Hyundai e Kia: più efficienza per le auto elettriche grazie alla pompa di calore

10 Giugno 2020 40

Le auto elettriche non hanno un buon rapporto con le temperature fredde. In queste condizioni, le batterie non rendono al meglio e i sistemi di riscaldamento aumentano in maniera sensibile i consumi. Ecco perché molti costruttori hanno iniziato a proporre soluzioni basate sulle pompe di calore per massimizzare l'efficienza degli impianti di climatizzazione dell'abitacolo. Ma questo può non bastare. Kia e Hyundai hanno lavorato molto su questo fronte e sui loro veicoli a batteria è disponibile un'avanzata tecnologia della pompa di calore che permette di ottimizzare ulteriormente l'autonomia in condizioni di basse temperature.

Adesso, i due costruttori hanno voluto raccontare qualcosa di più di questo loro progetto.

OTTIMIZZARE I CONSUMI

La tecnologia è stata introdotta per la prima volta nel 2014 sulla prima generazione di Kia Soul EV e si compone di un compressore, di un evaporatore e di un condensatore. Il funzionamento è molto semplice. La pompa di calore catturava il calore residuo emesso dai componenti elettrici del veicolo, utilizzando questa energia per riscaldare l’abitacolo in modo più efficiente. In questo modo l'autonomia di guida era salvaguardata anche con basse temperature.

Tale tecnologia è stata poi ulteriormente migliorata e la sua efficacia è stata dimostrata a bordo della Kona Electric (Qui la nostra prova) all'interno di un test organizzato dal Norwegian Automotive Federation (NAF) che ha messo a confronto 20 veicoli elettrici in condizioni climatiche sia fredde che calde per identificare i modelli con l'autonomia di guida e le prestazioni di ricarica più coerenti ai rispettivi valori di omologazione.


Tornando alla tecnologia della pompa di calore sviluppata dai marchi coreani, oggi immagazzina molta più energia riciclando il calore residuo non solo dai moduli di potenza elettrica (PE) (motori di azionamento, caricatore di bordo e inverter), ma anche dal pacco batteria e dal caricatore di bordo. Questo sistema utilizza il calore per vaporizzare il refrigerante dalla forma liquida a quella gassosa. Il gas ad alta pressione viene scaricato dal compressore e spostato in un condensatore per essere riconvertito in un liquido. Questo processo genera energia termica aggiuntiva che viene recuperata dalla pompa di calore e utilizzata per riscaldare l’abitacolo.

Il tutto si traduce in una migliore efficienza dei sistemi HVAC (riscaldamento, ventilazione e aria condizionata), riducendo al minimo il consumo della batteria.


40

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
axoduss

ammetti di non sapere cos'e' un cicolo frigorifero e non girarci intorno

Sistox v2

Se ti pare poco

axoduss

non esistono concetti, esiste la fisica. Sono tutte macchine frigorifere.
Che poi in caldo calcoli il COP mente in freddo calcoli l’EER non cambia la natura del funzionamento

Sistox v2

Be' no. La pompa di calore è un po' diversa come concetto. Infatti i rendimenti di frigoriferi e pompe di calore si calcolano in maniera diversa.

axoduss

Forse non sai che aria condizionata, frigorifero, pompa di calore sono esattamente la stessa tecnologia

ste

Mha insomma mio padre aveva la megane del 2005 e l'aria condizionata è andata fino al 2016 quanso l'ha cambiata, senza mai ricaricare il gas, mia madre con una yaris del 2008 dopo 2 anni aveva già perdite, come sempre è questione di fortuna/sfortuna e utilizzo. Poi nella media ci sono marchi peggiori/migliori in ogni comparto e le toyota obiettivamente sono sopra la media, ma non è una regola

FabriFi

Praticamente mi state dicendo che al sud italia una elettrica funziona meglio?

ono-sendai

Di' al tipo con la Scirocco che se il problema è fare la ricarica annuale del condizionatore, sta già messo bene. Io non sono riuscito a fare due tagliandi con lo stesso motore :P

Aristarco

cmq penso sia sfiga, mio padre sulla megane penultima serie ha quasi 300k km e nessun problema, causa incidente però a metà vita ha cambiato il condensatore

Aristarco

parli della pompa di calore? perchè io sono fuori dal giro da circa 7 anni e mi occupavo solo di riscaldatori e scaldiglie + condizionatori e impianti frigo, su questo non posso aiutarti XD

non trovano niente... Come dici tu: dicono che é una microperdita e non riescono a trovarlo, anche inserendo quel liquido colorante per vedere dove potrebbe uscire.

Comunque, visto che lavoravi nel settore :P Usano questo sistema anche per riscaldare il motore? Come mai sulla nuova vettura che ho comprato, il motore arriva a 80° in meno di 1 minuto ora e a 90° in 2 minuti? Ai tempi impiegava quasi 10 minuti per arrivare a 90°.

no purtroppo no. Avevo una Corolla degli anni 80 e nel 2000 ancora mi ghiacciava i vetri, talmente era fredda l'aria condizionata. Sulle Renault invece, sparisce... Dopo 1 anno raffredda ancora poco e dopo 2 anni pochissimo. Cercano di capire da dove perde ma non trovano niente...

E non parlo di 1 vettura, ma di tutte e 5 che abbiamo in azienda. Poi vabbé... Fosse solo questo il problema di quelle Megane, ci starebbe anche :P

Ginomoscerino

sulle KIA la PDC c'è dal 2014 (non so se su tutta la gamma), questo miglioramento è sulle elettriche 2020. così sembra leggendo dall'articolo

Aristarco

ovvio come di qualsiasi organo meccanico in movimento, vanno lubrificati

Aristarco

infatti è strano, quando vengono ricaricate, viene fatto il controllo per le perdite?

L'introverso

conosco bene la procedura, quello che voglio farti capire è che a prescindere da perdite per un buon mantenimento del compressore occorre sostituire l'olio

In azienda, le 5 Megane perdono il liquido entro 1 anno. Tra i dipendenti, anche un possessore di una Up! e uno con la Sirocco devono caricare annualmente il gas per l'aria condizionata.

Ci sta, che si può rompere... Ma mi sembra strano.

Aristarco

peccato che non è questo il messaggio che viene fatto passare, si ricarica senza riparare

Kamgusta

L'ho notato anche io mi sai dare una spiegazione?

Kamgusta

Se devi ricaricare l'aria condizionata significa che c'è una perdita, e quindi il sistema è rotto...

andrea55

In pianura padana c'è umidità in abbondanza XD
essendo a cilindrata variabile non consuma molto quando non serve

Snapdragon

Ah giusto :D

ameft

Quindi questa è una tecnologia già in uso sulle nuove elettriche Kia/Hyundai giusto?

Aristarco

ti piace consumare gasolio/benzinaXD poi ti rende anche l'aria secca, non so quanto sia un bene

andrea55

E non prende sassi dai camion :D
Dimenticavo io lo tengo sempre acceso anche d'inverno

andrea55

C'è qualcosa di strano, quando il gas è liquido non dovrebbe essere ad alta pressione?

luca bandini

1-2 anni? l'unica ricarica si è resa necessaria sulla panda 4x4 del nonno ma dopo 5 anni. sulle vw che abbiamo avuto mai ricaricato nulla in tutto il loro ciclo di vita (7-10 anni)

account falzo

La pompa di calore la fa la madre di Teomondo Scrofalo

Giacomo

No hanno pagato chi lo fa di mestiere ed ottenuto i manuali tecnici

Aristarco

non è normale, vista l'età sicuramente c'è una perdita se non fredda bene, l'impianto va controllato, può essere un tubo come il condensatore che perde, il controllo se uno è del mestiere è facile da fare con liquido di contrasto, occhio che se ci sono perdite ed entra umidità si rischia anche il compressore e i costi per i ricambi salgono

Snapdragon

Avranno smontato anche loro una Model Y?

Aristarco

se devi cambiare il gas, deve prima farti la pulizia dell'impianto, cercare perdite e poi ricaricare

Teomondo Scrofalo

Ciao è normale per un'auto del 2005, non freddare bene come prima? Conviene ricaricare il gas? Grazie

L'introverso

quindi non esiste che non si debba ricaricare il circuito anche solo per sostituire l'olio.

Aristarco

diciamo che il frigo avendo i tubi di rame è ancora più duraturo

andrea55

Assolutamente no, in 6 anni con una Scenic 1 mai ricaricato una volta, in 15 anni con una scenic 2 ultimamente serviva una ricarica all'anno, messo il tracciante ed è risultata una perdita alla valvola di carico, sostituita e adesso è tornato a funzionare perfettamente, come detto sotto un impianto sano non perde mai

Aristarco

quanto ti fanno la ricarica se il tipo non è un cane ovviamente ti fa una miscela di gas+olio, inoltre in caso di malfunzionamento non ha senso farsi fare la ricarica se non si sono cercate eventuali perdite

L'introverso

visto che hai lavorato nel settore, sai che occorre cambiare anche l'olio nel circuito di refrigerazione?

Aristarco

ho lavorato nel settore per 5 anni, in teoria il circuito non dovrebbe essere mai ricaricato, nella realtà per quanto riguarda l'automotive la porosità dei tubi fa si che ci siano delle perdite infinitesimali, inoltre eventuali danneggiamenti possono causare ulteriori perdite, tipo pietrate sul condensatore o eventuali incidenti, detto questo io personalmente non ho mai effettuato una ricarica del condizionatore e se la manutenzione è costante trovo che a parte casi particolari, non sia così necessaria da fare

Il gas ad alta pressione viene scaricato dal compressore e spostato in un condensatore per essere riconvertito in un liquido.


Simile all'aria condizionata. Dove vetture come Renault e VW non sono in grado di creare una, ma dico una soluzione valida e duratura. Sulle vetture di bassa qualità bisogna caricare continuamente il liquido (perché sulle Toyota o Hyundai il liquido sparisce dopo 30 anni, mentre sulle europee questo liquido esce completamente dopo 1-2 anni?).

Elettriche

Gocycle GX: la bici elettrica pieghevole di un ex McLaren

Moto

Askoll NGS: abbiamo provato la nuova generazione di scooter elettrici | Video

Mobile

Recensione Amazon Echo Auto: per portarsi Alexa anche in macchina

Video recensione

Recensione Nilox DOC Twelve: per andare ovunque, ma con qualche sacrificio