Nissan Micra 1.5 dCi 90 CV: prova su strada, dimensioni e prezzi | HDtest

4 luglio 2017

La nuova Nissan Micra ha provocato ben più di qualche scossone al momento della presentazione ufficiale (avvenuta a settembre 2016 in occasione del Salone di Parigi). Nessuno si aspettava una rivoluzione del genere, sia dal punto di vista del design né per le sue caratteristiche.

Addio “Segmento A”, fuori è un’altra musica…

nissan-micra-111

La Micra ha sempre fatto parte del Segmento A e nella classificazione tipica del nostro mercato le auto di questa fascia sono le compatte per eccellenza, quelle che nel nostro Paese vanno per la maggiore per ingombri ridotti e costi contenuti. La vecchia generazione misurava infatti 3,78 metri di lunghezza, 1,52 in altezza e 1,66 in larghezza (in linea con la regina delle Segmento A in Italia, la Fiat Panda) ma con questa quinta generazione la musica è cambiata del tutto grazie a una lunghezza di 3,995 mm in lunghezza, 1,452 in altezza e 1.743 mm in larghezza, che la pongono nel segmento superiore.

nissan-micra-19

La Nissan Micra 2017 è più bassa di ben 7 centimetri il che aiuta a cambiare del tutto la linea dell’auto. Ora la giapponese è più scolpita e sportiva grazie ad una carrozzeria dall’aspetto quasi futuristico e dotati degli ormai tradizionali moduli a LED: davanti la calandra con la “V” cromata tipica delle ultime Nissan fa da apripista per le pieghe della carrozzeria che emergono dal cofano per poi proseguire sulla fiancata e terminare la loro corsa al posteriore, all’altezza dei gruppi ottici. Un cambiamento rivoluzionario rispetto alla forma “ad ovetto” delle vecchie generazioni, necessario vista l’altrettanto blasonatissima concorrenza di Ford Fiesta, Renault Clio (con cui Micra condivide l’impianto produttivo in Francia nonché i motori) e Seat Ibiza e alla clientela cui si rivolgono queste auto.

… e dentro?

nissan-micra-89

Certamente anche gli interni si sono adeguati ai cambiamenti esterni visto che ora la Nissan Micra si mostra decisamente più matura di prima grazie a una plancia del tutto rivista e nuovi materiali. Sulla Tekna della nostra prova ad esempio è di serie il rivestimento in similpelle sul cruscotto ed anche i materiali della parte superiore della plancia sono morbidi e piacevoli. Lo schermo da 7″ touchscreen è interfaccia del NissanConnect, di cui parliamo nel nostro approfondimento tecnologico.

nissan-micra-54

Lo stile degli interni è decisamente moderno e rispetto al passato il livello di qualità percepita è di molto superiore, nonostante qualche dettaglio lasci un po’ a desiderare (come la cuffia della leva del cambio non cucita in prossimità del pomello) e per i posti posteriori ci sia decisamente meno attenzione alla qualità dei rivestimenti. Basti dire che i pannelli porte non hanno il portabottiglie né tantomeno i finestrini elettrici, nemmeno a pagamento.

nissan-micra-96

Lo spazio a bordo è buono all’anteriore: si trova facilmente la posizione di guida più comoda, grazie all’ampia regolazione del volante in profondità e altezza e anche alla giusta distanza della pedaliera dal posto guida non è difficile trovare la giusta postura anche se si è di alta statura; dietro invece lo spazio è poco sia per le gambe che per la testa, quindi meglio limitare i chilometri negli spostamenti se i passeggeri posteriori sono alti oltre un metro e 80.

Tra le curve stupisce, sulle buche no

nissan-micra-109

Dove poi la Nissan Micra 2017 è migliorata (e non poco) è nella guida in curva. Il maggior appoggio a terra e anche una diversa impostazione di sterzo e motore hanno un impatto incisivo sulla dinamica dell’auto. Lo sterzo è molto piacevole da utilizzare tanto che impostare una successione di curve diventa un divertimento. Il cambio manuale a cinque marce purtroppo non è all’altezza delle aspettative né le sospensioni sono da “vera sportiva” (davanti McPherson, dietro ruote semi-indipendenti) ma il pacchetto completo è molto buono e anni luce avanti a quanto si era abituati, grazie anche all’appoggio offerto dai cerchi da 17″ dell’auto in prova.

Certo la coppia di 220 Nm del motore 1.5 dCi da 90 CV arriva tutta subito in zona 2.000 giri ed evitare il sottosterzo non è cosa semplice, tanto che viene chiamato agli straordinari uno dei due dispositivi elettronici che hanno debuttato sulla nuova Micra. L’Intelligent Trace Control è un sistema che frena le ruote interne alla curva per limitare il sottosterzo e tenere l’auto più vicina possibile all’interno della curva ed è grazie a questo sistema che muoversi nel misto in modo agile è cosa semplice a bordo della giapponese. Buona la modularità dei freni nonostante la potenza non sia da primato. Inoltre è da notare che al posteriore l’auto ha freni a tamburo e non a disco.

nissan-micra-79

Nell’ambito urbano, quello in cui un’auto così dovrebbe trascorrere la maggior parte del tempo, viene a galla la poca insonorizzazione dell’abitacolo dagli pneumatici nel caso in cui si incontrino buche particolarmente profonde o asfalto sconnesso. La scelta di cerchi dalla dimensione ridotta sicuramente aiuterebbe a migliorare la situazione. Una volta in marcia tra palazzi, semafori, motorini e quant’altro l’auto è invece si mostra ben insonorizzata dall’ambiente esterno, segno che all’isolamento acustico è stata data molta importanza in fase di progettazione.

Prezzi e consumi

nissan-micra-106

I prezzi della nuova Nissan Micra partono da 12.600 euro per il motore 1.0 aspirato da 71 CV in allestimento Visia ma per avere una dotazione di serie completa ed una motorizzazione in linea con l’aspetto sportivo dell’auto servono almeno 15.700 euro. A quel prezzo ci si porta a casa un motore molto interessante, il 0.9 turbo da 90 CV, in allestimento Acenta. Il diesel parte da 16.800 euro mentre la più ricca Tekna costa 19.800 euro, personalizzazioni estetiche ed optional esclusi.

nissan-micra-26

Sul fronte dei consumi è da segnalare la conferma del motore 1.5 dCi (come detto è di origine Renault e lo abbiamo già apprezzato sulla Dacia Duster, ad esempio) come campione di efficienza. A fronte di una coppia motrice dai valori interessanti, questo diesel permette di ottenere medie complessive di 19 Km/litro senza risparmiarsi troppo con il pedale del gas. Le percorrenze più interessanti si ottengono in ambito extraurbano e autostradale con medie di oltre 20 al litro, mentre in città si riesce a stare sui 17 al litro.

Storie:
  • https://www.youtube.com/watch?v=c0MX6oqJBno#t=91 Desmond Hume

    20mila euro di macchina con freni a tamburo dietro e vetri posteriori con la maniglia.
    Qualcuno può dire a Nissan che siamo nel 2017?

  • stiga holmen

    Non capisco perchè mettano di serie tanti controlli per la sicurezza e poi non inseriscono i finestrini elettrici posteriori….misteri Nissan..