Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Mercedes-AMG CLE 63 Coupé, ecco come potrebbe essere la nuova sportiva Plug-in

22 Luglio 2023 6

La nuova Mercedes CLE Coupé è stata annunciata da poche settimane. Si tratta di un modello che va a sostituire in un solo colpo la Classe C Coupé e la Classe E Coupé. Per il momento, le versioni più sportive firmate AMG non sono ancora state presentate anche se in passato le abbiamo viste protagoniste di alcune foto spia.

Partendo da quelle immagini e da quello che è emerso fino a questo momento sulla nuova AMG CLE, i colleghi di Motor.es hanno provato ad immaginarsi l'aspetto finale della top di gamma CLE 63 Coupé E Performance.

POWERTRAIN PLUG-IN

Questo modello potrà contare su di un body kit dedicato che consentirà di rendere ancora più sportiveggiante il look della vettura. In particolare, arriveranno una serie di ritocchi al frontale. Troveremo, per esempio, la classica griglia "Panamericana" e alcune modifiche al paraurti e alle prese d'aria. Questo modello potrà contare su cerchi più grandi che nascondono al loro interno un impianto frenante maggiorato. Al posteriore, oltre ad un nuovo diffusore, saranno presenti 4 terminali di scarico.

L'impostazione degli interni sarà la medesima della CLE Coupé. Tuttavia, trattandosi di un modello AMG nell'abitacolo troveremo sedili sportivi, un nuovo volante e grafiche dedicate per il sistema MBUX.

Per quanto riguarda, invece, la meccanica, sotto il cofano dovrebbe essere presente un powertrain ibrido Plug-in della Mercedes-AMG C 63 S E PERFORMANCE, dunque un quattro cilindri turbo da 2,0 litri affiancato da un motore elettrico in grado di erogare complessivamente 500 kW (680 CV). La Mercedes-AMG CLE 63 Coupé E Performance sarà quindi in grado di offrire prestazioni molto interessanti visto che la Mercedes-AMG C 63 S E PERFORMANCE è in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi e di raggiungere una velocità massima di 280 km/h scegliendo l'AMG Driver's Package.

Dunque, non rimane che attendere la presentazione della versione AMG della nuova Coupé per scoprire tutti i suoi segreti.


6

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alex Li

Comprendo il tuo disappunto ma..... purtroppo così dovrà essere.

Mauro Z.

Alex .. posso capirti.. ma posseggo 3 auto 63 AMG .. e ho provato le altre non V8 ... sono differenti in tutto. Come dire che guidare una Tesla da 700 CV è come guidare una 63 vista la potenza. Le emozioni delle vibrazioni emanate da un V8 AMG sono inimitabili. Sono state perse con i V6 ( ho avuto pure la 53 AMG ) e adesso con il 4L .. Peccato . Ora viaggiamo veloci , ma più infelici. Costassero meno almeno .. e invece i prezzi sono stellari.

Alex Li

Con 680 cv combinati come devono definirla?
La storia.... volenti o nolenti.... non è fatta solo di passato.

Mauro Z.

Concordo con te, devono farla sicuramente con tali accorgimenti per contenere le emissioni , ma dovrebbero denominarla per quello che è. Sicuramente non è una 63. Meglio lasciare quella sigla alle AMG che hanno fatto storia.

Alex Li

Della serie....
Non dovevate farla e lasciare intatto il ricordo al purista!!

Visto quel che tuona... era l'unico modo per fare una sportiva rimanendo dentro il limite emissioni!

Loro almeno la fanno....

Mauro Z.

Dovrebbero chiamarla 43 o qualcosa di simile . La vera 63 è solo quella con motore M156 o M159 V8 6208 cc.
Ormai la gente è lobotomizzata e non apre più nemmeno il cofano, ma partecipa ai cortei di protesta se manca apple carplay nell'auto. Il sound dei V8 è inimitabile.

Motorsport

Formula 1: ufficiale, Lewis Hamilton in Ferrari dal 2025

Auto

Hyundai Kona Electric (2024): prova consumi d'inverno e ricarica rapida | Video

Auto

MG4: prova su strada, consumi reali e quale versione scegliere | Video

Economia e mercato

PETRONAS, intervista a James Mark: il futuro parte da Torino