Kappa: nuovi zaini e borse da moto

25 Novembre 2015 0


Viaggiare in moto richiede sacrifici e tra questi c'è sicuramente quello dello spazio, nettamente inferiore rispetto ad un'auto o uno scooter. Per questo esistono diversi modelli di zaini e borse da moto pensati per ampliare le possibilità di carico.


Kappa ne ha presentate tre ad EICMA 2015 e la prima è la RA 309 Racer, una borsa da serbatoio pensata per sportive e naked che propone alcune caratteristiche interessanti tra cui il sistema di aggancio rapido al tappo del serbatoio e il porta smartphone removibile.


RA 309R propone una capacità di carico di 8 litri ed è compatibile con l'aggancio rapido sfruttando una flangia apposita per il proprio modello di moto. La borsa è dotata di maniglia e tracolla, propone una tasca esterna frontale per gli oggetti più piccoli e integra un porta smartphone con finestra trasparente.


Ad affiancarla troviamo poi due nuove borse impermeabili: Kappa WA407 e WA408. La prima è una borsa pensata per il tunnel centrale dello scooter e in grado di offrire una base antiscivolo, sistema di fissaggio a 2 cinghie (utilizzabile anche per sella e portapacchi) e 15 litri di capacità di carico. La borsa è dotata di maniglia e tracolla ed è realizzata in materiale impermeabile con zip e saldature a prova d'acqua e polvere.

La stessa tecnologia è utilizzata dalla WA408, una sacca/zaino da 13 litri con cinghia regolabile per la vita, maniglia asole per l'aggancio degli accessori e tasca frontale con zip.



0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Auto

Kia EV6: come è fatta e quanto costa? Dotazioni e prezzi in Italia | VIDEO

Elettriche

Sfide elettriche: da Milano a Roma con la Volkswagen ID.3 ricaricando gratis

Auto

Peugeot e-2008: prova su strada in centro città, i consumi e un difetto | Video

Auto

Mercedes e Aci insieme per la guida sicura: la mia esperienza con un minicorso