Ford S-Max Vignale, sportività di lusso

18 Aprile 2016 0


Dopo la Mondeo, ecco la Ford S-Max Vignale, nuova espressione del premium Made in Detroit con un attenzione particolare verso i dettagli di pregio ed i servizi dedicati ai clienti più esigenti. 

Ford ha da poco rilanciato il marchio Vignale, carrozziere torinese attivo dal 1946 al 1974 nell'ambito delle fuoriserie, per arricchire l'offerta della sua gamma in direzione del lusso premium. Dopo il lancio della Mondeo Vignale arriva la Ford S-Max Vignale, versione di punta del SAV (Sport Activity Vehicle).

Anche l'S-Max potrà essere configurata dai clienti nei Vignale Lounge con particolare attenzione alle personalizzazioni, per abbinarsi ai guasti di chi la sceglierà. Dettagli di serie invece sono gli elementi esterni cromati, in alluminio o in nero satinato. All'interno è dove si trovano le principali modifiche rispetto alla S-Max standard.


Portiere e sedili sono rivestiti in pelle "pieno fiore" con motivi esagonali ed impunture a vista, offerti in tonalità sia chiara Cashmere che scura Ebony, e in quest´ultima il rivestimento include anche console e pannello strumenti.

La gamma delle motorizzazioni include l´EcoBoost 2.0 da 240 cavalli con cambio automatico Powershift, e il TDCi 2.0, disponibile in potenze da 150 (trasmissione manuale, anche trazione integrale, o Powershift), 180 (trasmissione manuale o Powershift, anche iAWD) e 210 cavalli (solo Powershift). Il prezzo di partenza della Ford S-Max Vignale è di 43.200 euro.



0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Auto

Kia EV6: come è fatta e quanto costa? Dotazioni e prezzi in Italia | VIDEO

Elettriche

Sfide elettriche: da Milano a Roma con la Volkswagen ID.3 ricaricando gratis

Auto

Peugeot e-2008: prova su strada in centro città, i consumi e un difetto | Video

Auto

Mercedes e Aci insieme per la guida sicura: la mia esperienza con un minicorso