La realtà aumentata per eliminare la “rabbia al volante”

27 febbraio 2017

hud realtà aumentata

La chiamano “road rage” e sicuramente a tutti sarà capitato di esserne protagonisti: è la situazione in cui, al volante, ci si lascia andare alla rabbia a  causa del comportamento degli altri automobilisti. Con la realtà aumentata, però, si potrebbe limitare (se non sconfiggere) il fenomeno…

Nato nella University of Technology di Eindhover, il progetto “social car” promette di unire il mondo dei social con quello della guida. Creato dal team di Chao Wang, il sistema sfrutta un head-up display che proietta sul parabrezza alcune informazioni sugli altri automobilisti. Quando un’auto che utilizza questa tecnologia viene inquadrata dalla telecamera dello smartphone, il sistema legge lo “stato” impostato dal conducente. Così si può comunicare a tutti che si è di fretta perché si sta andando all’ospedale con urgenza, o all’aeroporto perché si è in ritardo.

Gli altri automobilisti vedranno questi aggiornamenti e si comporteranno di conseguenza, magari agevolando il passaggio di chi è di fretta o chiudendo un occhio di fronte all’auto che ci precede a velocità ridotta perché il suo conducente sta cercando di capire la strada da seguire dal navigatore ad esempio.

Wang ha introdotto anche un limite di utilizzo, così da evitare gli abusi e limitare gli aggiornamenti solo alle situazioni d’emergenza, affiancando poi un sistema con “like” e “dislike” proprio come i social, ipotizzando un futuro dove le compagnie di assicurazione potranno usare questi dati per regolarsi con il prezzo del premio.

Dopo il test, una simulazione che ha coinvolto 30 partecipanti, Wang ha notato che il sistema è stato in grado di ridurre la “road rage”: i partecipanti che hanno visto i segnali degli altri conducenti hanno si sono dimostrati più inclini a perdonare gli errori degli altri conducenti, anche se il sistema ha fatto emergere un fattore distrazione non indifferente. Wang è quindi al al lavoro per ridurre la distrazione così da perfezionare il progetto.

L’app di Wang è sicuramente un esercizio di stile ma l’idea potrebbe rivelarsi utile in futuro: sappiamo già che le auto saranno automaticamente in grado di comunicare fra loro e, unendo a ciò l’integrazione con gli smartphone con la diffusione degli assistenti personali a bordo, il processo potrà essere automatizzato. La nostra vettura, ad esempio, andrà a leggere il calendario o la nostra mail, trovare la prenotazione per l’aeroporto e avvisare automaticamente gli altri mezzi che siamo in ritardo per il volo, così da eliminare la necessità dell’intervento dell’utente.

  • Dan
    • Mobile Suit Gundam

      e con generatore di insulti automatici

  • GTX88

    basterebbe sempre occupare la corsia più libera a destra e non ci sarebbero tanti problemi

    • Steve

      Si e ogni dieci secondi, sorpasso a sx, torna a dx, sorpassi a sx, torna a dx condito da “togli e metti fredde”…La pazienza ha un limite

      • Ranocchio Blasfemo (4)

        Non sia mai: meglio piazzarsi nella corsia di sinistra per un paio di ore.

        • Steve

          assolutamente no, basta che chi sta a sinistra vada molto veloce, chi in mezzo veloce, chi a destra a velocità decente

      • Gatsu

        Esatto la pazienza ha un limite… il limite siete voi che vi fate le regole della strada da soli….
        Ma cosa mi tocca leggere!

        • Steve

          viva le bici, i cavalli, gli aratri e la peste!

        • pollopopo

          le solite regole esistono da i tempi delle topolino….alcune sono corrette…altre no…. le moderne vetture se si è un minimo capaci di portarle e si rispettano le giuste distanze di sicurezza possono fare il 90% delle autostrade a 140-150 tranquillamente (anche più se si ha un bel veicolo), ti levo pezzi di autostrada tipo genova o simili che sono peggio di alcune strade provinciali ma per il resto andare a velocità sostenuta in autostrada non la vedo una cosa da folli dato che gli unici pericoli, previo meteo favorevole, sono le proprie capacità di tenere un volante per le mani, di valutare le curve che si hanno davanti, mantenere la giusta distanza di sicurezza, il telefonino e chi non guarda gli specchietti e ti taglia la via.

          Non per nulla sulla autobahn (ok non sono gli appennini) non ci sono limiti… li forse è un po’ eccessivo ma anche 110 o 130 su strade con due corsie e qualche curvetta è eccessivamente poco.

          • Gatsu

            Le regole sono generali… a te farebbero comodo autostrade con limiti più veloci e così via, ma le regole della strada basterebbe che tutti le rispettassimo per avere meno incidenti e rotture di balle, non avere regole ad hoc… Non dovete lamentarvi delle regole, ma degli automobilisti che non le seguono o che non le conoscono perché hanno trovato la patente nel fustino del Dash…
            le regole sono ancora attuali proprio se pensi che non tutti giriamo con auto di cilindrata “superiore” o anche solo “in ordine” con freni, gomme e sospensioni controllate periodicamente… le regole sono pensate anche in relazione a gente come quella e se tu vuoi andare in autostrada a 150 perché hai fretta o per soddisfare in tuo bisogno di velocità, ti consiglio di andare sulle autobahn, dove non ci sono limiti di velocità (solo in alcune sezioni… mica tutta la Germania non ha limiti ) piuttosto che chiedere di cambiare le regole della strada che secondo te sono limitanti e vecchie, ma è solo un tuo parere non dati oggettivi….

      • GTX88

        se vai a una velocità costante e sei in grado di valutare le distanze non fai nessuna fatica

    • Massi91

      si va di sorpasso da destra perchè i coglionazzi non hanno voglia di spostarsi sulla prima corsia a restano sempre sulla seconda a 100/110

      • GTX88

        nelle autostrade a 3 corsie a volte è la cosa migliore

  • http://i.perezhilton.com/wp-content/uploads/2015/06/jon-snow-death.gif Jon Snow

    Black Mirror Season 3 episode 1

  • Alexander DeLarge

    Certo, perché così nessuno mai imposterà uno stato “di fretta” giusto per andare più veloce.
    Ma dai, che enorme cazzata.

    • Fede25

      non ci provate neanche a leggere l’articolo eh

      • GTX88

        basta mettere nel calendario la partenza dell’aereo, non serve solo leggere ma anche comprendere

      • Alexander DeLarge

        In effetti stavolta no … mi ero appena svegliato, ho scritto di getto ahahahahah

  • proxyy

    cazzatona col botto

  • nutci

    L’unico modo per eliminare la rabbia sarebbe allestire dei parchi a tema recintati con dentro dei ciclisti da schiacciare senza possibilità di fuga.

    • Lorenzo Rufus Testai

      Solo ad immaginarlo mi sento più rilassato…

    • zzzz

      nonche i cogl10nazz1 degli automobilisti siano da meno eh, soprattutto qui in italia

  • aquero

    Esiste in commercio un sistema di navigazione con head-up display affidabile?

  • gaelom

    L’unica soluzione per me è installare un Vulcan sul tetto con mirino automatico……
    Il problema sono i bossoli che cadono….
    Ma in giro cè una manica di imbecilli assurdi. Ma mi danno piu fastidio i soliti furbetti all’italiana, quelli non li sopporto, pensano di essere capaci solo loro di saltare le code ecc….Purtroppo è lo specchio del nostro paese, incivili, ladri, individualisti ecc…Che schifo, spero che mio figlio se ne vada altrove un giorno, anzi, lo caccio io, perchè sto paese ormai è irrecuperabile.

    • zzzz

      massima stima

  • zzzz

    “la prenotazione per l’aeroporto e avvisare automaticamente gli altri mezzi che siamo in ritardo per il volo..”: cioè tu 1mb3c1ll3 sei in ritardo perchè hai ca55eggiat0 fino all’ultimo e quindi devi correre per strada? Siamo alla follia, il mondo sta andando sempre più verso il precipizio, arrivando a giustificare comportamenti scorretti e pericolosi. Di pari passo con le blande condanne per i reati penali che sempre di più si vedono