Uber: la self-driving car si ribalta, ma la colpa non è sua

27 marzo 2017

188
Commenta

Uber-crash-Arizona

Una Volvo XC90 a guida autonoma facente parte della flotta di veicoli di Uber è stata coinvolta in un incidente con un’altra vettura. Uber ha momentaneamente sospeso i test, anche se la colpa sarebbe imputabile all’altro veicolo.

Primo incidente “degno di nota” per una vettura a guida autonoma di Uber. Nella tarda giornata di venerdì, infatti, una delle Volvo XC90 appositamente allestite per i test a guida autonoma è stata speronata da una Ford Edge nella cittadina di Tempe, in Arizona.

La dinamica dell’incidente pare abbastanza semplice: secondo quanto dichiarato dal Dipartimento di Polizia di Tempe, la Ford avrebbe colpito sul fianco la Volvo, che dunque si sarebbe ribaltata come possiamo vedere dalla foto in apertura. Uber ha confermato che la XC90 fosse in modalità di guida autonoma. Presente anche il conducente, che però non è stato in grado di evitare la collisione, mentre, fortunatamente, non c’erano passeggeri a bordo. Nonostante il ribaltamento, l’uomo al volante se l’è cavata solamente con un brutto spavento.

Uber sposta i propri test a guida autonoma in Arizona

La presenza di Uber in Arizona nasce dalla polemica nata lo scorso dicembre con il Dipartimento dei Trasporti della California, che ha frenato i test a guida autonoma di Uber in quanto mancavano all’appello diversi permessi per la circolazione dei veicoli senza conducente sulle strade pubbliche. Della querelle ha approfittato il Governatore dell’Arizona Doug Ducey, che ha subito aperto le porte e le strade del proprio stato federale alla flotta di SUV a guida autonoma.

Al momento Uber non ha comunicato ulteriori dettagli sulla vicenda.

  • manu1234

    “La flotta di veicoli di Uberto” ahahah piccolo errore

  • iclaudio

    ma il governatore cosa autorizza se non ci sono i permessi..fa fare i test in mezzo ai civili ?

    • Miliuz

      certo, perché, credi che i prototipi delle auto a guida umana non camminino per strada normalmente? certo, ci vogliono permessi specifici e in questo caso credo che comunque sia obbligatoria la presenza di una persona all’interno del veicolo che possa prendere il controllo in qualsiasi momento, se in questo caso la colpa non è stata dell’auto evidentemente prendere il controllo non aveva senso

    • icos

      Non vorrei sbagliarmi ma negli USA ogni stato ha un certo grado di liberta’ riguardo le leggi locali. Ci sono leggi federali valide ovunque ed altre valide solo in alcune stati.

  • Torto

    Piacere, Uberto. hahaha :)

    • gin

      buuuu

      • Torto

        :(

        • gin

          :*

  • Tiwi

    non mi sembra chissa quale notiziona; un auto speronata da un altra, anche con conducente, si sarebbe ribaltata

    • Gios

      No è qui il punto! Il conducente non vede solo cosa sta facendo ma anche cosa accade intorno e può prevedere possibilità che l’elettronica non può!

      Per esempio ci sono incroci dove comunemente tanti passano nella corsia non a loro preposta; un conducente pur avendo la precedenza se vede mediamente lontana un’auto molto veloce sa che andrà a passare dove non dovrebbe e quindi anziché lanciarsi aspetta fa passare il maleducato ma evita un incidente.
      L’elettronica invece passerebbe in quanto si limita a visionare quello che accade in quell’istante sull’incrocio!

      • iclaudio

        falso…basta programmarla e prevede anche i lavavetri 😀

        • Gios

          Non puoi programmare ciò che i sensori non possono vedere! Sta qui il problema!
          L’elettronica si basa sui dati “storici” non quelli futuri!
          L’unica alternativa sarebbe avere i tracciati gps di tutte le auto intorno, cosa in fattibile a meno di non avere kitt!

          • Maurizio Mugelli

            ed e’ il motivo per cui i sistemi autonomi usano algoritmi di deep learning e computer estremamente potenti invece di semplici elastici per mantenere la carreggiata.
            sei rimasto agli anni 60.

          • Gios

            Deep leasing e computer estremamente potenti….aria fritta, come diceva mia nonna!

            L’automatica non è un’opinione!

            Analizzano i sensori e agiscono, Analizzano e agiscono e sulla base DELLO STORICO delle analisi dei sensori estrapolano una possibile traiettoria dei soggetti in movimento! Questa non è una previsione ma una proiezione in divenire secondo dati attuali!

            Per previsione si intende l’analisi dei dati attuali confrontandoli con dati “imparati” prevedendo il comportamento del soggetto specifico!

            Qui sta la differenza tra un sistema di controllo automatico e una AI! Le guide autonome cercano di essere delle ai ma nei fatti sono dei controlli automatici molto evoluti!

            Detto ciò, so che non è il tuo caso per questo mi fa un Po specie la tua risposta ad aria fritta, la differenza sta detta in termini banali su come si comporta un’auto con ai/uomo o una con guida automatica di fronte ad una salita:
            -l’uomo/ai la vede e scala la marcia prima di arrivarci perché sa che per fare la salita deve avere una marcia bassa e di fatto PREVEDE la modifica
            -guida autonoma comincia la salita si accorge della variazione di velocita/giri/coppia e abbassa la marcia in conseguenza dei dati ottenuti.

            Mi sono specializzato per mia passione dopo un progetto grosso in inseguimento di bersagli in movimento usando una camera, l’unica cosa che si può fare è appunto estrapolare una traiettoria dai dati “storici” e proiettarla in avanti. Questo rimane corretto fintanto che avrai a che fare con bersagli che si comportano linearmente (missili, navi) completamente falso con bersagli che hanno comportamenti non lineari (auto, droni, piccoli gommoni etc etc) . In questo caso ad ogni variazione deve essere rifatto uno “storico” e poi estrapolata una nuova traiettoria; l’unica cosa possibile è incrociare più traiettorie storiche per prendere un cambiamento se ripetuto, ma vale solo per il singolo soggetto!

      • http://github.com/FezVrasta Fez Vrasta

        Le auto a guida autonoma prevedono questo tipo di cose.

        • Gios

          No, sta qui il problema! Non prevedono ma agiscono limitatamente al campo dei sensori, quindi una loro risposta ad una loro sensibilizzazione!

          Qui si perde una cosa: le macchine sono veloci a rispondere agli stimoli esterni, più di noi uomini, ma non sono in grado di prevedere gli stimoli, cosa che noi uomini facciamo!

          Questa è la differenza tra un controllo automatico ed una AI! Le ai saranno in grado di prevedere comportamenti sulla base di una memoria e una capacità di adattamento dinamica. Un controllo automatico segue le leggi dell’automatica e quindi una risposta ad uno stimolo esterno dei sensori!

          Queste sono competenze basilari di automatica!

          • http://github.com/FezVrasta Fez Vrasta

            Stai dicendo una serie di cappellate, ma sono le 4 di mattina e non ho voglia di cimentarmi in una risposta. Magari ci provo domani

          • Gios

            Direi proprio di no visto che l’automatica descrive delle leggi ben precise e assodato da tempo, e sono il fondamento della robotica!

            Il punto è che hai detto una cappella tanto per dire, visto che sono le 4 da te!

            Poi scusa non si spiegherebbe come mai ci siano sforzi immani per creare le AI quando le auto a guida autonoma prevedono il futuro……e le intenzioni!!!

          • Maurizio Mugelli

            intendi dire che gli uomini prevedono il futuro? perche’ mi sa che stai dando un po’ troppa fiducia agli indovini…

          • Gios

            Prevedono i comportamenti degli oggetti basandosi sulla memoria!
            Se vuoi fare la sparata bene ma non mettere in bocca ad altri ciò che non hanno detto!

      • Tiwi

        non la penso proprio cosi:
        anche l’elettronica sarebbe in grado di gestire determinate situazioni, cosi come le persone non potrebbe gestirne altre (anche con conducente, se ti speronano da dietro, dubito che il conducente umano riuscirebbe ad evitarlo)

        e poi (un discorso più generale) non è che xk ci sono dei pazzi in strada, allora dobbiamo tutti adeguarci a loro; quando ci sono delle regole, è giusto rispettarle, xk guida autonoma o meno, si rischia sempre un incedente per quei 2 imbecil*i che non rispettano le regole

      • icos

        Stai pensando a sistemi di guida programmati per eseguire compiti
        predeterminati, quando non e’ quello l’obiettivo. Lo scopo di queste IA
        e’ di gestire una quantita’ di informazioni che l’essere umano non puo’
        valutare in modo rapido e contemporaneamente valutarle nel contesto specifico.
        Mentre tu valuti la velocita’ dell’auto in arrivo la tua macchina ha gia’ stabilito se e’ in grado di passare in sicurezza o se deve fermarsi, la sensoristica a bordo vede un pochino oltre i 20cm dal mezzo stesso.
        Poi finche’ ci saranno umani alla guida non si potranno evitare incidenti, il testa di c4zzo che passa col rosso lo trovi sempre, una IA non lo potrebbe fare a priori.

      • Maurizio Mugelli

        credo tu ti debba un pelo aggiornare su come funzionano i sistemi di guida autonoma…
        non solo tengono di conto tutto quel che succede, vedono anche nei punti ciechi dove il conducente non vede.

        • Gios

          Vedono dove arrivano i sensori, ma non prevedono i comportamenti!

          • Maurizio Mugelli

            prevedono, prevedono.
            per quello serve l’ai invece di semplici risposte meccaniche.

  • Pingback: Uber: la self-driving car si ribalta, ma la colpa non è sua - Widig.it | Tutto sulla tecnologia()

  • iclaudio

    l’unica cosa positiva è che se l’auto fa qualcosa che non deve fare non scoppia la rissa tra i conducenti 😀

  • http://bit.ly/1nySlXJ qandrav

    ahahahaha sono contento sia accaduto; ad ogni tweet di Musk c’è sempre volvo che risponde dicendo che il loro sistema di guida autonomo è migliore, AHAHAHAHAHAHHA e menomale che è meglio…

    • matteventu

      Link pls 😂

      • http://bit.ly/1nySlXJ qandrav

        ehhehe al volo non lo trovo, ma in OGNI articolo dedicato a tesla su to m shw c’è immancabilmente la stro nza ta di un ing volvo che deve piagnucolare XD

    • Maurizio Mugelli

      se qualcuno buca il rosso e ti sperona su un fianco non vedo come possa impedirlo un sistema autonomo… non e’ che la macchina perche’ autonoma impara a volare.

  • Gios

    Ps come mai nessuno parla dei problemi del radar di prossimità? Succede spesso inche avvicinandosi al sedere di chi si vuole superare poco prima di allargarsi intervenga in fase di sorpasso la frenata anti collisione che rischia di far ammazzare le persone visto che inchioda in fase di sorpasso!

    • Tony Musone

      la distanza di sicurezza… questa sconosciuta

      • Franco

        Distanza di sicurezza in fase di sorpasso… interessante!!

        • Tony Musone

          eggià… non è scritto da nessuna parte che in fase di sorpasso si possa non rispettare la distanza di sicurezza… ma se hai informazioni diverse sono “tutt’orecchi”

          • Franco

            Spiegami come fai a rispettare la distanza di sicurezza se devi sorpassare, perche’ io non ci arrivo.

          • Tony Musone

            in base alla velocità ci sono delle distanze da rispettare dalle quali non si è esentati in fase di sorpasso. punto.

          • Franco

            Caro genio, la “fase di sorpasso” implica necessariamente l’avvicinamento del veicolo posteriore al veicolo anteriore in modo tale di permettere, appunto, il sorpasso.Non stiamo parlando di “fra 10 minuti sorpasso e quindi mantengo la distanza di sicurezza” ma di “adesso sorpasso e quindi mi avvicino e quindi lo supero”. Se non mi avvicino al veicolo al veicolo anteriore, a casa mia, non posso sorpassarlo.Ma evidentemente tu riesci a farlo mantenendo la distanza di sicurezza: cioe’ stando ad almeno 3 metri di distanza dal veicolo anteriore.Sei proprio un genio coi fiocchi.

          • Tony Musone

            caro arrogante si ripassi il codice della strada

            “almeno a tre metri” …per essere sicuro a quella distanza devi praticamente essere fermo… cose da matti

          • Franco

            caro genio,fai pace col cervello.

          • Tony Musone

            e lei si ripassi il codice della strada

          • Franco

            beh, certo, lo sanno tutti che in città la distanza di sicurezza e’ di 25 metri.Sopratutto tra un semaforo e l’altro.Che fesso che sono.

          • Maurizio Mugelli

            essere in citta’ non cambia le leggi della fisica.
            se non hai lo spazio necessario a frenare, ti schianti.
            poi, come diceva un professore, se vuoi verificare che le leggi della fisica funzionano per tutti effettivamente c’e’ sempre una finestra al decimo piano per le prove pratiche sulla gravita’.

          • Maurizio Mugelli

            tre metri sarebbe la distanza di sicurezza? a che velocita’, 4km/h?

          • Nix87

            Molta gente ha come “vizio” di mettersi, in fase di sorpasso, attaccato all altra auto come se si trattasse di una gara di F1 in cui sfrutti la scia per il sorpasso…come già più una distanza di sicurezza va sempre rispettata.

          • Franco

            chiaramente non si deve stare attaccati al culo dell’auto anteriore, ovvio.Ma mente la superi e’ gioco forza che comunque sei a brevissima distanza dal veicolo anteriore e, in caso di frenata improvvisa,difficilmente riescici a reagire per tempo.Non per niente il sorpasso e’ considerato da tutti un momento difficile a cui prestare la massima attenzione.

          • Tony Musone

            lei non sa quel che dice e quel che fa, mi spiace solo che se mai “non dovesse reagire in tempo in quel momento difficile” chi paghi le conseguenze della sua sicumera sia anche chi ignaro e tranquillo precede il suo veicolo

          • Maurizio Mugelli

            semplicemente ti sposti di carreggiata prima di essere sotto la distanza di sicurezza.
            non mi pare difficile.

          • Franco

            ti ricordo che siamo in città, e,spesso, l’altra carreggiata, e’ quella opposta

          • Maurizio Mugelli

            in citta’? sorpasso? da quando?

          • Franco

            da buon itaGliano, noto che leggi solo i titoli degli articoli.L’incidente e’ accaduto in citta’, genio

          • Maurizio Mugelli

            ti viene il dubbio casomai che non sempre -puoi- sorpassare dove ti comoda?

          • Franco

            ti rendi conto che, magari, e’ per questo che e’ capitato l’incidente??

          • Maurizio Mugelli

            e quindi? se il sorpasso e’ illegale o azzardato la colpa e’ di chi sorpassa e non ci sono scusanti.
            se non hai lo spazio di sicurezza per compiere un sorpasso – NON SORPASSI, invece di azzardarlo comunque.

          • Franco

            stai divagando.Non si parla sulla legalita’ del sorpasso ma su come farlo.Nel discorso e’ implicito che se fai un sorpasso e’ perche’ e’ permesso farlo il quel tratto di strada.

          • Maurizio Mugelli

            e quindi e’ implicito che ci sia lo spazio di sicurezza per farlo in sicurezza, mi pare che i tuoi presupposti quindi siano del tutto sbagliati.
            esattamente come prevedi di fare il sorpasso senza invadere la corsia opposta, passando -sopra- l’altra auto?

          • Franco

            non so, spiegamelo tu,visto che stai facendo una polemica inutile e sterile

          • Maurizio Mugelli

            affascinante, la polemica la inizi tu e poi ne accusi me?
            “Spiegami come fai a rispettare la distanza di sicurezza se devi sorpassare, perche’ io non ci arrivo.”
            l’hai scritto tu, o e’ qualcun altro che ti ha rubato l’account?

          • Franco

            e quindi?? che c’entra quello che hai detto tu nel passaggio precedente????

          • Maurizio Mugelli

            seriamente? dopo venti risposte in cui tutti hanno dimostrato che hai scritto un’immane str0nzata?

          • Tony Musone

            da buon itaGliano, noto che commenta a caso. il commento da cui è partita la diatriba sulla distanza di sicurezza è quello di @Gios:disqus. genio!

          • Franco

            ti stai arrampicando sugli specchi.Lui dice fesserie sulla frenata anticollisione.Anche lui parla senza cognizione di causa:la frenata anticollisione non interviene se metti la freccia, cosa prevista dal codice della strada.In ogni caso e’ un ausilio disinseribile.Sei proprio alla frutta.

          • Tony Musone

            tiè… un piccolo ripasso e con questo ti abbandono al tuo destino:

            TITOLO V – NORME DI COMPORTAMENTO

            Art. 149. Distanza di sicurezza tra veicoli.

            1. Durante la marcia i veicoli devono tenere, rispetto al veicolo che precede, una distanza di sicurezza tale che sia garantito in ogni caso: l’arresto tempestivo e siano evitate collisioni con i veicoli che precedono.

            Proviamo a rivedere un po’ i concetti collegati alla valutazione della distanza di sicurezza e cioè:
            – lo spazio di reazione
            – lo spazio totale di arresto.

            L’articolo 348 del Regolamento stabilisce che “La distanza di sicurezza deve essere almeno uguale allo spazio percorso durante il tempo che passa fra la prima percezione di un pericolo e l’inizio della frenata”. Questo è lo spazio di reazione. Fra il vostro veicolo e quello che vi precede non deve mai esserci – assolutamente – una distanza minore di questa!

            Con le migliori condizioni di aderenza fra pneumatici e strada e un buono stato psicofisico del conducente, tale spazio si calcola, in via approssimativa, dividendo la velocità per 10 e moltiplicando il risultato per 3 (il valore ottenuto è considerato in metri.) Per fare un esempio, lo spazio di arresto per un veicolo che procede a 90 km/h è, pressappoco, di 27 m (90/10 = 9 e 9×3 = 27).
            Se viaggiaste a 40 km/h (velocità cittadina), lo spazio di reazione sarebbe di 12 m circa e questo vuol dire che fra voi e la macchina che avete davanti, comunque, deve poterci stare almeno un autobus!
            A 110 km/h (velocità massima raggiungibile in tangenziale) lo spazio di reazione diventa di circa 33 m: due autoarticolati in colonna! (L’autoarticolato è il complesso formato da un trattore e un semirimorchio.)

            In realtà, questo è lo spazio oltre il quale il veicolo comincia a frenare! Solo dopo diversi metri, infatti, si fermerà veramente (se tutto va bene). Tra il momento in cui il conducente percepisce il pericolo e il momento dell’arresto, il veicolo percorre una distanza definita come spazio totale di arresto. La distanza di sicurezza vera e propria deve essere maggiore di questo spazio, per poter garantire ciò che lo stesso Codice della Strada richiede (ved. articolo 149, punto 1):
            “Durante la marcia i veicoli devono tenere, rispetto al veicolo che precede, una distanza di sicurezza tale che sia garantito in ogni caso l’arresto tempestivo e siano evitate collisioni con i veicoli che precedono”.

            Nell’ipotesi che vi siano le migliori condizioni di aderenza fra pneumatici e strada e lo stato psicofisico del conducente sia buono, lo spazio totale di arresto è maggiore del valore che si ottiene moltiplicando la velocità per sé stessa e dividendo il risultato per 100 (da considerare in metri). Per esempio, a 90 km/h lo spazio di arresto è maggiore di 90×90/100 = 81 m (quasi cinque autoarticolati in fila).
            In città, invece, con 50 km/h dovremmo osservare una distanza di sicurezza di 50×50/100 = 25 m, equivalenti a due corriere incolonnate.

            E’ sempre opportuno fare in modo che la distanza di sicurezza non sia mai inferiore allo spazio totale di arresto.

          • Franco

            tutto molto interessante.Mi indichi il passaggio in cui parla di SORPASSARE il veicolo che precede, perche’ non l’ho trovato.

          • Maurizio Mugelli

            c’e’ qualche punto dove specifica che sorpassare non e’ considerato? perche’ le leggi funzionano nell’altro senso – se non e’ esplicitamente escluso vuol dire che e’ incluso.

          • Franco

            Tony Musone e Maurizio Mugelli: siete parenti? perche’ il cervello bacato e’ uguale.Secondo il vostro illuminato pensiero, a 50Km/h, devo mantenere una distanza di sicurezza di 25metri se voglio sorpassare,Quindi, col vostro illuminato sapere, non posso che passagli sopra, volando.Oppure, per salvarmi, fare polemica inutile e sterile sul fatto che il codice della strada non preveda il sorpasso in città.Ma guarda caso il sorpasso e’ stato fatto ed e’ finito male, quindi???????Non poteva ma l’ha fatto e non gli ha volato sopra mantenendo una distanza di 25 metri quindi??????? cosa avete dimostrato????????NULLA.Avete solo dimostrato quello che ho detto io: se in città vuoi sorpassare, NON puoi mantenere la distanza di sicurezza.e si, in linea di massima non si puo fare, ma non e’ l’argomento della discussione.

          • mds

            Invece è proprio l’argomento di discussione .-.
            Se non puoi superare è proprio perchè non puoi effettuare la manovra in sicurezza.

          • Franco

            no: la discussione era sulla distanza di sicurezza.Non sul fatto se si possa fare o meno

          • mds

            Dove si può superare stai sicuro che riesci a farlo mantendo una distanza di sicurezza (a meno di strade progettate a caz, ma sono eccezioni ).
            Uno dei motivi per cui non si può superare in città immagino sia proprio quello 😉 Di fatto è un “non problema”

          • Tony Musone

            eh?

            come ho detto ti lascio al tuo destino

          • Franco

            Bravo, vai a cercare il tuo cervello

          • Maurizio Mugelli

            non e’ che non puoi, DEVI.
            e’ il codice della strada.
            se non lo fai, sei in contravvenzione al codice della strada.
            mi pare semplice.
            quella e’ la legge.
            e quelle sono le leggi della fisica fra l’altro, il codice della strada si limita a seguirle in questo caso.
            se tu hai un tempo di risposta (il tempo che ti ci vuole fra quando succede qualcosa, te ne accorgi, decidi di premere il freno, premi effettivamente il freno) di un secondo come la maggior parte delle persone a 50 km/h ti serviranno effettivamente 25 metri per iniziare a frenare.
            il motivo di tanti incidenti sono persone come te convinte che le leggi della fisica riguardino solo gli altri.

          • Franco

            ma ci sei o ci fai??stai facendo polemica sul codice della strada, su cosa si puo’ fare e cosa no.quando invece l’argomento della discussione e’ un incidente che E’AVVENUTO proprio perche’ NON SONO state rispettate le regole.Ti ricordo che la discussione e’ sul fatto che se per sorpassare si debba rispettare la distanza di sicurezza.Non si discute se IO posso fare o TU debba fare o su quali siano le regole.La discussione e’ su QUELLO CHE E’ SUCCESSO E PERCHE’ e’ successo.Ma pur di polemizzare e sopratutto aver ragione a tutti i costi…

          • Maurizio Mugelli

            no, l’intera discussione e’ partita dal tuo “e’ impossibile fare un sorpasso senza scendere sotto la distanza di sicurezza”.
            e’ una affermazione tua.
            prendine responsabilita’.

          • Tony Musone

            ahahahaha

            @tonydemaria:disqus
            la distanza di sicurezza… questa sconosciuta

            @disqus_xAckdOYXvf:disqus
            Distanza di sicurezza in fase di sorpasso… interessante!!

          • Tony Musone

            non l’hai trovato perchè NON esiste una deroga per i SORPASSI

          • Maurizio Mugelli

            aggiungo
            “Nuovo codice della strada”, decreto legisl. 30 aprile 1992 n. 285 e successive modificazioni.

            art. 148 – “sorpasso”
            […]
            d) che la strada sia libera per uno spazio tale da consentire la
            completa esecuzione del sorpasso, tenuto anche conto della differenza tra la propria velocità e quella dell’utente da sorpassare, nonché della presenza di utenti che sopraggiungono dalla direzione contraria o che precedono l’utente da sorpassare.

          • B3rg3Ru5

            se prendi Torino, ad esempio, ci sono molti corsi a più corsie. Corso Francia, Corso Regina, Corso Agnelli

          • Maurizio Mugelli

            non mi pare il caso che presupponeva Franco qui sopra… “l’altra carreggiata e’ quella opposta”.
            in citta’ nelle strade a una carreggiata per corsia la linea e’ sempre continua tranne rare eccezioni.

          • B3rg3Ru5

            cos’è una carreggiata per corsia? Intendi una carreggiata che comprende solo una corsia?

          • Maurizio Mugelli

            lol una corsia per senso di marcia, ho rimescolato ammodo l’italiano 😀

          • B3rg3Ru5

            l’altra carreggiata o l’altra corsia?

          • B3rg3Ru5

            Di corsia. Non puoi spostarti di carreggiata 😉

          • Maurizio Mugelli

            vabbe’, hai ragione 😀

          • B3rg3Ru5

            Secondo te, questa strada, quante carreggiate ha? Domanda aperta a tutti, perché molti non hanno chiaro il concetto di strada e carreggiata (non sto dicendo a te) F5
            https://uploads.disquscdn.com/images/94c69caefbc6b783fb63609ebcea66467751c756d63511dd171495ec599f9044.png

          • Tony Musone

            1 strada
            4 carreggiate
            10 corsie (ad occhio)

          • Maurizio Mugelli

            la definizione ufficiale e’ ”
            7) Carreggiata: parte della strada destinata allo scorrimento dei
            veicoli; essa è composta da una o più corsie di marcia ed, in genere, è pavimentata e delimitata da strisce di margine.”
            quindi non fa distinzioni se le direzioni di marcia sono segmentate
            poi amministrativamente parlando puo’ darsi che siano strade del tutto diverse con nomi diversi

          • B3rg3Ru5

            però, dal momento che vi è un guard rail o uno spartitraffico, la carreggiata finisce e ne inizia una nuova

          • Maurizio Mugelli

            questa e’ soltanto un’usanza comune, nel codice non e’ esplicitamente riportata come norma.

          • B3rg3Ru5

            Questo è un sito che possiede anche un’app su cui mi sto esercitando perché dovrò revisionare la patente per via di una m3rdosa cintura di sicurezza (tra marzo 2012 e febbraio 2013, ho preso tre multe da 5 punti di cui 2 erano per la cintura e siccome allo Stato non bastava mettere i punti per sospendere la patente nel caso si arrivasse a zero punti, hanno messo pure una legge che prevede la revisione della patente nel caso in cui si commettano 3 infrazioni da almeno 5 punti nell’arco di un anno) e in questo screen viene mostrata una strada a più carreggiate. https://uploads.disquscdn.com/images/04157dccb23f94c05f726ada4c8b7a50bc64efd0fb6a762b1031893368a8e929.png

          • Maurizio Mugelli

            il punto sono le linee di margine della carreggiata al centro (che ci sono anche nella foto sopra, quindi ho sbagliato pure io), non il guardrail o le barriere di cemento 😀
            “e delimitata da strisce di margine.”

          • B3rg3Ru5

            no Maurizio, perché quella centrale è un’unica carreggiata, nonostante la doppia linea continua. A delimitare la carreggiata, sono quelle strisce verdi, che, su strade reali, potrebbero essere rappresentate da guard rail o da muretti rialzati.

          • B3rg3Ru5

            per striscia di margine, si intende, non la striscia continua che separa due corsie, ma la striscia che separa la carreggiata dalla banchina ad esempio. La banchina (quel tratto al limite della strada) è riservata ai pedoni nel caso non ci fosse un marciapiede, ma MAI ai veicoli

          • B3rg3Ru5

            edit

          • B3rg3Ru5

            F5
            Questa, ad esempio, è una strada a una carreggiata (di m3rda aggiungerei, mancano i segnali complementari, ovvero quei paletti ai margini, muniti di catadiottri che servono ad indicare la strada anche di notte e a capire se è una strada a senso unico o doppio senso di marcia. Questa dovrebbe essere a doppio senso ma non essendoci segnali complementari, non ne ho la certezza) e le linee di margine sono quelle che ne delimitano la percorribilità con un veicolo
            https://uploads.disquscdn.com/images/121c22ba121093b619cce9ef21297d4aa17e27eecf64d23b406e1c906c8247da.jpg

          • Tony Musone

            mmm… a giudicare dalla linea tratteggiata in curva mi verrebbe da pensare che sia un senso unico

          • B3rg3Ru5

            aspetta, la linea tratteggiata non obbliga a fare il sorprasso ma ti dà il diritto di poterlo fare (in realtà, anche la linea continua non vieta il sorpasso, vieta solo di oltrepassare la linea).
            Ma prima di sorpassare si devono considerare alcuni dettagli, primo tra tutti la visibilità. Se non hai visibilità, non sorpassi.
            Non è vietato il sorpasso in curva, ma è vietato sorpassare in mancanza di visibilità.

          • Tony Musone

            Art. 148.
            Il sorpasso

            10. É vietato il sorpasso in prossimità o in corrispondenza delle curve o dei dossi e in ogni altro caso di scarsa visibilità; in tali casi il sorpasso è consentito solo quando la strada è a due carreggiate separate o a carreggiata a senso unico o con almeno due corsie con lo stesso senso di marcia e vi sia tracciata apposita segnaletica orizzontale.

          • B3rg3Ru5

            se guardi quel segnale sulla curva (il primo non il secondo) è rivolto sulla parte opposta ed è sulla corsia sinistra.

          • Tony Musone

            credo sia una questione di prospettiva

          • B3rg3Ru5

            si vede chiaramente che è rivolto al senso opposto di marcia.

          • Tony Musone

            perdonami ma se è vero che “É vietato il sorpasso in prossimità o in corrispondenza delle curve …” e la linea tratteggiata invece permette il sorpasso, quella non può che essere una strada a senso unico.

          • B3rg3Ru5

            è una strada in norvegia.

          • Tony Musone

            non credo che lì sia consentito il sorpasso in curva… anzi

          • B3rg3Ru5

            per farti un esempio: su una carreggiata a due corsie con doppio senso di marcia e linea tratteggiata, arriva un auto dalla corsia opposta. Faresti un sorpasso solo perché la linea è tratteggiata?

          • Tony Musone

            per quanto ne so: una carreggiata a due corsie con doppio senso di marcia, la linea in curva NON è mai tratteggiata

          • B3rg3Ru5

            non c’ho mai fatto caso

          • B3rg3Ru5

            quasi giusto. I controviali sono ad unica corsia però, non essendoci linee che dividono la carreggiata in più corsie

          • Tony Musone

            ho dato per scontato che ci dovessero essere 😉

          • B3rg3Ru5

            in effetti hai ragione. Dovrebbero esserci perché i veicoli circolano anche su due file parallele :)

          • Maurizio Mugelli

            secondo la definizione ufficiale (articolo 3 del codice) e’ sempre una singola carreggiata per quanto dubito che chi ha coniato la descrizione avesse in mente qualcosa del genere :)

      • Gios

        Si ma non attuabile de facto e in ogni caso i progetti devono prevedere ogni deviazione dal comportamento ordinario!

        • Tony Musone

          eh?

          • Gios

            Che la legge può prevedere una cosa : mantieni la distanza di sicurezza.
            La stessa legge impone ai progettisti: il tuo progetto deve funzionare anche se un operatore usa il tuo prodotto in modo scorretto (vedi non mantiene la distanza di sicurezza) altrimenti la colpa è di chi ha sviluppato il prodotto.

            Un esempio fu il watchdog: le prime macchine da pressa a controllo elettronico avevano due pulsanti separati in modo che l’operaio dovesse usare le due mani per attivare la pressa evitando così di averle sotto la pressa.
            Gli operai, genialmente, misero lo scotch ad uno dei due pulsanti e così servi una sola mano per avviare la pressa. Risultato molti persero una mano e ci furono cause alle società che producevano le presse.
            Tu dici loro avevano sviluppato il sistema per bene, avevano detto usate le due mani, quindi è l’operaio che ha sbagliato ed ha fatto una cosa contro le prescrizioni!
            Invece no, la legge condannò le aziende produttrici perché avrebbero dovuto fare in modo che la macchina non funzionasse con un tasto bloccato!

            La morale è che si DEVE PREVEDERE LA STUP1DIT4 DEGLI UTILIZZATORI!

          • Tony Musone

            infatti verranno prese precauzioni nel caso in cui nei radar ci siano macchine “vecchio stile”

          • Gios

            Infatti verranno prese precauzioni non vuol dire nulla!
            Devi prevedere la possibilità che un soggetto non usi opportunamente il tuo prodotto mettendo il pericolo se e gli altri!

            Detta palesemente, uno non mantiene la distanza di sicurezza e sorpassa SENZA causare incidenti; un altro invece sorpassa senza mantener la distanza di sicurezza e l’auto da sola frena causando un incidente. La colpa passa automaticamente al sistema che è intervenuto laddove non necessario!
            Il fatto di non aver rispettato la distanza di sicurezza non ha provocato l’incidente, è stato il sistema di controllo automatico della velocità a causarlo!

            Ci sono centinaia di esempi del genere nella nostra giurisprudenza insensata!
            La colpa è sempre dell’oggetto/soggetto che cagiona il danno, anche se è stato cagionato per un uso scorretto altrui ! Vedi i cancelli che sono destinati ad essere aperti e chiusi: se un bambino o un ladro dovessero scavalcarlo e nel fare questo gesto (improprio e contro la legge) il cancello dovesse cadere ferendo o peggio lo scavalcante sarebbe responsabile il proprietario che avrebbe dovuto fare in modo di non far cadere il cancello!

          • Tony Musone

            in caso di guida autonoma l’autovettura in mancanza della distanza di sicurezza non azzarderà il sorpasso…

          • Gios

            Io ho detto “controllo di distanza” quello che si ha sulle vetture oggi non domani!
            Tante persone (spregiudicate) se ne lamentano. Non è un mio problema perché seguo il codice della strada, ma lo può diventare qualora mi ritrovi di fronte sulla mia corsia un’auto in sorpasso che anziché accelerare frena di colpo!

          • Tony Musone

            ah… l’articolo si riferiva alla guida autonoma

            comunque sia: parli di teoria e di ipotesi o accade giornalmente che le auto munite di “controllo di distanza” inchiodino in fase di sorpasso… hai dei link?

          • Gios

            Ci sono tante discussioni su diversi forum di auto di guidatori, ripeto spregiudicati, che si lamentano di questa evenienza occorsagli qualche volta, finché non hanno fatto “il piede” alla distanza di sicurezza per evitare di innescare il controllo automatico della velocità anti impatto

          • Tony Musone

            e allora ben venga e che si facciano il piede!

            non vedo l’ora che arrivi la guida autonoma, non odio nessuno, tranne i guidatori “spericolati” che dimenticano troppo spesso quanto quelle scatolette siano fragili e che siamo pedoni prima che automobilisti … lo dice uno che si sposta prettamente in bicicletta da più di trent’anni

          • Gios

            Io avrei molto da ridere sui ciclisti! Sono stato una vita a Pisa e passavano in contro mano e ovunque!!!

          • Tony Musone

            hai da ridire solo perchè non vai in bici
            io renderei l’uso della bicicletta e del motorino propedeutico all’uso della automobile

          • Gios

            Io rendere la patente propedeutica anche ai ciclisti! Seriamente a Pisa fanno le.viottole strette a tutta velocità in contro mano!
            Aree pedonali in contro mano!
            Sai quanti pedoni ho visto stesi per terra da ciclisti! In piazza dei miracoli devi stare attento a non farti investire!
            Uno ha spaccato il cellualre ad un mio ex compagno di Corso! Lo abbiamo fatto fermare al volo dai poliziotti di guardia! Lo ha scontrato in piazza dei miracoli facendogli volare per terra il telefono che aveva in mano ed ha tirato dritto inveendo!

            Sinceramente dopo anni a Pisa posso dire che i ciclisti sono la categoria più maleducata sulla strada!

            Senza contare i ciclisti che siccome non riuscivano a passare nei sottopassi passavano nel sottopasso pedonale a tutta velocità investendo chi non era abbastanza veloce a togliersi!
            Senza contare l’onnipresente ciclista che attraversava la strada a tutta velocità passando sulle strisce pedonali!

            In tanti anni ho visto 1 incidente con colpevole un automobilista e decine di pedoni investiti da ciclisti e auto prese da ciclisti in contromano!

          • Tony Musone

            le ripeto parla così solo perchè non va in bicicletta

            ed è inutile che mi cita gli episodi in cui i ciclisti si rendono pericolosi, quelli sarebbero da accumunare agli automobilisti spericolati e comunque sono eccezioni rispetto a quelli in cui rimangono vittime delle auto

            fonte istat/2014
            L’indice di mortalità per i pedoni (morti ogni 100 incidenti) è ben quattro volte superiore rispetto a quello degli occupanti di autovetture (2,75 contro 0,67). Per i motociclisti e i ciclisti il valore dell’indice è, invece, più che doppio rispetto a quello degli automobilisti (1,69 e 1,41).

            L’art.3, comma 53 bis del Nuovo codice della strada (Legge 29 luglio 2010, n. 120 – Disposizioni in materia di sicurezza stradale) definisce “Utente debole della strada” i pedoni, i disabili in carrozzella, i ciclisti e tutti coloro i quali meritino una tutela particolare dai pericoli derivanti dalla circolazione sulle strade. Tra questi ultimi sono annoverati anche i bambini.

            per sua informazione il contromano in bici è lecito nella maggior parte dei paesi europei: Germania, Francia, Belgio, Svizzera e nei sempre all’avanguardia paesi del Nord Europa, per il sol fatto che per un ciclista, così come per un pedone, è più sicuro vedere le macchine che arrivano piuttosto che averle alle spalle… ed è lecito anche in italia a discrezione però dei singoli comuni e limitatamente alle zone incluse nella ztl

          • Gios

            So della legge in merito al contromano, ma se da automobilista o pedone giro tranquillo l’angolo e vengo preso in pieno da un ciclista im comtro mano sicuramente la colpa non è mia!

            Se il codice deve essere uno deve essere rispettato da tutti altrimenti non si vede il senso dei cartelli!

          • Tony Musone

            Vabbè… Potrei stare tutta la notte a raccontarle episodi in cui ho rischiato la vita per colpa di automibilisti “distratti” ed io in migliaia di km percorsi in tutte le direzioni, marciapiedi compresi, non ho mai e dico MAI pestato anche un solo piede ad un pedone, di contro sono migliaia i ciclisti morti. Punto.

          • B3rg3Ru5

            e nel caso del sorpasso, in che modo dovrebbero prevedere che non si rispetti la distanza di sicurezza? Chi prende la patente, deve superare test teorici pratici e fisici (compresi mentali, uno schizofrenico non potrebbe guidare)

          • Gios

            Ci sono milioni di guidatori che non rispettano la distanza di sicurezza, non mettono le frecce etc etc per cui usciamo dal mondo delle favole ed entriamo nella realtà!

            Il sistema basato SOLO sul radar non va bene, esistono quelli basati su camere che riconoscono dalle immagini i pedoni e le auto (ci sono algoritmi di determinazione delle forme che forniscono un peso ad una proporzione categorizzando il tipo di ssgoma: per esempio un aereo ha un valore di 1,6 una persona 0,7 etc etc per capirci) e incrociando i dati di più sensori si può arrivare ad un controllo automatico migliore!
            Altra modifica BANALE un pulsante sul volante che in caso di sorpasso se premuto disattiva temporaneamente il sistema!

          • B3rg3Ru5

            io ho montato una dash cam. Se qualcuno di quei guidatori facesse un’infrazione coinvolgendomi, sarebbero solo caxxi suoi.
            Comunque non avevo capito che ti riferissi alla guida autonoma, pensavo facessi un discorso generale sulle regole del sorpasso.

        • B3rg3Ru5

          in che senso non attuabile? La distanza di sicurezza (cita il codice della strada) deve equivalere almeno alla distanza che si percorre in un secondo alla velocità attuale.
          Esempio: sto andando a 100 km/h? La distanza di sicurezza dovrà essere circa 30 metri (27,77777777777778).
          Quindi, se sto procedendo a 100 km/h e ho intenzione di effettuare una manovra di sorpasso, innanzitutto dovrò assicurarmi che il veicolo che precede, non abbia segnalato l’intenzione di effettuare la stessa manovra o che non debba svoltare, poi, attraverso gli specchietti retrovisori, dovrò assicurarmi che nessun veicolo dietro di me, abbia già cominciato una manovra di sorpasso; a quel punto, dovrò accendere la freccia per segnalare l’intenzione di sorpasso, e mettermi sulla’altra corsia (se è concesso, ovvero se non c’è nessun segnale che vieta il sorpasso e se la linea è tratteggiata). Quando inizi la manovra di sorpasso, deve comunque esserci la distanza di sicurezza, quindi, la manovra dovrà iniziare a 30 metri dal veicolo che precede.

          • Franco

            INIZIARE a 30 metri di distanza.Ma arrivera’ comunque ad essere a 4,5 metri di distanza, se c’e’ una corsia sola.e quindi vedi che non puoi mantenere una distanza di sicurezza?Per favore, non iniziare anche tu col discorso che in citta’ o con una sola corsia non si puo’ fare,perche’ lo sanno anche i sassi.Fatto sta’ che nell’articolo si parla di un incidente in città, e quindi e’stato fatto…

          • Gios

            Ho risposto sotto !

    • M9quattro

      Basta che metti la freccia, così il sistema capisce che vuoi superare…

      • Gios

        E come capisce che stai girando ad un incrocio o in una rotonda ? Disabilita il sistema quando serve di più?

        • Carlito421

          tu inizia a mettere le frecce vedrai che non ci saranno problemi

        • Franco

          se e’ un sistema intelligente capisce se stai arrivando ad un incrocio (gps) e pertanto lo mantiene attivo (oppure non lo ignora) per le auto in arrivo ai lati ma lo ignora per l’auto che precede. Poi chiaramente se guidi in modo fantasioso e’ possibile che l’auto non capisca cosa tu voglia fare.Ma a questo punto pure tu potresti non capire cosa ti sta succedendo attorno…

          • Gios

            State scrivendo ARIA FRITTA!
            sapete come funzionano i radar anticollisione o leggete topolino?

            Capisce che stai arrivando ad un incrocio (gps)…..quindi delle coordinate a punti cardinali come si trasformano miracolosamente in un incrocio?
            Curioso di saperlo!
            Evita di scrivere vede la cartografia perché la sparare sti ancora più grossa del gps! Perché dal vedere di un essere umano al vedere di un pc passano decine e decine di secondi!

            Vorrebbe dire che le auto hanno la cartografia mondiale aggiornata giorno per giorno e ad ogni metro fanno una analisi delle immagini satellitari per determinare la presenza di strade ad intersezione ? Non per dire ma un pc impiega anche 15/50 secondi per applicare un banale filtro figuriamoci ad estrapolare dati analizzando le immagini!

            Sapete in aggiunta che il gps in media ha una accuratezza di 4m, il che significa cambiare strada????

          • Franco

            da qui si evince che non solo non hai mai utilizzato un navigatore satellitare, ma non hai nemmeno idea di cosa sia la guida autonoma di livello 5.

          • Gios

            Da qui si evince che non hai la può pallida idea di cosa la gente scriva ma scrivi senza NE LEGGERE NE RIFLETTERE!

            STIAMO PARLANDO DI FRENATA DI EMERGENZA E VELOCITÀ CONTROLLATA VIA RADAR montanta attualmente sulle auto!
            Tu ti sei inventato un mondo tuo parallelo!

            Ad ogni modo:
            – la guida autonoma di livello avanzato si baserà su dati condivisi tra le auto in movimento e non più sui sensori in modo esclusivo.
            – se non hai impostato una destinazione che impiega alcuni secondi per essere calcolata il sistema non sa se stai girando ad un incrocio o accostando o superando
            – il gps ha una accuratezza di 4m quindi la risoluzione di una auto, troppo elevata per essere affidabile come assistente alla guida. Serve solo a fornire il tracciato ma non il posizionamento su carreggiata!

            Magari prima di parlare di cose che non conoscete informatevi tnx!

  • JoeMacMillan

    La guida autonoma è ormai vicina, se tutte le auto lo fossero ci sarebbero zero incidenti, tuttavia io non la vorrei sulla mia auto se non obbligatoria, visto che al posto di guidare in auto, non so cosa si potrebbe fare se non al più dormire

    • Franco

      Ti immagino alla mattina alle sette che ti metti in auto per andare in ufficio.. 😀 😀 😀

    • icos

      Insomma, a me vengono in mente diverse cose da poter fare al posto che guidare nel traffico in citta’. Ma anche se non dovessi fare altro che guardare fuori dal finestrino, meglio quello che dover bestemmiare ogni 100m nel traffico mattutino a causa di gente che non si sa come abbia preso la patente…

    • B3rg3Ru5

      utilizzare lo smartphone, parlare al telefono, mangiare, bere, mettere il culo fuori dal finestrino. Ce ne sarebbero di cose da fare

      • Gios

        Trombare?

        • B3rg3Ru5

          anche

      • JoeMacMillan

        In teoria, in pratica per me è impossibile, se distolgo lo sguardo dalla guida mi viene la nausea

        • B3rg3Ru5

          come fai con treni e autobus?

          • JoeMacMillan

            In treno avverto pochissimo fastidio, riesco pure a leggere, in autobus non ho problemi se non quando focalizzo lo sguardo sul telefono o magari provo a leggere, non soffro di mal di mare, ma proprio non riesco a leggere se in movimento

  • Pingback: Uber: la self-driving car si ribalta, ma la colpa non è sua – Italia Notizie()

  • Pingback: Uber: la self-driving car si ribalta, ma la colpa non è sua | Old Web()

  • DonatoMonty81
  • B3rg3Ru5

    Sapevate che, commettendo 3 infrazioni da 5 punti l’una nell’arco di 12 mesi, si deve ricorrere alla revisione della patente?

    • https://www.youtube.com/watch?v=c0MX6oqJBno#t=91 Desmond Hume

      beh bisogna essere parecchio fetenti per riuscirci…

      • B3rg3Ru5

        la cintura di sicurezza, ad esempio, sono 5 punti.

        • Tony Musone

          … azz!

        • https://www.youtube.com/watch?v=c0MX6oqJBno#t=91 Desmond Hume

          appunto, è da fetenti. Io non mi sento sicuro senza. Detto questo mai rispettato i limiti di velicità in vita mia e ho ancora i 30 punti, le uniche multe in vita mia le avrò prese per superamento del tempo di sosta.

          • Tony Musone

            pensa che (solo come eccezione che conferma la regola) un amico si è salvato perchè non le aveva allacciate, potendo così, in un tamponamento a catena, buttarsi nel lato passeggero ed evitare le barre che il camion davanti trasportava e che nell’urto sono entrate nell’abitacolo

          • B3rg3Ru5

            oppure metti che, in seguito ad un incidente, l’auto prende fuoco e le cinture rimangono incastrate. Ciao e tanti saluti

          • Matteo

            se tutti andassero alla giusta velocità e se tutti i vecchi dopo i 65 fossero costretti a eseguire dei seri e precisi esami annuali metà degli incidenti non avverrebbero.

          • B3rg3Ru5

            ma infatti è molto più grave non rispettare i limiti che non indossare la cintura. Come ho detto prima, il non indossarla, non influenza la guida e soprattutto non arreca danno agli altri automobilisti

          • https://www.youtube.com/watch?v=c0MX6oqJBno#t=91 Desmond Hume

            eccezione più unica che rara.
            pensa che un mio conoscente ci è rimasto schiaccandosi il petto sul volante, se avesse avuto le cintura non sarebbe successo.

          • Tony Musone

            non è più unica che rara, giustamente @B3rg3Ru5:disqus ha citato il caso dell’incendio… in effetti IO credo che la cintura sia più utile in città che in un incidente a 130km/h

          • B3rg3Ru5

            sì ma resta comunque una scelta del conducente. Non crei nessun pericolo per gli altri automobilisti non mettendola.

          • B3rg3Ru5

            rimane una bast4rdata togliere 5 punti per la cintura

          • https://www.youtube.com/watch?v=c0MX6oqJBno#t=91 Desmond Hume

            Beh quello si perché l’unico a risentirne è il conducente per la sua discutibile scelta, selezione naturale azzarderei dire.

          • B3rg3Ru5

            a grandi velocità fidati che è meglio non averla. Preferirei morire che vivere una vita come un vegetale

          • https://www.youtube.com/watch?v=c0MX6oqJBno#t=91 Desmond Hume

            nessuno penso preferisca vivere da vegetale.

          • B3rg3Ru5

            ma perché è da fetenti? Il non uso della cintura non implica le condizioni di guida. Se facessi un incidente, è a mio rischio e pericolo. Invece lo è non rispettare i limiti, perché lo spazio di frenatura diventa maggiore (si quadruplica se la velocità raddoppia e diventa 9 volte maggiore se la velocità si triplica, in pratica spazio frenatura = velocita²).
            È come dire “è da fetenti fumare”. Non è una condizione che coinvolge gli altri conducenti, mentre il non rispetto dei limiti Sì

          • https://www.youtube.com/watch?v=c0MX6oqJBno#t=91 Desmond Hume

            finchè ho la sensazione di farlo in sicurezza per me tanto di guadagnato, per cose estreme ovviamente vado in pista ma non è mia intenzione sprecare i freni per stare sotto i 50.

          • B3rg3Ru5

            e invece è il contrario. Non devi utilizzare freni se rispetti i limiti di velocità, cioè, il pedale dell’accelleratore non è on/off, ma puoi regolare la velocità. Se su strade dove il limite è 50, tu viaggi a 90, consumerai più freni nel momento in cui dovrai frenare. Se invece rispettassi i limiti, ne consumeresti di meno. Inoltre, i tempi di reazione, diventano più lenti e i rischi aumentano

          • Massi91

            sono stato a barcellona settimana scorsa e.. 0 autovelox, 0 dossi, una figata!! se consentissero alle persone di andare alla velocità desiderata ovunque, a parte in posti come scuole etc, diminuirebbe la velocità media.. ma si sà che sono solo metodi x tirare su grana

          • https://www.youtube.com/watch?v=c0MX6oqJBno#t=91 Desmond Hume

            sono entrate facili

          • Joey

            Il fumo passivo coinvolge non poco gli altri

          • B3rg3Ru5

            non te l’ha ordinato il medico di starmi vicino mentre fumo. Anche il tuo veicolo che transita coinvolge non poco i pedoni

          • Joey

            Non cambiare discorso. Il tuo esempio usato sopra è sbagliato. Non puoi paragonare la cintura a un fumatore.

          • B3rg3Ru5

            non cambio discorso. Il fumare non implica sputare il fumo in faccia alla gente. Non estremizzare per cercare di avere ragione

          • Joey

            Se tu cammini per strada e il tipo davanti a te si accende una sigaretta, praticamente ti sputa il fumo in faccia.

          • B3rg3Ru5

            infatti molta gente muore perché per strada gli hanno acceso una sigaretta davanti. OK XD XD XD

    • Gios

      Del gratia! Finalmente una buona notizia!

      • B3rg3Ru5

        mica tanto. C’è gente che commette infrazioni su infrazioni e la fa sempre franca. Io non ho messo la cintura una volta e mi sono beccato la multa.

    • Antonio Guacci

      Ce ne vuole di “bravura” per essere beccati a commettere 3 infrazioni in 12 mesi. 😮

      • B3rg3Ru5

        Basta beccare il vigile str0nzo che ti fa 2 verbali in una volta e poi devi solo stare attento a non beccare una terza multa per 12 mesi.

        • Antonio Guacci

          Ribadisco, bisogna essere davvero bravi (o avere una faccia da vero delinquente): sono almeno 10 anni che non vengo fermato neppure per un controllo, e sono almeno 6 che non prendo una multa (divieto di sosta, quella volta).

          • B3rg3Ru5

            Quanto pressapochismo. Adesso esistono le facce da delinquente?
            Dici che sono almeno 10 anni che non ti fermano per un controllo.
            Le cose sono 2:
            1) vai dal panettiere dietro casa in auto
            2) vivi in un paese dove non esistono posti di blocco.
            In ogni caso ritieniti fortunato. Non fare il figo con chi ha avuto la sfortuna di beccare il posto di blocco al momento sbagliato.

          • Antonio Guacci

            Pressapochismo? 😮 E perché?
            …Perché non mi fermano da 10 anni nonostante io abiti tra il milanese e il comasco e percorra almeno 80 km ogni giorno?

            Figo? 😮 E perché?
            …Perché nonostante io non sia un santo al volante, so comunque quando è bene mantenersi nei limiti del Codice Stradale?

            Senti caro: che uno possa essere “beccato” a commettere un’infrazione è normalissimo, d’altronde siamo esseri umani…
            …Ma essere beccati a fare ben TRE infrazioni in un anno non è da essere umano: è da gente che al volante si comporta da cogIione.

  • Gios

    Correggete “umberto” anche nei link storie a pie articolo!

  • Antonio Guacci

    Buon per te: io ho invece scoperto l’ennesimo cogIione, e mi viene solo da piangere a vedere come tanta gente è ridotta.