Mazda CX-5 2.2 175 CV, SUV giapponese top di gamma | HDtest

18 luglio 2016

Sono passati 4 anni dal debutto del primo CX-5 in Europa ed immancabile arriva il restyling, l’abbiamo messo alla prova nel nostro HDtest ed è risultato un prodotto convincente, ben fatto e di qualità.

Il motore di questa Mazda CX-5 è il 2.2 Skyactiv diesel da 175 CV e trazione integrale, a cui si abbina il cambio automatico a sei rapporti. Il lavoro fatto dai tecnici Mazda si è concentrato sulla riduzione del rapporto di compressione del motore e l’ottimizzazione del propulsore, limitando vibrazioni e incertezze nel prendere giri.

Il 2.2 offre tra l’altro 420 Nm di coppia, che è il valore che più si apprezza perché il cambio mantiene sempre il motore nella “zona giusta” per effettuare sorpassi in modo rapido ed efficace. Mazda CX-5 ha un assetto che permette di viaggiare in modo confortevole dal punto di vista dell’assorbimento delle asperità stradali; nell’abitacolo filtra qualche rumore di troppo nei viaggi autostradali, causati dal rotolamento degli pneumatici e dai fruscii aerodinamici. Nel complesso però si ha l’impressione di entrare in un abitacolo ben curato dal punto di vista della qualità percepita.

Nell’abitacolo si possono riscontrare i difetti principali di quest’auto: la grafica della strumentazione è un po’ datata, così come il sistema di infotainment. Quest’ultimo può essere manovrato con la manopola sul tunnel centrale (comoda, pratica e non scontata nella categoria) o con l’uso delle dita tramite lo schermo touchscreen. Per quel che riguarda i consumiin città si viaggia con medie di 10 Km al litro, in autostrada si sale a 12 al litro mentre in strada statale si arriva a 13 Km/litro, per una media complessiva di 7,5/8 litri su 100 Km (tra 12,5 e 13 Km al litro).

Storie: