RENAULT: più autonomia per la ZOE

03 Luglio 2015 0


La Casa francese presenta una novità molto interessante: R240, un motore al 100 % elettrico, al 100 % Renault, che sarà montato sulla ZOE, conferendole un´autonomia  maggiore: ora sono 240 chilometri. Il veicolo elettrico ne guadagna così 30 in più.

Renault, l´unico Costruttore a proporre una gamma completa di veicoli elettrici, arricchisce la sua offerta con una novità destinata alla piccola ZOE: il motore R240, che offre un maggior raggio d´azione per i propri spostamenti quotidiani.

Il propulsore R240 è un motore elettrico sincrono con rotore bobinato da 65 kW e 220 Nm con caricatore Caméléon integrato. Accompagnato da una batteria dalla gestione elettronica ottimizzata, il nuovo propulsore aumenta l´autonomia di ZOE di 30 km rispetto al motore Q210, portandola a 240 km NEDC, un valore ineguagliato nel suo segmento.


Gli ingegneri Renault sono riusciti a ridurre del 10% le dimensioni del motore. Oltre all´ingombro ridotto, beneficia di un miglioramento della resa e delle performance di ricarica, grazie all´ottimizzazione della gestione elettronica di ogni componente. La ricarica sulle prese domestiche diventa più rapida del 10% in media, grazie ad un´evoluzione del sistema di ricarica Caméléon.

La versione ottimizzata del caricatore, disponibile con il motore R240, risulta particolarmente efficace sulle colonnine da 3 a 22 kW, che rappresentano oltre il 95% delle infrastrutture di ricarica attualmente disponibili.

Gli ingegneri del Costruttore transalpino hanno migliorato la resa del motore ottimizzandone la gestione elettronica, riuscendo in tal modo a ridurre il consumo elettrico di ZOE in funzionamento, senza perdite di potenza.

Con questo propulsore, Renault continua ad impegnarsi a favore di una mobilità elettrica accessibile a tutti. La sua autonomia assicura maggiore flessibilità ai clienti che la utilizzano per i loro tragitti quotidiani.

Renault conserva comunque nella sua offerta commerciale il motore Q210, che consente una ricarica rapida di ZOE sulle colonnine da 43 kW.

Il nuovo R240, integralmente sviluppato da Renault, è stato progettato dagli ingegneri del Technocentre (Guyancourt, Yvelines) e dello stabilimento di Cléon (Seine Maritime), dove è anche prodotto. Il sito di Cléon sorge nei pressi dello stabilimento Renault di Flins, che produce la ZOE, già provata da noi qualche mese fa.


Lo stabilimento Renault di Cléon è il fiore all´occhiello del Gruppo per la produzione di motori e trasmissioni a forte valore aggiunto (motori Energy, motori Renault Sport, ecc.). Produce, da 2 anni, la "Junction Box" di ZOE, la centralina d´interconnessione sviluppata dall´ufficio studi del Technocentre.

Il sito di Cléon vanta, quindi, una solida esperienza che mette a frutto oggi per produrre il "Power Electronic Controller" del motore R240. Per quanto riguarda la sua esperienza in termini di bobinatura, essa deriva da un miglioramento delle competenze sviluppato nell´ambito dell´Alleanza.


Innovativo per la progettazione e l´architettura, il propulsore R240 ha permesso di depositare 95 brevetti.

Per progettare, mettere a punto e produrre questo nuovo motore ad alta tecnologia, il Gruppo Renault capitalizza il proprio know-how di motorista termico e l´esperienza acquisita dalle sue équipe. Come molti sanno, Renault è impegnata nel nuovissimo campionato di Formula E, che ha appena chiuso la sua prima stagione, ed è proprio in qualità di esperto del veicolo elettrico che il Gruppo è stato scelto come partner tecnico del campionato. Renault testa le tecnologie elettriche in competizione, nella prospettiva di un costante miglioramento del veicolo elettrico di serie.

Per il secondo anno consecutivo, Renault è agli avamposti per le vendite di Veicoli Elettrici in Europa nel 2014. La Marca registra un nuovo incremento dei volumi e della quota di mercato anche nel 2015 (secondo i dati di fine maggio).

Alla fine del 2014, il numero di colonnine di ricarica nel mondo era in aumento del 60% rispetto al 2013. Oggi, sono accessibili oltre 100.000 punti di ricarica pubblici, di cui 55.000 in Europa.

La rete urbana si estende e diventa più densa anche per collegare le città tra loro, con l´installazione di colonnine di ricarica rapida sugli assi autostradali in Europa. Tali colonnine ricaricano l´80% della batteria di ZOE in 30 minuti. I corridoi autostradali Cardiff-Londra e Londra-Manchester, ad esempio, dispongono già di un centinaio di tali infrastrutture. Progetti analoghi stanno nascendo in una quindicina di altri Stati europei. Circa 1.000 colonnine di ricarica rapida saranno disponibili sulle autostrade europee entro la fine del 2015.

Il TOP di gamma più piccolo di Apple? Apple iPhone SE, in offerta oggi da mediaworld.it a 449 euro oppure da Amazon a 671 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Auto

Auto elettriche e app di ricarica colonnine pubbliche: guida per principianti | Video

Curiosità

Apple Car, una storia infinita: cosa sappiamo finora | VIDEO

Motorsport

Formula 1: chi è Mick Schumacher? Storia e carriera del pilota Haas.

Auto

Audi Q5: solo mild-hybrid. Prova 40 TDI da 204 CV ibrida diesel con luci OLED | Video