Honda S660: la roadster andrà in produzione nel 2015

09 Maggio 2014 0


Tanto tempo fa, più precisamente tra il 1991 e il 1996, c'era una piccola roadster chiama Honda Beat, una Keicar* (in fondo vi spieghiamo cosa significa) da 64 cavalli e soli 760 chilogrammi di peso. Estinta da tempo, la Beat tornerà nel 2015 sotto il nome di Honda S660, una roadster compatta presentata al Tokyo Motor Show nel 2013 e pronta ad entrare in produzione.

Costruita nella stessa fabbrica dell'antenata, la S660 concept monta un tre cilindri turbo da 660 cc e punterà ad offrire una guida agile e brillante oltre ad una "stabilità straordinaria". Queste le dichiarazioni di Honda che, per voce del CEO Takanobu Ito, aggiunge:

questo modello rappresenta il pensiero dei nostri giovani ingegneri Honda, vogliamo fare un'auto cool e unica. I nostri ingegneri stanno mettendo tutta la loro passione, insieme alle nostre tecnologie, per sviluppare l'auto.

Resta però da capire quale sarà il destino della due posti, in particolare se potremo mai vederla in commercio al di fuori del Giappone. Se il prezzo fosse competitivo, infatti, una cabrio leggera con motore centrale potrebbe attirare acquirenti anche in Europa, specie per i consumi ridotti.

*Keicar: si tratta di veicoli compatti venduti quasi esclusivamente in Giappone dove possono sfruttare una tariffa assicurativa ridotta oltre che a costi inferiori per i parcheggi. Le dimensioni massime sono di 3.4 metri di lunghezza per 1.48 di larghezza e 2 m di altezza, con massimo 64 CV e motore da 660 cc.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 484 euro oppure da Unieuro a 569 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Guide acquisto

La guida definitiva ai monopattini: sicurezza, accessori, consumi, differenza con bici elettriche e consigli

Auto

Nuova Skoda Octavia 2020: stupisce sotto tanti aspetti | Prova Wagon 2.0 TDI

Elettriche

Recensione Askoll eB5: bici elettrica semplice e concreta

Auto

Ford Puma Hybrid: convince in tutto...ma l'ibrida è necessaria?