E.ON con Alpitronic installerà in Europa 2 mila colonnine per la ricarica ultrafast

05 Agosto 2022 11

Rendere capillare l'infrastruttura di ricarica è un passo molto importante per rendere la mobilità elettrica sempre più accessibile. Ultimamente, le aziende stanno accelerando soprattutto sull'installazione di punti di ricarica ad alta potenza per consentire alle auto elettriche di poter affrontare lunghi viaggi senza problemi.

Su questo tema, arriva un'interessante novità che riguarda E.ON che ha deciso di investire per installare migliaia di nuovi punti di ricarica ad alta potenza nel Vecchio Continente.

COLLABORAZIONE CON ALPITRONIC

Entrando più nello specifico, la società ha dichiarato che intende installare 2.000 stazioni di ricarica ad alta potenza in tutta Europa entro la fine del 2024. Purtroppo, non sono state fornite indicazioni di dove sorgeranno esattamente questi nuovi punti di rifornimento di energia. Il piano, comunque, va oltre questa data. Infatti, entro il 2026, E.ON prevede di installare un totale di circa 5.000 nuovi punti di ricarica rapida. I piani prevedono anche l'ampliamento dei siti esistenti oltre alla costruzione di stazioni completamente nuove per la ricarica.

Partner di questo progetto sarà Alpitronic che fornirà le sue stazioni per la ricarica di ultima generazione con potenze comprese tra 150 e 300 kW. E.ON utilizzerà i modelli Hypercharger HYC150 e Hypercharger HYC300. In futuro, sarà utilizzato anche il modello HYC400, con potenza complessiva fino a 400 kW, oltre alla nuova colonnina da 50 kW HYC50 nata per poter essere installata con facilità a muro, per esempio, all'interno dei parcheggi.

Ma la partnership va oltre la semplice fornitura delle stazioni per la ricarica. Infatti, le due aziende intendono lavorare per migliorare l'esperienza di ricarica degli utenti. Per questo, per esempio, si pensa all'introduzione della tecnologia Plug&Charge che permette di ricaricare la vettura semplicemente collegando il cavo e senza dover utilizzare app o tessere.

I due partner intendono lavorare anche per sviluppare soluzioni dedicate alla ricarica dei veicoli pesanti. Non sono stati forniti dettagli precisi ma i primi siti pilota con infrastrutture di ricarica rapida per camion saranno costruiti in diverse località europee entro il 2024.


11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Antsm90

Ovviamente l'aspetto è secondario, ma dato che farle belle o farle bruttine costa uguale tanto vale farle anche belline da vedere

=METTEK=

X la redazione: Sono stati definiti i bandi di gara per le colonnine in autostrada finalmente.

Signor Rossi

2000 stazioni di ricarica HPC in una città, non li vedremo mai non ha alcun senso ... in città ci vogliono le colonnine da 22 kW e bisogna far in modo che ogni lampione possa essere utilizzato per ricaricare. 2.3 kW sono più che sufficienti per la stragrande maggioranza dei automobilisti, visto che la percorrenza giornaliera è di circa 30 km.

=METTEK=

Sono le stesse di FreeToX. cmq io non guardo il design dei bezinai

Signor Rossi
Antsm90

2000 in 2 anni in un intero continente

Non proprio benissimo

andrewcai

Ahahahah bello essere ignorante

Poca roba ma meglio di niente. A forza di "meglio di niente" e di chiacchiere però, uscendo per strada ancora non vedo la "ciccia". Aspettiamo.

NOP7356

2 mila milioni per singola città oserei dire, i 2 mila miliardi solo nelle città con più di 100 persone

ACTARUS

Notizie sempre "Si farà "...di concreto nulla

WhoAmI

Notizie spacciate come ottime. Quando ce ne vorrebbero 2mila per ogni singola città.
Ma come diceva mia nonna "Pelo per pelo si fa il pennello..."

Audi Q3 Sportback 45 TFSI e S tronic, per chi la usa più in città | Recensione e Video

Nissan Ariya (63 kWh): ottima efficienza e autonomia nella prima prova | Video

Vita Vera con l'auto elettrica: ritorno al passato, in Umbria a Miataland con le MX-5

Stop endotermiche 2035: tra polemiche, dubbi e fazioni, facciamo il punto | Video