BMW Serie 1 a trazione anteriore e integrale: prime immagini e info ufficiali

27 Marzo 2019 8

Confermata la trazione anteriore per la nuova BMW Serie 1 2019, modello che - assicura BMW - non tradirà il proverbiale piacere di guidare offerto dalle auto del marchio. Per convincere i puristi mancherà la variante M135i xDrive con trazione integrale e motore 2.0 biturbo da 306 CV...

ANTERIORE, MA AFFILATA

La terza generazione di BMW Serie 1 - quella più "controversa" di tutte - si prepara al debutto, previsto entro la fine del 2019. Controversa perché, come ormai è noto, la compatta di Monaco di Baviera abbandonerà l'attuale (e unico sul mercato) schema a trazione posteriore e motore longitudinale in favore di una più classica ed economica soluzione con motore trasversale e trazione anteriore.

Puristi, non abbiate paura: BMW vuole rassicurarvi così, mostrando le prime immagini ufficiali della vettura (ancora allo stadio di prototipo di pre-serie dopo uno sviluppo durato 5 anni) durante gli ultimi test intensivi presso il centro prove BMW di Miramas. Il proverbiale "piacere di guidare" diella Casa rimarrà intatto: a sostegno di questa prevedibile e opinabile affermazione, BMW aggiunge che la nuova Serie 1 metterà sul piatto un "sistema di sospensioni di alto livello" e "tecnologie innovative" per la dinamica di guida. Senza dimenticare che ci sarà comunque l'opzione della trazione integrale.

Ma il vero passo in avanti per la nuova BMW Serie 1 sarà la tecnologia, ereditata dalle sorelle maggiori: dall'elettrica i3, Serie 1 2019 porterà per la prima volta al debutto su un'auto a combustione interna la tecnologia ARB (actuator contiguous wheel slip limitation), soluzione che sostituisce l'unità di controllo del controllo dinamico della stabilità con un attuatore integrato nella centralina del motore: il risultato è una vettura più agile e sensibile, in quanto il sistema agisce sul controllo della coppia erogata, riducendo il sottosterzo tipico delle auto a trazione anteriore.

Di serie ci sarà anche il BMW Performance Control, che migliora l'agilità del veicolo agendo in modo dinamico sui freni. E poi il pacchetto tecnico prevede una maggiore rigidità torsionale del telaio e ulteriori accorgimenti al comparto sospensioni posteriori, grazie alla presenza di bracci "a boomerang".

306 CV, 380 LITRI

Al vertice della gamma della nuova BMW Serie 1 non mancheranno motori "cavallati", tra cui il più potente 4 cilindri mai realizzato da BMW: si tratta del 2.0 TwinPower Turbo da 306 CV, un propulsore che troveremo sotto al cofano di BMW M135i xDrive. I consumi dichiarati per questa unità sono di 7,1-6,8 litri di benzina per 100 km, con emissioni di CO2 tra 162 e 155 g/km).

A tanta potenza, BMW Serie 1 affiancherà anche uno spazio per passeggeri e bagagli decisamente superiore rispetto all'attuale generazione: il nuovo schema meccanico abbassa il tunnel centrale e avanza l'abitacolo, lasciando a disposizione più centimetri per le gambe e la testa dei passeggeri posteriori (rispettivamente, +3,3 cm e +1,9 cm). Migliora anche la capacità del bagagliaio, che con 20 litri in più raggiunge ora i 380 litri.


8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mikel

Non vedo una foto laterale, la linea laterale ne risentirà molto secondo me.

Aristarco

purtroppo la meccanica delle auto si sta appiattendo, dalla trazione alla tipologia di sospensioni, è già tanto se saranno tutte con il multilink al posteriore

Nick126

Scaffale magari no ma ha perso i tratti distintivi

Aristarco

scaffale

Nick126

Niente TP, niente 6 cilindri...

Im_Simo

Teribbbbbbile!

Aristarco

beh dai al minimo ai 5 km/h li fa

sgarbateLLo

BMV40

Elettriche

Twingo Electric: la mia prima esperienza con un'auto elettrica | Video

Auto

Aumento benzina e diesel: quanto costa fare un pieno oggi | Video

Auto

Dacia Spring: come va l'elettrica economica da 9.460 euro (con incentivi) | Video

Auto

Nuova Mazda CX-30 2021 eSkyactiv-X: quando 6 cv fanno la differenza | Video