Uber Movement, nasce il sito per il traffico in tempo reale

11 gennaio 2017

home-travel-times-hero-acd8a71c4a

Uber Movement è un nuovo servizio lanciato dall’azienda americana di trasporti privati che sfrutta i dati raccolti dagli autisti Uber per analizzare il traffico in tempo reale e per fasce di tempo.

Uber ha annunciato l’espansione dei suoi servizi in un ambito del tutto diverso da quello che finora avevamo conosciuto. Uber Movement è un servizio che permette a tutti di conoscere il traffico in tempo reale in varie città in cui il servizio è disponibile. Per ora prenderà il via a Boston, Manila, Sydney e Washington e piano piano si espanderà nelle restanti città del mondo in cui Uber è disponibile. Queste informazioni verranno rese disponibili soprattutto per le amministrazioni locali in modo da rendere più semplice analizzare il flusso di traffico per fasce orarie o di tempo in generale.

Grazie ai dati messi a disposizione da Uber Movement sarà possibile capire in anticipo le conseguenze dell’apertura di un cantiere o della chiusura di una linea di trasporto pubblico. Un modo ideale per sfruttare la grande mole di dati raccolti dai conducenti Uber nella loro quotidianità. Uber poi specifica che i dati sono raccolti in modo del tutto anonimo e sfruttati come un piccolo granello di sabbia in un flusso ben più imponente e significativo. Non si tratta di una novità assoluta visto l’uso di un sistema simile per il traffico nei vari “Maps” disponibili su dispositivi mobili e non solo, ma è una novità per il colosso americano dei trasporti pubblici.

In questo caso l’iniziativa potrebbe anche essere un tentativo di distendere i rapporti con varie amministrazioni, che negli anni sono diventati tesi per l’opposizione di varie associazioni di categoria dei trasporti verso Uber. Così l’azienda ha commentato l’arrivo del nuovo esperimento:

“Si tratta solo del primo passo. Gli amministratori delle città devono affrontare molte sfide e speriamo di poterli aiutare ancora di più in futuro. Siamo felici di collaborare con le pubbliche amministrazioni, le organizzazioni di ricerca e chi si occupa dei centri urbani mettendo a disposizione funzionalità che chi gestisce oggi il sistema dei trasporti necessita”

Vedremo con il tempo come si muoverà Uber con questa nuova arma al suo arco.

Storie: