Volkswagen prepara la fabbrica di auto elettriche più efficiente d'Europa | VIDEO

16 Novembre 2018 38

Gli obiettivi di Volkswagen sono ambiziosi: costruire a livello globale, entro il 2025, più di 1 milione di auto elettriche l’anno. Per raggiungerli, la base di partenza deve essere una rete produttiva efficiente e tecnologicamente avanzata. Questo, nelle intenzioni dei dirigenti di Wolfsburg, è il destino della fabbrica di Zwickau, cittadina dell'Est della Germania, a pochi km dalla Repubblica Ceca.

Qui, a partire dalla fine del 2019, usciranno i primi esemplari della ID., il primo modello elettrico di VW ad essere costruito sulla nuova piattaforma modulare elettrica MEB. A pieno regime, si parla di 330.000 veicoli elettrici prodotti ogni anno, per un totale di 6 modelli di 3 brand del Gruppo Volkswagen.

L'efficienza passa per la sostenibilità

Un'auto elettrica, per essere definita sostenibile, deve essere anche costruita con il minore impatto ambientale possibile. Con la ID. Volkswagen vuole per la prima volta realizzare un prodotto con un bilancio di CO2 neutro nell’intera filiera di produzione e di consegna.

In che modo? Nel processo di produzione, le emissioni di diossido di carbonio verranno evitate o ridotte per quanto possibile. Misure di protezione del clima verranno intraprese per compensare le emissioni inevitabili, tra cui quelle che interessano la produzione celle per le batterie. Anche in questo caso, comunque, i fornitori hanno accettato di utilizzare energia proveniente da fonti rinnovabili.

Già nel 2017, all'inizio di una fase di trasformazione che convertirà l'impianto per la produzione di sole auto elettriche, l’approvvigionamento energetico dello stabilimento di Zwickau è già stato convertito al 100% all’energia ecologica. Entro l'avvio di produzione della ID., Volkswagen assicura che le emissioni restanti dello stabilimento e della filiera di fornitura saranno compensate da progetti di protezione del clima certificati.

La digitalizzazione entra in fabbrica

ID. sarà la Volkswagen più "digitale" e connessa di sempre, e così anche il suo stabilimento produttivo: grazie ad un investimento complessivo da 1,2 miliardi di euro per la conversione dell'intera fabbrica, l'attrezzatura messa a punto includerà robot intelligenti e sistemi di trasporto autonomi che porteranno i componenti alle linee in maniera totalmente automatizzata.

Secondo quanto dichiarato da VW, l’automazione sarà circa triplicata rispetto ad oggi, tuttavia il numero di lavoratori dello stabilimento rimarrà stabile.

La conversione delle linee di produzione di Zwickau, partita nell’estate del 2018, prevede che già a novembre 2019 sia completata una delle due linee di produzione, giusto in tempo per l'avvio della costruzione della ID. Neo, la monovolume 5 porte. La seconda linea sarà modificata seguendo la stessa procedura entro la fine del 2020 e inizierà a funzionare entro lo stesso anno. Entro il 2021 si dovrebbe raggiungere la massima capacità produttiva, che aumenterà dagli attuali 1.350 a 1.500 veicoli al giorno.

La trasformazione interesserà anche la formazione dei 7.700 lavoratori: tutti gli addetti stanno infatti partecipando a eventi sulla mobilità elettrica e 3.000 membri delle squadre stanno completando una formazione specifica dedicata alla nuova produzione. In totale, i lavoratori di Zwickau effettueranno circa 13.000 giorni di formazione entro la fine del 2019. La partita sul campo dell'elettrico è troppo importante per farsi trovare impreparati.


38

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Eros Nardi

Ti rispondo per quello che ho letto in giro nel blog:
non chiediamo a chi studia come fare, ci sono tesla con quasi 700'000 km sul groppone con una compagnia che gli ha fatto fare 500'000km in un anno e ha perso il 12.5% di capacità. se l'auto è fatta bene dura, così come quelle a petrolio.
Ci sono diversi programmi di recupero delle batterie, se non altro perchè anche se la capacità non è più sufficiente per un'auto non è detto che non possa fare altri lavori dall'alimentare lampioni al fare parte di una serie di accumulatori utili per le stazioni di ricarica o per la smart grid.
Ci sarà sicuramente una maggior richiesta di energia elettrica che potrà essere importata o prodotto in vari modi. Anche se venisse prodotta con lo stesso petrolio che smettiamo di usare si avrà un rendimento maggiore e un miglior controllo dell'impatto ambientale (ma nel concetto della smart grid sarebbe più intelligente investire nella microproduzione tipo pannelli solari).
Il prezzo più grosso lo stiamo già pagando per il fatto di non essere corsi prima ai ripari per tempo, avere qualche batteria da smaltire potrebbe essere meno grave rispetto all'attuale impatto generato dall'uso dei combustibili fossili e le varie case nel costruire questi nuovi stabilimenti sembrano avere un'occhio di riguardo all'ambiente.

Il rischio elettrico è anche quello che potrebbe potenzialmente causare danni per il meccanico non specializzato, ci sono ovviamente delle precauzioni riguardo al dove mettere le mani ed in caso di necessità (almeno per le tesla) ci sono dei cavi in punti strategici da tranciare per evitare ogni rischio anche se non so cosa comporta poi il rimetterli in funzione.

Ti ho espresso i pareri diametralmente opposti ma penso che la verità è nel mezzo: non sarà un cambio radicale dall'oggi al domani ma una cosa graduale e man mano che il mercato aumenterà ci saranno nuovi problemi ma anche sempre più stimoli per risolverli

IGN_mentale

Basta che ti guardi allo specchio, ecco quello è il cesso e ora vai!

mauro morichetta

Mi permetto di aggiungere un commento prendendo spunto da questo stesso blog ed aggiungendo che non sono un esperto ma leggo molto in rete l'andamento dell'elettrico. Fatte queste premesso mi permetto di aggiungere che molte case costruttrici a cui è stato chiesto quanto costa una batteria della vettura e le modalità di intervento sui singoli elementi, fanno comprendere che la vita si una vettura elettrica è di soli 160.000 Km, momento nel quale la batteria è al 70% della sua vita e va sostituita con un prezzo che si aggira intorno i 15.000 euro, prezzo che non creda sia mantenuto dalla vettura stessa. Cosa significa tutto questo? Obsolescenza programmata? Le batterie esauste come vengono smaltite o riciclate o rese nuovamente operative? Se la diffusione delle vetture elettriche nelle città sarà diffuso alla massa, come sarà possibile fare la ricarica in mobilità? Inoltre, la rete elettrica nazionale, ha la capacità di erogare corrente per tutti? Con una autonomia prefissata, l'usato sparirà completamente, perché non si parla da nessuna parte quanto costi un tagliando ad una macchina elettrica? Faccio una ultima domanda e concludo le mie perplessità, nel caso in cui si andrà verso questa soluzione, specialmente in Italia, paese nel quale, a quanto ne so, quasi la totalità delle materie prime viene importata, non porterebbe alla creazione di nuova energia nucleare ovunque questa venga importata? In conclusione so che siamo agli albori di questa tecnologia e che nel tempo si possa fare di più in tutti questi campi ma a quale prezzo dovremmo affrontare anche questo cambiamento, sia in termini ecologici che energetici? Non credo che l'elettrico sia una soluzione per questo mondo e non so proprio come si possa risolverlo. PS mi è capitato di vedere una ibrida incidentata rimossa da un carroattrezzi particolare contro le scariche elettriche, premetto che me lo hanno raccontato e che non so se sia vero, sapete per caso qualcosa in merito?

Tetsuro P12

Un vantaggio della rivoluzione elettrica potrebbe essere l'ottimizzazione del sistema produttivo, ripartire da zero con le nuove tecnologie e le nuove conoscenze sull'ottimizzazione delle risorse potrebbe essere una chiave di volta.

Carlo

Cioè mi diresti anche dove abiti?

IGN_mentale

Carlo, ma vai a ricagarlo!

Carlo

Sempre meglio di: coseca carlo

IGN_mentale

Carlo, ma vai cagarlo!

_GV_

Da come parli sembri un dipendente VW... ma che te frega di Tesla? Ti hanno fatto qualcosa? Non sopporti che vendano più auto elettriche di VW?

IceMatrix

Rileggiti quello che ho già scritto e che hai snobbato...

Carlo

E cosa ti hanno detto di specifico i tuoi amici? Forse che un gruppo come vw composto da brand come audi, porsche, Bentley e Lamborghini impreparato è all'avvento dell'elettrico? Strano perché la porsche hybrid alla 24h di le mans domina da parecchi anni

Manuele

Belle tecnologie, tecnologie che si fregiavano del logo "Hybrid" e consumavano e inquinavano molto piu' di un qualsiasi diselone common rail! Quanti ce ne sono in giro che pensavano di consumare meno e avevano sotto un 1.8 benzina...

nothingman

Toyota é avanti sull'ibrido ma no non ha mai spinto sull'elettrico

IceMatrix

Ho Amici che lavorano a wolfsburg seguo vari forum del settore e se ti dico determinate cose forse è perché le so altrimenti non mi permetterei, ma forse tu sei qua solo per provocare....

virtual

Eh ma purtroppo non è la stessa cosa... Non vivendo in città per me l'ibrida plug-in come la GTE sarebbe l'ideale, la e-Golf è solo elettrica.

Carlo

Ma come fate a dire che toyota è 10 anni "avanti"? Ma ce l'hai la patente che parli? Ma l'hai mai guidata un'automobile? In 20 anni di automobili penso che un'auto più disgustosa da guidare di una auris o una rav hybrid non esista, inoltre il vantaggio kilometrico si guadagna solobed esclusivamente in città (e neanche sempre) perché su statale ed autostrada l'ibrido non ha modo di rigenerare e cammini a 11/12 km al lt a benzina!

Dark Entries

Vw si sta buttando sull'elettrico ora solo dopo la figuraccia del dieselgate.
Toyota ad esempio dal gennaio 2018 ha fermato la vendita di auto diesel ed è tecnologicamente avanti di oltre 10 anni (la prima Prius è del 1997) su ibride (tutte), elettrico (Prius) e idrogeno (Mirai).

Carlo

Hai ragione adesso c'è la e-golf

Carlo

Toyota con un cambio automatico a variazione continua e due benzina 1.8 ed un 2.5 da anteguerra? No, grazie non voglio vomitar3

Fede64

Al di la che l' elettrico sia la strada giusta, rimane un bel business, pensate convincere il mondo intero che la loro auto va sostituita perché obsoleta.
Inoltre produrre vetturevelettriche è più semplice di quelle tradizionali, la stessa VW ha dichiarato che a regime avrà un surplus di almeno 20000 operai

virtual

Peccato che la GTE non la vendono più (e comunque si trovava mi pare a 40.000 euro, non pochi sebbene ben accessoriata)...

virtual

Va bene le I.D. ma fate anche le ibride plug-in per favore!

JeanJack

E' Toyota il marchio con più basi per ibrido/elettrico. VW deve confrontarsi con quel marchio...che non è piccolo come Tesla, anzi.

marcoar

In parte.

marcoar

Le e-tron e la golf elettrica attuale sono, a dispetto di un elettrica dei giocattoli che non sono né carne né pesce. Ci sarebbe, poi, da vederne la diffusione di queste e-tron (e visti i prezzi non sono così fiducioso di veder grandi numeri).
Il colosso, può imporsi in modo immediato. Il problema è (In un certo senso) la resistenza al cambiamento del colosso stesso.
Non è come fare le polpette, per intenderci

Gpat. (MBA/Mi8/HoMobile)

Pressioni di VW sul governo?
VW è del governo...

Tom Smith

Son tedeschi. Poi magari affumicano le persone.

marcoar

E, proprio per questo, tesla può stare abbastanza tranquilla.

Carlo

Appunto lo Switch sarà graduale e progressivo

Sterium

ma il video l'hanno commissionato ai bambini della scuola elementare?

Carlo

Ma scherzi? Vw vuol dire anche audi, le e-tron esistono già da un pezzo e la golf gte è un'ibrida plug-in eccezionale. Con la rete service che si ritrova e concesdionari in tutto il mondo potrà fornire autonomamente punti di ricarica fast-charge come già sta facendo mercedes. Penso tu non abbia la minima idea della velocità di imposizione sul mercato di un colosso internazionale

marcoar

Lo stop non sarà lineare.
E la non linearità è data proprio dalle pressioni di VW sul governo tedesco.
Per ora, VW, sull'elettrico ha tanti buoni propositi come tutte le altre case

Carlo

Vw ragiona in base a quello che dice il governo tedesco, dal 2019 comincerà lo stop ai diesel e cominceranno campagne ed incentivi

IceMatrix

Forse tu non conosci il periodo che sta passando VW (vedi omologazioni WLTP) e poi al contrario di altri che hanno già investito su ibrido ed elettrico ormai da anni lei è una di quelle che sta cominciando ora...
Poi per carità il gruppo è se non primo il secondo a livello mondiale, ma in questi ambiti o copi/compri progetti altrui o prima che arrivi al passo degli altri ci vuole un pò di tempo!

marcoar

Per VW si ragiona ancora al futuro.
Tesla è al sicuro.

Carlo

Hai presente una nocciolina ed una montagna, ecco questo è il paragone tra tesla e vw. E poi in cosa sarebbe avanti tesla? In auto da 100k euro con batterie da 1 tonnellata?

IceMatrix

:D Tesla è avanti "anni luce" nei confronti di tutti ;)

Carlo

Tesla addio, per te è finita

Auto

Auto elettriche e app di ricarica colonnine pubbliche: guida per principianti | Video

Curiosità

Apple Car, una storia infinita: cosa sappiamo finora | VIDEO

Motorsport

Formula 1: chi è Mick Schumacher? Storia e carriera del pilota Haas.

Auto

Audi Q5: solo mild-hybrid. Prova 40 TDI da 204 CV ibrida diesel con luci OLED | Video