Toyota rende open source 24.000 brevetti su ibrido ed elettrico

03 Aprile 2019 63

Toyota renderà accessibili quasi 24.000 brevetti, molti dei quali ottenuti in più di 20 anni di sviluppo della tecnologia ibrida-elettrica Toyota Hybrid, a tutti i costruttori che decideranno di acquistare i sistemi elettrificati del marchio. Un'opportunità, sostiene Toyota, per promuovere la crescita globale dei veicoli ibridi ed elettrici. Niente paura se vi sembra di aver già sentito una notizia simile: come abbiamo riportato in occasione della presentazione di Volkswagen ID. Buggy al Salone di Ginevra, infatti, il gruppo Volkswagen farà altrettanto con la piattaforma per auto elettriche MEB.

Lo schema ibrido della nuova Toyota Corolla

La Casa giapponese concederà l’utilizzo a titolo gratuito di 23.740 brevetti di sua proprietà (inclusi alcuni in attesa di omologazione) relativi all’elettrificazione delle automobili. Tutto questo, naturalmente, a patto che i clienti (che altro non saranno che i concorrenti) acquistino da Toyota motori, batterie, Power Control Unit, ECU e altre tecnologie per i sistemi di trazione elettrica o ibrida. A questi clienti la Casa giapponese fornirà (a pagamento) anche un supporto tecnico. Come spiega Shigeki Terashi, Membro del Board e Vice Presidente Esecutivo di Toyota Motor Corporation:

Basandoci sull’elevato volume di richieste che riceviamo per i nostri sistemi da parte di altre aziende, consapevoli dell’esigenza di incrementare il numero di vetture elettrificate per far fronte alle questioni ambientali moderne, abbiamo deciso che è giunto il momento di collaborare. Se il numero dei veicoli elettrificati dovesse incrementare sensibilmente nei prossimi 10 anni, questa diventerebbe la tipologia standard dei nostri mezzi di trasporto, e noi vogliamo essere protagonisti di questo cambiamento.

Il periodo di concessione di questi brevetti inizierà fin da ora, con scadenza a fine 2030. Toyota provvederà a discutere con i singoli clienti i termini e le condizioni per le singole licenze. Non è la prima volta, tra l'altro, che il Marchio rende "open source" alcune delle proprie tecnologie: dal 2015 la Casa ha concesso 5.680 brevetti relativi allo sviluppo dei veicoli elettrici equipaggiati con celle a combustibile (FCEV), di cui oggi è leader mondiale insieme a Hyundai. Oggi Toyota intende rilasciare 2.590 brevetti per i motori elettrici, 2.020 per i differenziali, 2.200 per gli alimentatori e 2.380 per le celle a combustibile (portando il totale per queste ultime a ben 8.060 brevetti).

Fotocamera al top e video 4K a 60fps con tutta la qualità Apple? Apple iPhone XS, in offerta oggi da Clicksmart a 849 euro oppure da ePrice a 955 euro.

63

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Maurizio Milazzo

Ora che tra uno due anni l'ibrido non se lo cagherà più nessuno cercano di vendere il più possibile di questa tecnologia adesso.
Il grande limite dell'ibrido e che si fanno 2/3 km in totale elettrico a patto che le batterie siano cariche al massimo.
Ora come ora la via di mezzo e il plug-in ma ad oggi, che le macchine elettriche sono ad un passo, stranamente non è per niente conveniente, pagare più di 30k per una plug-in adesso è da pazzi!

Alessio Ferri

Vi diverte buttare parole a caso, "open source" e "concedere brevetti a chi compra" sono due cose diverse.

Ginomoscerino

scadono nel 2030 come scritto nell'articolo

Nicolò Veronese

Infatti queuesta cosa non è OpenSource.

Un software puù essre OpenSource anche se per utilizzarlo devi pagare una licenza. (Non è software Libero)

Qui invece devi pagare una licenza per accedere ai sorgenti cosa che "viola" i requisiti della licenza OpenSource.

The Open Source Initiative (OSI), the non-profit organization that supports the development of open source software, asserts that any open source software must adhere to the following criteria:


Free redistribution of the software.
The source code should be publicly available.
The software can be modified and distributed in a different format from the original software.
The software should not discriminate against persons or groups.
The software should not restrict the usage of other software.
BlackLagoon

se ti interessa sapere se c'è l'effetto scooterone.. si, c'è su tutte le ibride toyota

Giuseppe

A chi commenta dicendo tutta la tiritera che l inquinamento dell'elettrico non viene eliminato e viene spostato...i possessori Toyota non comprano per inquinare di meno, ma per consumare meno( o almeno quanto un diesel) con minor costi di manutenzione. Ricordo che dobbiamo fare sempre benzina, quindi e inutile che rompete le scatole con le vostre teorie sull inquinamento.

Giuseppe

Le centraline tra c-hr e corolla sono tarate in maniera differente.
L ibrido c'è sul 1,5 yaris, 1,8 corolla, prius, c HR, 2,0 corolla 2,5 rav4

giorgio085

Corolla e C-HR montano il medesimo sistema, 1.8 da 122cv, Corolla monta anche il nuovissimo 2.0 da 180cv.

Ngamer

"Tutto questo, naturalmente, a patto che i clienti (che altro non saranno che i concorrenti) acquistino da Toyota motori, batterie, Power Control Unit, ECU e altre tecnologie"

forse era meglio pagare le royalty :P

Riccardo sacchetti

Sono sempre la stessa cosa no?

PassPar2_

È logico che su un'affermazione così estrema ci sia una percentuale di satira. Ma non è azzardato dire che di quei 24 mila una parte scadranno a breve 1-5 anni.

tonyX86

Le fonti di quel commento sono i miei esami di termodinamica e macchine termiche però la richiesta di fonti non era per quello

Aristarco

Io non affermo nulla, tu dici che un'auto elettrica inquina più di una con motore termico, ma a sostegno di questa tesi non hai altro che la tua opinione

Andre Santos

Che poi è giustissimo mettere le fonti se in un commento sono presenti tanti numeri. Ma in questo praticamente non ce ne sono

tonyX86

Lo so pensa che io giro sempre con uno stradario appresso, nel caso incontrassi qualcuno che vuole sapere su cosa baso le mie indicazioni stradali

tonyX86

Se affermo che la produzione di batterie ha un impatto ambientale non ho bisogno di citare alcuna fonte perché qualsiasi processo industriale ha un impatto ambientale (anche l'agricoltura e l'allevamento lo hanno). Anche se affermo che in un veicolo elettrico c'è una quantità maggiore di batterie non credo di dover citare dati e statistiche per dimostrarlo. Il processo di riciclo delle batterie non è un processo di semplice smontaggio ma richiede energia e non c'è bisogno che vada a fare una ricerca anche su questo. Tutto queste risorse e processi non servirebbero per veicolo a combustione interna. Che l'energia elettrica è prodotta maggiormente da combustibili fossili lo puoi trovare ovunque. Quindi considerando ciò rispondevo al commento di uno che da come ha scritto ritiene meno inquinanti le auto elettriche io affermavo che non lo poteva ritenere con certezza. Io per quello che ho studiato ritengo che al momento non lo siano anche per il fatto che la filiera del riciclo al momento non sopporterebbe una grossa quantità di batterie e sicuramente, col tempo, verranno migliorati i metodi di riciclo. Infine essendo in un blog posso esprimere le mie ideii senza dover preparare un paper esattamente come fai tu, che la pensi diversamente da me e pretendi fonti da me quando neanche tu le fornisci.

Andre Santos
Aristarco

Io non ho detto assolutamente nulla ma solo chiesto le tue fonti, cosa che non sai fare, quindi il tuo é solo un parere personale

camo

Quindi tu sai per certo che ognuno dei 24000 brevetti scade a breve. Incluso quelli sull'idrogeno per i quali Toyota ha ad oggi prodotto una sola auto. E inclusi quelli che ancora deve depositare come scritto sopra. Ok.

tonyX86

Si parliamo di un massimo 36% per un motore diesel (qualcosa in meno il benzina) e di un massimo 40% per una turbina a gas. Il ciclo completo di un impianto può aumentare quel massimo 40% fino ad un massimo del 60% (questo negli impianti più avanzati). Però poi devi considerare il trasporto che ha un'efficienza compresa tra l'80% e il 95% (considera una media del 93%). Poi ci sarebbe quella di ricarica che peggiora con le ricariche rapide e quella della batteria che dipende anche dalla temperatura di esercizio. Infine quella del motore elettrico circa 98%. Alla fine probabilmente si ha un vantaggio per quanto riguarda l'efficienza globale ma non so se tutto il processo (produzione vita e smaltimento) del veicolo possa essere più o meno sostenibile dell'attuale ciclo di vita di un veicolo. Un po come per l'energia nucleare, che non inquina finché non ti trovi a smaltire le scorie. Così potrebbe accadere se dovessimo ritrovarci una mole di batterie da smaltire ed un settore non propriamente attrezzato

tonyX86

Visto che non mi proponi argomentazioni ma, a quanto pare conosci già la verità, dammi pure le tue fonti e sarò felice di cambiare le miei idee.

Desmond Hume

L'ibrido della C-HR è più simile a quello della Yaris o a quello della Corolla?

PassPar2_

Mi sembra facile il discorso, dopo 20 anni scadono

Aristarco

Fonti non le solite storie

Alexv

Un motore endotermico usa il 100% di combustibile fossile e penso anche con minore efficienza.

Alexv

Però il titolo fa capire un'altra cosa.

Simone

Lo so infatti l'ho detto...

tonyX86

Se ti interessa ti ripropongo il commento che ho scritto più sotto per spiegare perché pochi altri ci hanno investito. E non tralasciare il fattoche toyota occupi le primissime posizioni tra i car makers:

I primi veicoli ibridi toyota erano venduti in perdita, è stato tutta una scelta di marketing/investimento per il futuro (a lunghissimo termine) che pochissimi costruttori si sarebbero potuti permettere. Fca non è mai stata tra quelli avendo fatturato, vendite e presenza sui mercati internazionali inferiori a toyota. Fiat ha puntato, invece, tutto sul diesel (ottenendo ottimi risultati) e sui benzina ad alta efficienza (con risultati inferiori alle aspettative) come il sistema multiair. Quello che ha dato una spinta è stato l'improvviso, e per me immotivato, ban del diesel in città che non si poteva prevedere. Ma anche se fosse stato annunciato all'epoca fiat non avrebbe potuto permettersi un investimento del genere. E comunque sono strategie di mercato dettate sia dai soldi a disposizione sia dall'immagine del brand: c'è che punta all'innovazione che invece aspetta che le tecnologie siano più economiche o più affidabili. Anche perché non si può competere in tanti in un unico mercato utilizzando tutti le stesse strategie e puntando alla stessa fascia di mercato o tipo di consumatore.

Blue Collar

Questo nel 2014, periodo nel quale poche case automobilistiche investivano nell'elettrico causa ritorni economici nulli (Marchionne era costretto a vendere la 500 elettrica negli Stati Uniti in perdita di circa 14000€ per non perdere la licenza di vendita in California).
Ha ripetuto la sua offerta nel 2019, vedremo se con migliori esiti.

tonyX86

L'energia elettrica viene prodotta in centrali elettriche che per la maggior parte dei casi funzionano bruciando gas naturale e in alcuni casi carbone o olio combustibile (circa 85%). La restante parte è prodotta da centrali idroelettriche o da fonti rinnovabili come vento sole e non producono inquinanti nella produzione di corrente elettrica. Per quanto riguarda l'impatto ambientale dei due diversi tipi di auto considera che le batterie sono rifiuti speciali e non possono essere trattati come i normali rifiuti metallici. Si tratta di smaltire o recuperare nickel litio rame ed altri metalli che non sempre sono in forma "pura" ma in composti salini. Quindi vanno prima convertiti e poi recuperati. Poi ci sono i liquidi e gli acidi. Considerando che in entrambi i veicoli hai parti plastiche e parti metalliche ma nei veicoli elettrici hai anche le batterie. Sulla base di questo non sono sicuro che passare all'elettrico possa portare reali o notevoli vantaggi all'ambiente, allo stato attuale.

Lorenzo Cot

speriamo. questi sistemi sono montati sulle yaris che di certo non costano come le tesla e quindi sono accessibili

Lorenzo Cot

è stata realizzata solo per la california e fca ci perde una barca di soldi per ogni modello venduto.

Lorenzo Cot

unico problema è il cambio effetto scooter

Lorenzo Cot

in questo caso se aspetti quei brevetti diventano obsoleti, dovrebbe essere 20 anni

Aristarco

che l'unica lexus che ha un suo perchè e vale il prezzo d'acquisto era la LFA

rsMkII

In che senso scusa? XD

Lo ha fatto anche Musk con la tecnologia Tesla... Eppure non mi sembra che ci siano molti ad aver "copiato" il progetto...

Aristarco

fonti...

Aristarco

l'unica che vale è la LFA

Aristarco

penso lo sia già, va a combustibile sia solido che liquido

Blue Collar

"Open source e software libero, seppure siano sovente utilizzati come sinonimi, hanno definizioni differenti: l'Open Source Initiative ha definito il termine "open source" per descrivere soprattutto libertà sul codice sorgente di un'opera.[1] Il concetto di software libero descrive più generalmente le libertà applicate ad un'opera, ed è prerequisito che il suo codice sia consultabile e modificabile, rientrando generalmente nella definizione di open source."
Citazione da Wikipedia della differenza tra Open source e cessione di software, in questo caso neppure gratuita.
Toyota all'atto pratico affitta know-how e assistenza ad un prezzo da trattare, pagabile in fornitura tecnica.
Una buona notizia tutto sommato per molte case automobilistiche, la marca giapponese ha da tempo dimostrato di essere molto avanti sia sui motori ibridi che sul full elettrico.

camo

io avrei lasciato pure i credits obbligatori nel footer del sito, anzi della macchina. Una bella scritta hybrid by toyota giusto per fare notare come tutti questi marchi negli ultimi 20 anni abbiano ignorato la faccenda...

camo

ma parlate con cognizione di causa sulla scadenza dei brevetti o solo per fare caciara? Senza polemica eh, voglio capire.

rsMkII

Un paio di anni sicuramente no, direi piuttosto tra 10 anni per essere realisti.

Giorgio

Nn so in Giappone ma in occidente dopo X anni i brevetti diventano liberi di default, nn e che sono concessi da chi li ha in carico

rsMkII

La qualità delle Lexus è una cosa indescrivibile. Davvero su un altro pianeta rispetto alla quasi totalità delle auto di pari segmento e categoria. Assurde! :)

ilmondobrucia

Di certo non è possibile domani... Ma tra un paio di anni con gli ecoincentivi...

Legend94

Certo

PassPar2_

Rendere open source dei brevetti che il giorno dopo sarebbero comunque scaduti e diventati di pubblico uso? Grazie Toyota :D

rsMkII

Full Electric intendi, vero?

Sony

Sony, ecco l'autoradio 1 DIN con CarPlay, Android Auto e display da 9"

Linate chiude per tre mesi e trasloca a Malpensa: ecco tutti i motivi | Video

Mazda

Mazda Skyactiv-X: come funziona il benzina che si crede un diesel

Recensione Xiaomi M365 Pro: anche il miglior monopattino elettrico ha dei difetti