Car sharing: Italia primo paese europeo con 1,3 milioni di utenti

30 Maggio 2018 89

Con quasi un milione di veicoli "condivisi" su strada e oltre 1,3 milioni di utenti, l'Italia è il primo Paese europeo nel car sharing, seguito dalla Germania. Questo è quanto emerso dalla presentazione della 17esima edizione del Rapporto ANIASA, l’Associazione di Confindustria che rappresenta il settore dei servizi di mobilità (noleggio veicoli a lungo termine, rent-a-car, car sharing, fleet management e servizi di infomobilità e assistenza nell’automotive).

Ogni giorno 19.000 persone in tutta Italia si servono di vetture in condivisione. Un'abitudine che mostra un trend di crescita nel 2017 rispetto all'anno precedente: l’aumento ha riguardato sia il numero di utenti iscritti ai servizi offerti dai singoli operatori (1.300.000, +21% vs 2016), sia gli utenti realmente attivi (820.000 con almeno 1 noleggio negli ultimi 6 mesi, + 38%).

Milano capitale europea del car sharing

La città che più ha spinto sul car sharing è Milano: con una flotta di 3.100 vetture, 640.000 utenti e 3.830.000 noleggi nel 2017, il capoluogo lombardo ottiene di diritto anche il titolo di capitale europea del car sharing. Segue non troppo distante Roma, con una flotta di 2.100 vetture, 430.000 utenti ma "solo" 1.770.000 noleggi. Terzo posto per Torino, seguita da Firenze.

Il profilo medio del cliente di un servizio di car sharing? "Uomo, 36 anni, utilizza omogeneamente il servizio durante la settimana e nelle diverse fasce orarie della giornata, per una durata media di 31 minuti, per percorrere 7 km". Il 30% degli utenti appartiene ad una fascia d'età giovane (dai 26 ai 35 anni), con una base d'utenza composta per 2/3 dal pubblico maschile.

Le ragioni del successo

In Italia, nel 2017, il parco di veicoli condivisi è cresciuto del 9% (con circa 500 auto in più), mentre il numero dei noleggi è salito del 7%, superando i 7 milioni: gli italiani, dunque, si iscrivono a più servizi (ogni utente, infatti, possiede una media di quasi tre tessere) a seconda delle loro necessità e della flotta a disposizione.

Un successo che genera benefici per le nostre strade: i veicoli nuovi contribuiscono a svecchiare il parco circolante, a decongestionare il traffico e ovviamente, con le loro dimensioni compatte e i consumi ridotti, permettono di inquinare meno: secondo uno studio condotto da ANIASA con il Centro Studi Fleet&Mobility, le vetture a noleggio possono contare su emissioni decisamente ridotte rispetto a quelle del parco circolante nazionale, tra i più anziani d’Europa:

meno della metà (se a benzina) e due terzi (se diesel) in meno di monossido di carbonio, il 50% in meno di ossido di azoto e -70% di emissioni di idrocarburi incombusti.

Cosa può fare il governo

Per il presidente ANIASA Massimiliano Archiapatti il ruolo delle istituzioni è fondamentale per uno sviluppo sostenibile della mobilità alternativa in Italia. Per questo lancia la sfida al prossimo Governo:

Stiamo vivendo un cambiamento epocale negli scenari di mobilità cittadina, turistica e business del nostro Paese, guidato da tre elementi chiave: condivisione, connettività e sostenibilità. Una graduale evoluzione che testimonia il nostro nuovo modo di muoverci e che sta accompagnando gli italiani verso un utilizzo più intelligente dell’auto, verso forme di mobilità a consumo.


Il prossimo Governo può accelerare il progresso in atto, rimettendo in agenda la revisione del Codice della Strada, ancorato ad una mobilità anni ’80 che, non contemplando la sharing mobility, rischia di frenarne la diffusione. È fondamentale un cambio di marcia, anche promuovendo motorizzazioni più ecologiche e reti infrastrutturali di connessione, che facilitino spostamenti e trasporti a beneficio del sistema Paese.


89

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
sgarbatello

la stessa delle altre notti immagino

Everything in its right place.

Ma la società madre può avere anche un utile dalla pubblicità, ma mediamente le società di Car Sharing perdono 4700 euro a macchina (che gli vengono elargiti dalla casa madre). Poi è ovvio che i costi di manutenzione e gestione vengono gestiti internamente e vanno valutati in modo particolare, ma rimangono rossi enormi.
26 milioni sono i dati Italiani. Solo Car2go ha perso 64 milioni tra Usa, Canada, Germania e Italia nel 2016.

Francesco

volevo dire è anche una pubblicità a smart, 500, mini ecc...

Parli di perdite globali o solo in italia?

Everything in its right place.

Tutti i dati disponibili di (quando sono stati resi pubblici) li danno in rosso secco: nel 2016 Drive Now, Car2go, Enjoy e Sharengo hanno fatto 26 milioni di perdite. La pubblicità non è un utile, è un costo e sono tutti in rosso. Che poi la società madre ci guadagni dalle "aumentate vendite" dovute alla pubblicità è un altro discorso. Ma non è che se BMW è in attivo pure Drivenow lo è.

Francesco

Hai i bilanci? Questi servizi servono anche per la pubblicità ai brand e come la conteggi quella?

Francesco

Eh già è aperta sempre! Ma figurati che esigenza cel è di fare manutenzione il sabato notte

sgarbatello

quella di New York è dotata di binari supplementari
per deviare il traffico durante la manutenzione

Francesco

Motivi infrastrutturali, ma per favore... si chiama risparmio e lobby dei taxi (e ultimamente car sharing)

Come fanno a Barcellona e londra? E a ny dove è aperta 24/7?

sgarbatello

Certamente, il punto è che se non lo fanno nemmeno nei weekend evidentemente ci sono dei motivi infrastrutturali, non dipende dalla volontà di non dare un servizio.

Tony Musone

Boh... Perdonami ma non ci ho capito nulla. Fa nulla. Salùt.

Fabio

Direi che le persone che usano il car sharing ne cercano una finchè sono disponibili. Ce ne sono meno in giro quando tutte sono occupate e chi ne avrebbe preso una finisce col prendere i mezzi pubblici.

Tony Musone

Ovvio che i mezzi pubblici, quando viaggiano pieni, sono un'alternativa migliore del car sharing, altrimenti quest'ultimo è meno inquinante e riduce il numero complessivo delle auto circolanti, perchè se sono condivise sono auto in meno non in più... #sapevatelo ;)

Fabio

Quante persone vedi a bordo di una auto in car sharing? I mezzi pubblici decongestionano il traffico, non altre auto.

GianTT

Ma sei ritardato?

GianTT

A Milano i mezzi pubblici funzionano, e anche molto bene, e le bici sono talmente diffuse che anche il bike sharing è un successo. Non tornerebbe quindi con il tuo ragionamento

Markk

Ma commenta tu, a me non dai nessun ordine e io non sto ai tuoi umori.

Francesco

lascia perdere, la prima volta che l'ho presa c'ho messo 5 minuti per capire come mettere la retro (bisognava prima premere il freno) e altri 5 minuti per togliere la chiave (e ancora non ho capito come si fa)

con la mini di drivenow invece la prima volta ho fatto 5 km coi fari spenti e la gente che mi suonava :-D

Body123

Devo imparare a guidare col cambio automatico, mai fatto, ci ho provato con la car2go e non sono riuscito nemmeno ad uscire dal parcheggio ahahah e ci ho rinunciato. c'è da dire che non sapevo nemmeno cosa significassero le lettere, pensavo che la N fosse Navigation invece ho scoperto dopo che è folle

Body123

Mhà, un'auto non tua la tratti peggio rispetto ad un'auto tua, ma neanche volontariamente, è così e basta. Tipo nel modo di usare la frizione ecc. si usura quindi molto più velocemente.

Body123

Ma la politica pure qua? Commenta sulla pagina di Di Maio su.

Giulio Piemonte

Finchè hai Rocchetta che ti fa fare tanta plin plin, l'italiano medio boccalone te la compra.

Tony Musone

Se più persone condividono la stessa auto è lapalissiano che ce ne saranno meno in circolazione e meno saranno quelle ferme in sosta. Cosa c'è che ti sfugge?

E K

e una rondine non fa primavera se passa sull'erba del vicino, etc. Ovvio che si parla per assurdo, le cose per cambiare devono essere pianificate e ci vuole tempo e denaro.

Everything in its right place.

La cosa pazzesca è che nessuno dei grandi player è in attivo. Attualmente gli unici a guadagnarci sono i comuni con i permessi per ZTL e posteggi.

Everything in its right place.

Ma le bici spesso vogliono un credito e non ho sbatta di metterci soldi

Francesco

ho le bici, ofo e mobike

Everything in its right place.

Quei robi a milano sono in condizioni pietose. Ne ho guidate alcune che non avevano praticamente più la frizione

Everything in its right place.

Scomodissma da usare tra l'altro

Everything in its right place.

Ti mancano le moto

Desmond Hume

Se hai questa esigenza ti compri la renault twingo che è la stessammerda e costa meno.

Nonostante le 5 porte poi i vetri dietro sono a compasso hahaha

Giulk since 71'

La Smart ha un senso nelle metropoli come Roma, dove puoi tra le cose adottare il parcheggio "creativo", per il resto ha un prezzo di listino fuori di testa per quello che è l'auto

Alla ricerca del tempo perduto

chi di speranza visse disperato morì
è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago...

Desmond Hume

Che macinino la smart forfour... Fatta in economia ma non mi sembra che il listino sia economico.
Il top è che chiunque può aprire il cofano anche senza chiave e portartelo via visto che è un pezzo di plastica hahahaha

E K

La mia era una provocazione, non so come si risolverá la cosa, di sicuro una soluzione andrá presa. Spero nel frattempo migliorino la cultura ed il rispetto.

Lele Prozac

ormai le tesla le usano i parchi giochi come autoscontro

Francesco

basterebbe ven e sab

Francesco

quello serve per noleggiare un auto più di un'ora

Francesco

eh già bello, la spagna nel 2008 avrà avuto il 40% di debito pubblico, noi ereditiamo decenni di assistenzialismo, baby pensioni e via dicendo

Markk

É logico gli italioti precari schïavizzati non possono più permettersi neanche un'auto decente oggi, ringraziare i vostri euroamici Renzi, Berlusca, hanno aumentato il debito pubblico di 190miliardi dal 2013 al 2017 (Monti, Letta, Renzi,Gentiloni) e i vostri padroni FMI, Washington, Bruxelles, e agenzie di rating massoniche bilderberghiane. Il reddito pro capite italiano è stato superato persino dalla SPAGNA, non era il TERZO MONDO ITALIOTA?

Dai che c'è la partita stasera!!!!

qandrav

ti manca ubeeqo!! XD

SteelRonin

Ministro dei trasporti pubblici vero?

matiu2

Ma anche no, rischiare che rovinino interni o carrozzeria (per non parlare di uso improprio delle funzioni che potrebbero accelerarne l’usura), tutto questo per pochi spiccioli... oddio poi se hai un auto da poco si può anche fare.

FDR

Mettereste a disposizione nei momenti in cui non vi serve la vostra auto a mo di car sharing (sapendo che è geolocalizzata, controllata è assicurata anche da un'altra assicurazione offerta dal servizio stesso) in cambio di denaro?

Alla ricerca del tempo perduto

sì ma non puoi impedire ad uno di milano di andare a napoli con la sua auto dotata di guida autonoma
forse si disattiverà tramite GPS?

sgarbatello

il che però non è così automatico per questioni di manutenzione delle linee e altro, se pensi che anche a parigi di notte non girano.

Francesco

basterebbe tenere aperta la notte la metro per affossare il servizio

io la uso solo per tornare la sera praticamente

E K

Non verranno vendute in certe zone.

E K

A Bari sono peggio.

Francesco

car2go, enjoy, drive now, sharengo... tutti ce li ho

Fabio

"Aiutano a decongestionare il traffico". Come no, ancora più mezzi che circolano e c'è meno traffico.

Auto

Nuovo Mercedes-Benz Citan, van compatto ma spazioso | Recensione

Auto

Tesla Model Y, i consumi reali sorprendono nel nostro test: autonomia e noleggio

Articolo

Decreto Infrastrutture, le principali novità per il Codice della strada | Video

Elettriche

Hyundai Bluelink, 5 cose da sapere | Prova infotainment su Kona Electric