, no elettrica.

Renton

Ho visto anch'io! Non sapevo che fosse salita così tanto!

teo

Il discorso vale solo se la marmitta è di quelle centrali sotto il motore . Scarico classico sul fianco non è possibile troppo pesante una batteria rispetto una marmitta

Developer

no, non era per te..sono io che stavo guardando.ahaha certi cimeli vanno conservati

Renton

Non lo so... tanto in ogni caso non la venderei.

Superdio

mah, farranno una raptor elettrica? per me il futuro delle moto elettriche e' la batteria al posto di dove ora si trova la marmittona, che uno poi stacca, si porta a lavoro e la mette a caricare. costi di progettazione bassi visto che la moto e' gia' bilanciata per la presenza della marmitta, comodita' ai massimi.

Il battery pack integrato nel mezzo a 2 ruote per me non ha senso

Developer

le quotazioni sono salite? su subito ci sono usati a 10mila.

teo

Di italiano ormai è rimasto ben poco purtroppo

teo

Bellissima con carene lucky !!!! Che moto che spettacolo ... Che tempi i 125 stessi ... Anche Aprilia con la af1 aveva un gran bel mezzo

teo

E c'era anche aletta oro

Renton
Super Rich Vintage

Una moto italiana che è in realtà cinese? https://uploads.disquscdn.c...

Developer
Daniel Abbate

@Filippo Vendrame:
per carità, MV AGUSTA non AUGUSTA

Renton

Infatti 2 anni dopo ho preso questa: https://uploads.disquscdn.c...

La tengo come fosse una figlia!

ice.man

questa riscia di essere una cinesona rimarchiata

Super Rich Vintage
Auto

Auto elettriche Italia 2020: modelli in commercio, prezzi e autonomia

Moto

Scooter elettrici 2020: guida completa, prezzi, incentivi elettrici e ricarica

Eventi

Porsche è sempre più Experience

Auto

Tarraco: il nuovo stile di Seat nel SUV spagnolo più comodo di sempre | Video