Nissan Leaf: viaggio di 16.000 km a zero emissioni dalla Polonia al Giappone

29 Agosto 2018 86

Nissan Leaf si è resa protagonista di un viaggio a zero emissioni dalla Polonia al Giappone con l’esploratore polare Marek Kaminski. Nell'ambito del progetto #NoTraceExpedition, la compatta elettrica ha percorso 16.000 km dalla città polacca di Zakopane fino a Tokyo, passando per Lituania, Bielorussia, Russia, Mongolia, Cina e Corea del Sud. Un viaggio che ha permesso a Kaminski di testare tutte le potenzialità del veicolo 100% elettrico, tra cui alcune soluzioni innovative di ricarica in Russia.

Nissan Leaf integra le più recenti tecnologie della casa giapponese racchiuse nel programma Nissan Intelligent Mobility. La vettura si avvale di una batteria da 40 kWh che garantisce un'autonomia di 270 km nel ciclo combinato e 389 in città (WLTP), oltre a disporre di tecnologie come il pacchetto di ADAS ProPILOT e del sistema avanzato di recupero dell'energia e-Pedal in grado di accelerare e frenare col pedale dell'acceleratore.


Terminata questa esperienza, Kaminski si rimetterà al volante della Nissan Leaf per compiere il viaggio di ritorno. “Questo viaggio non ha come unico obiettivo quello di arrivare a destinazione, ma si propone di dimostrare le potenzialità della mobilità elettrica nell’ottica della maggiore sostenibilità. Nissan LEAF si è rivelata un partner sempre affidabile, sia nelle zone sperdute della Russia, che negli sterrati mongoli o nelle trafficate strade di Tokyo".

“Questo viaggio di 16.000 chilometri dimostra come, utilizzando un veicolo elettrico, le persone possano viaggiare comodamente anche su lunghe distanze senza inquinare, salvaguardando l’ambiente, proprio come Marek", afferma Gareth Dunsmore, Electric Vehicle Director Nissan Europe. Nissan Leaf, oltre ad essere l'elettrica più venduta della storia (340.000 unità in tutto il mondo dal 2010), è l'elettrica più venduta nei primi sei mesi del 2018 con oltre 18.000 unità immatricolate tra gennaio e giugno.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Gamingpro a 529 euro oppure da Amazon a 640 euro.

86

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Marco Galimberti

Quante panzanate, la maggior parte della gente si lamenta dei 200km poi va avanti a 10 euro di benzina alla volta anche perchè lavora a meno di 25km, è ovvio che il rappresentante per ora deve attendere ma la maggior parte delle persone comprese mamme che portano i figli a scuola e in piscina con suv 3.0 potrebbero già benissimo passare all'elettrico.

FCava

La guida autonoma è interessante fino ad un certo punto. A me piace guidare....

FCava

Concordo. Poi non puoi prevedere sempre l'utilizzo

The_Th

infatti è una cosa che critico sempre, non è emissioni 0...
anche le sole batterie non lo sono per nulla

The_Th

quindi dovrei spendere 40k per una macchina, e se devo andare distante devo spendere ancora per prendere una macchina a noleggio?
mi sembrate fuori di testa, prendo una macchina con la quale posso fare tutto...
cioè 40k + i costi dei noleggi è folle...

la guida autonoma è interessante, ma IMHO ci sono ancora troppe problematiche, non solo tecniche che la limitano fortemente...

The_Th

se non fa una percorrenza paragonabile ad una macchina a benzina/diesel è inutile, una autonomia di 250/300km con tempi di ricarica di ore non è compatibile con le esigenza di mobilità di tutti...
anche chi fa poca strada potrebbe trovarsi un giorno a fare un viaggio più lungo, cosa fa? ci mette giorni e fa le ferie in macchina per arrivare a destinazione?

19e20

A parere mio per il viaggio lungo se proprio lo si vuole fare in auto si noleggia.. ormai l’utilizzo principale è il tragitto casa supermercato lavoro..
In ogni caso queste auto elettriche le ritengo di passaggio finché non si raggiunge la guida totalmente autonoma, a quel punto mi auguro che l’auto sia solo un “servizio” da prendere (leggi bus, metro, treni) e non più un bene necessario..

The_Th

concordo in pieno...
una volta lo ho fatto notare che una macchina elettrica non è a zero emissioni e mi hanno massacrato dicendo che anche le auto a benzina inquinano, e anzi inquinano di più...
gli ho toccati nel profondo probabilmente...

The_Th

non vedo molte auto con >300km di autonomia...
quindi la tua prova mi sa che salta in fretta...considera che se usi tutti i giorni non puoi avere ansia da autonomia costante, metti che una sera dopo lavoro allunghi 10km perchè devi andare a fare la spesa, è molto caldo/freddo e devi usare più energia...
poi magari trovi un blocco del traffico e sei costretto ad una deviazione e non arrivi a casa...

poi per l'uso che faccio io in alcuni giorni mi basta, in molti altri sarei costretto a fare una sosta anche nel solo viaggio di andata...

The_Th

sempre come seconda auto di famiglia, visto che con la principale magari qualche viaggio più lungo lo fai...
come seconda auto però costa un tantino troppo l'elettrico, visto che quando uno prende una seconda auto punta alla praticità e al basso costo...

19e20

Noto con piacere che ha conosciuto il conte Mazzetti :)

19e20

E converranno pure loro che l’elettrico non è purtroppo ancora adatto a quei lavori, ma per la stragrande parte della popolazione che vive e lavora a ridosso delle città salvo spostarsi saltuariamente per tragitti un po’ più lunghi potrebbe essere già adatta ad essere una soluzione ottimale!

Tk Desimon

Bene ... Allora aspettami che arrivo...

shaytan79

certo altrimenti come mandavo questi messaggi.
in realtà mi suggerisce gabrile (l'arcangelo) che il 4g è una tecnologia legacy, di norma usano la connessione quantiscoentangled ad onda quadra con antenna scappellàta a destra per le comunicazioni di servizio

Tk Desimon

Hanno la rete 4G in oltretomba?

FCava

conosco gente che fa 1000 km al giorno (non sempre). Se per ogni ora/due di viaggio devi attendere almeno un'ora se non 2 per la ricarica, ci impieghi parecchio tempo

MasterBlatter

Il brutto è che se ti serve senza preavviso o dimentichi di caricarla ci perdi molto tempo

shaytan79

ciao scrivo dall'oltretomba, tutto è andato a buon fine, la corda ha retto e gli angeli mi hanno portato in gloria.
al momento sono bloccato al check in con san pietro, ma da una prima occhiata qui sembra che non hanno problemi di co2.

Bestmark 2.0

Dopo quanti minuti le batterie sono andate in surriscaldamento?

Desmond Hume

non penso che riesca ad aggiornarci se avrà successo

Snelfo

Thanos approva!

Pip

Senza ricarica ovviamente.
Il concetto è che tu usi l'auto tutto il giorno, torni a casa e la metti a ricaricare per poi trovarla carica l'indomani.
Con una batteria da 40kwh e il bassissimo consumo di una ioniq si può fare, ma opterei per una batteria da 60kwh, come quella della kona, auto che spero sarà oggetto di recensione da parte di un certo blog...

Tk Desimon

Già si può fare... Il problema è in quanto si può fare.

Tk Desimon

Se ci fosse stato iNiccolò con i Power Bank, avrebbe fatto andata e ritorno 86 volte.

Tk Desimon

Facci sapere se la cosa va a buon fine

Pip

Ma fare invece la dimostrazione che è possibile utilizzare un auto elettrica per percorrere tipo 300km al giorno per una settimana?
Sarebbe una prova estremamente più utile e convincente rispetto ad un viaggio di millemila km durato due mesi...
Quantomeno convincerebbe tutti quelli del "Eh, l'auto elettrica ha poca percorrenza per le mie abitudini"

Marco

Una media di 266km al giorno, pochini.
Bisognerebbe vedere le statistiche di ricarica, per capire le difficoltà incontrate.
Arrivare a destinazione in elettrico non un problema, ma il tempo impiegato si.
Sono il futuro, ma sarebbero meglio dei test di percorrenza in paesi dove esistono le colonnine, anche se poche, per capire le difficoltà e la fattibilità in km/tempo.

shaytan79

volete diminuire le emissioni di co2? bisogna diminuire la popolazione mondiale!
siamo quasi 7.5 miliardi di persone che consumano cose prodotte con energia che produce co2. se poi ogni persona fa un rutto un peto e uno starnuto a testa, si è già creata una catastrofe ecologica.
lo dice anche la legge del caos, un peto in cina crea una shit storm negli stati uniti.
intanto io do il mio contributo all'abbassamento dei livelli di co2, vado asuicidarm1

saluti

Mescal non dimentica

Emissioni zero per l'auto ed emissioni a go go dalle ricariche

Desmond Hume

E di questi 16mila km quanti ne faranno a spinta o trainati per via dell'assenza di colonnine?

Slartibartfast

Se possiedi un'auto, non capisco il tuo commento, dato che un certo costo ambientale per produrla ci sarà sempre. Per un'auto elettrica viene semplicemente mitigato durante l'uso, mentre con una a benzina peggiori pure la situazione.

LaVeraVerità

Avevo pensato la stessa cosa.

Nick126

In verità hanno 4000km di prolunghe in macchina, lungo il tragitto ci sono solo 4 colonnine.

Mamma mia... Non arrivi più.
È doveroso investire in strade alternative, i risultati si vedono nel tempo, ma non vendere auto inquinanti come se non lo fossero.

LaVeraVerità

Immagino anche la grande quantità di colonnine di ricarica sparse per la Russia...

https://uploads.disquscdn.c...

https://uploads.disquscdn.c...

in questi 16 mila km quante ore spenderà ad aspettare che si carica la batteria? hhahaha

È questo cosa c'entra con il mio mettere in evidenza la fuffa marketing, cui si presta l'articolo acriticamente, che vende qualcosa che non esiste?

E le centinaia di kw prodotti per produrre Isostar e Gatorade con cosa le produci?

Luca

No, intendevo il viaggio inteso come itinerario. Forse era questa la parola da usare.

Notizia trovata poco fa del 2012
17 DICEMBRE, 2012

Roma, 17 dic. (Adnkronos) - E' passata poco più di una settimana dalla conclusione del vertice sul clima di Doha dove la Banca Mondiale per gli Investimenti ha ammonito il mondo del rischio di un aumento della temperatura di 4 gradi, se non verranno prese iniziative concrete per la diminuzione delle emissioni, che la stessa banca sta per avviare un progetto per il sostegno finanziario della costruzione di una grande centrale elettrica a carbone in Mongolia, nella parte meridionale del deserto di Gobi.

LaVeraVerità

Beh, carbone... al massimo sterco di Yak.

Ti do ragione, ma calcola che molte vetture quando si fermano al semaforo, smettono di contare (persino i consumi!). Probabilmente Vash possiede una di quelle vetture alla VW che quando stanno fermi mettono in pausa i contatori dei consumi e della velocità media.

Io pur stando 80% in autostrada, difficilmente arrivo oltre i 60km/h di media.

GianL

come in USA e Australia, tutto normale quindi

Slartibartfast

Tu non possiedi un'auto?

Già solo per produrla la Leaf... Chissà quanta co2 e materiali inquinanti.

Fuffa.

No tranquillo... avranno bruciato kg se non tonnellate di carbone ma per chi ha fatto il titolo "occhio non vede, cuor non duole" ...

In realtà per la città vanno bene ma c'è troppa fuffa... zero emissioni per niente.

Ormai quasi solo marketing... zero emissioni locali(!), forse, visto che *nemmeno* se l'energia derivasse da pannelli solari sarebbe a emissioni zero.

Giorgio

Perchè le centinaia di kw prodotti per caricare le batterie con cosa le produci?

Auto

Tarraco: il nuovo stile di Seat nel SUV spagnolo più comodo di sempre | Video

Curiosità

Aerei troppo inquinanti: quali le alternative e come sceglierle | Storie

Articolo

Un’Alfa Romeo Giulia elettrica affronta la sfida dell’ETCR

Eventi

Motor Valley Fest 2020: un’esperienza tutta da vivere