Intel e l’acquisizione di Mobileye per la guida autonoma

13 marzo 2017

mobileye

Considerando che Mobileye gestisce il 70% del mercato dei sensori per i sistemi di sicurezza attiva e guida semi-autonoma, i 15 miliardi in ballo sono più che giustificati.

E’ proprio questa la cifra che Intel si troverebbe a spendere per acquistare Mobileye così da aumentare ulteriormente l’impegno nel settore automotive per quanto riguarda la guida autonoma. La notizia arriva da Reuters e l’annuncio ha ovviamente fatto volare le azioni di Mobileye, forti di una crescita del 33% dopo l’interesse del colosso dei chipset.

Intel ha infatti confermato la veridicità delle informazioni e ha aggiunto che punterà ad ufficializzare il tutto entro la fine del 2017, così da potenziare ulteriormente il lavoro già fatto in collaborazione con Mobileye, già contattata in precedenza per un programma pilota sulla guida autonoma con BMW che prenderà il via nella seconda metà dell’anno.  Nel 2021 arriveranno poi i chip di nuova generazione per la guida autonoma di livello 4 e livello 5.

BMW, Intel e Mobileye: nel 2017 via ai test di guida autonoma

Ormai è chiaro che la nuova “guerra tecnologica” si combatterà in questo settore e le alleanze iniziano a delinearsi, con acquisizioni e partnership volte a formare gruppi che si combatteranno a suon di sensori, chipset e software. Al duo Intel-Mobileye si contrapporranno Qualcomm e NXP, protagonisti di un accordo simile (da 47 miliardi di dollari) che si chiuderà anch’esso verso la fine del 2017 dopo i controlli di rito e l’approvazione degli azionisti.

Storie:
  • stiga holmen

    Eh nessuno ormai a cui interesserà motore, telaio, freni, volante…tutti presi da questi controlli spesso invadenti.

    In futuro le cause per incidente stradale verranno aperte contro queste aziende e i loro sensori…

    • Maurizio Mugelli

      mi pare un’ottima cosa, l’assicurazione la gestisce il produttore e ti costringe a rispettare la manutenzione altrimenti e’ lui a rimetterci e pagare un premio maggiorato.
      riduzione drastica negli incidenti.

      • stiga holmen

        Questi sono solo sensori che avvisano acusticamente. Li ho visti in azione montati su auto aziendali. Non evita nessun incidente se il guidatore non interviene. L’eliminazione degli incidenti ci sarà quando le auto avranno la guida totalmente autonoma o almeno l’accesso agli organi auto(es freni) : ma anche lì non sono sicuro, tra un aggiornamento e l’altro ci potrebbe essere qualche errore.
        Se consideriamo che la guida autonoma arriverà anche su camion, i danni potrebbero essere maggiori

        L’unica è essere concentrati e sperare che non accada niente di imprevedibile.

        • Maurizio Mugelli

          vedo che non hai capito… tu dici “le cause per incidente stradale verranno aperte contro queste aziende” – cosa probabile, c’e’ gia’ una proposta di legge in inghilterra a questo proposito.
          di conseguenza i produttori di auto vorranno mantenere al minimo queste cause evitando gli incidenti dovuti ad incuria e cattiva manutenzione dei proprietari di auto.

          • stiga holmen

            Si e diranno: noi abbiamo avvisato acusticamente il guidatore che non è intervenuto.
            Nessuno vuole prendersi le responsabilità, abbiamo già visto gente idiota morta in Tesla mentre guardava film…. Lì è stata ovviamente scagionata visto che il guidatore pensava di trovarsibal cinema..

        • andrea55

          Penso anch’io che un software così complesso come la quida autonoma abbia le stesse probabilità di causare incidenti di una persona alla guida.
          Potrebbero invece essere molto utili sui mezzi pesanti che viaggiano prevalentemente in autostrada, percorso che è più facile da gestire evitando e correggendo così distrazioni e colpi di sonno

          • CAIO MARIOZ

            Tra 20 anni quando le auto, le strade, i servizi saranno tutti connessi e comunicheranno tra loro non esisteranno né code né incidenti né parcheggi liberi e i parcheggi saranno infinitamente meno numerosi e molto più stretti grazie alle auto condivise e alle auto che si parcheggeranno da sole una accanto all’altra.
            Ah e saranno elettriche e si ricaricheranno wireless ovunque, sia nei parcheggi sia in moto per strada

          • zioale

            20 anni è una previsione assolutamente troppo ottimistica, a giudicare delle auto dello scorso secolo tutt’ora in circolazione e considerato che la vita media di un’auto (ben tenuta) è pari se non superiore ai 20 anni.
            Magari tra 50 anni, forse.

          • CAIO MARIOZ

            Nel 2021 arriveranno le auto elettriche completamente autonome
            A fine 2017 arriverà la Mercedes classe S a ricarica wireless Qualcomm
            Se prendono piede le auto a guida autonoma prenderà piede anche l’auto condivisa (cioè scegli l’auto che preferisci e paghi solo il servizio, che non avrà nemmeno il conducente)
            Pensa ai cambiamenti avvenuti dal 1997 al 2017, sono impressionanti

          • zioale

            Indubbiamente, ma parliamo di Classe S; già una “modesta” classe C non è assolutamente alla portata di tutti, quindi bisognerà attendere che tali servizi giungano almeno fino alle vetture di segmento c, e che ci sia il necessario ricambio generazionale che richiederà decine di anni di tempo.
            Proprio perché ormai è la tecnologia a fare un’auto, sempre meno persone sono disposte a spendere di più perché nemmeno capaci di fare un parcheggio da sole :)

          • mmorselli

            E’ vero, ma bisogna anche sempre stare attenti a non commettere l’errore di giudicare il futuro basandosi sul passato. Oggi molte persone rimandano l’acquisto di un’auto nuova perché in fin dei conti quella vecchia fa le stesse cose, per cui soprattutto se i soldi non sono in avanzo si tende a procrastinare. La questione economica è importante, ma anche relativa, dato che prima o dopo l’auto la cambi, non puoi rimandare all’infinito. Potrebbe anche succedere che il fatto di cambiare completamente paradigma spinga le persone a cambiare l’auto anticipatamente. 20 anni sono sempre pochi, ma magari non ne serviranno 50. Non serve nemmeno che sia sostituito tutto il parco auto, già dal 50% in poi le cose si farebbero interessanti.

          • andrea55

            Fai anche 200 bisogna prima smaltire tutte le auto d’epoca, sviluppare il sistema, installarlo e risolvere il problema dei veicoli a due ruote, poi forse potrà andare in porto

          • CAIO MARIOZ

            20 anni fa
            Non esistevano auto elettriche e ibride in circolazione
            Non esistevano auto Euro X
            Non esistevano autocelox e Tutor
            Non esisetvano le luci a Led
            Le TV erano a tubo catodico
            Non esistevano i Tom Tom
            Non esisteva il Wi-Fi
            Non esisteva il Bluetooth
            Non esisteva l’nfc
            Non esistevano il 4G e il 3G
            Non esisteva la risoluzione 720p
            Non esisteva la Play Station 2
            Non c’erano la macchine fotografiche digitali
            nessuno aveva uno smartphone
            Nessuno aveva internet sulla SIM
            Non esisteva Google
            Non esisteva Tesla
            Non esisteva Pagani
            Non esisteva l’Euro
            Hong Kong era ancora inglese, Macao ancora portoghese
            Clonarono la pecora Dolly
            Non esistevano i Teletubbies
            Non esisteva la repubblica democratica del Congo
            Nessuna sonda era andata su Marte
            Non conoscevamo il DNA dei Neanderthal
            La sonda Cassini era ancora sulla Terra
            Si doveva ancora firmare il protocollo di Kyoto
            Non esisteva il film Titanic
            Pantani non aveva mai vinto il Giro e il Tour
            Zidane non aveva ancora vinto mondiale e pallone d’oro
            La nato doveva ancora bombardare il Kosovo
            Ciampi non era ancora presidente
            Non esisteva l’Europol
            MSN Messenger e windows 98 non esistevano
            Valentino Rossi non aveva vinto ancora nulla
            Idem Schumacher con la Ferrari
            I no global non esistevano
            La Vela di Dubai non esisteva (nemmeno le isole e quasi tutta la citta odierna)
            Michael Jordan giocava ancora
            Napster non esisteva
            Putin non governava
            Non esisteva il ponte tra Svezia e Danimarca
            I Concorde volavano
            Non esisteva open office
            Non esistevano iPod, iMac, iPad, iPhone, iTunes
            Non esistevano gli Apple Store
            Non esisteva Wikipedia
            Non si conosceva il genoma umano
            Esempio di differenze di soli 10 anni
            Milano 2007 vs Milano 2017 https://uploads.disquscdn.com/images/6894188005ca7b847bd008a099936db5da1dc43264464933bdfe0ff8b79ae84f.jpg
            https://uploads.disquscdn.com/images/4b2ecf24aaa6cba3f82e6bbf438bcf32ce85865763d95cf06a8e3418a530624c.jpg

          • mmorselli

            Prevedi computer assonnati, ubriachi o distratti dal telefonino? Un computer per definizione non fa errori, che non significa che può evitare qualsiasi problema, ma quando non lo evita non è stato un errore, bensì un limite della tecnologia, che non poteva reagire così in fretta o con così poche informazioni (come quando la Tesla ha ucciso il conducente perché ingannata da un camion bianco troppo luminoso). L’essere umano non è in grado di trasmettere la sua esperienza, l’abilità nella guida muore con chi la possiede, la guida autonoma invece ogni passo avanti che fa è un passo avanti per tutte le auto, fino al raggiungimento della perfezione. L’obbiettivo di azzerare gli incidenti è realizzabile, ma è realizzabile solo da una macchina, non dall’uomo.

          • andrea55

            È vero però la perfezione sarà raggiungibile solo quando tutti i veicoli saranno a guida autonoma e questo non è possibile almeno per i prossimi 200 anni circa.
            Bisogna anche dire che la Tesla è una guida assistita quindi alcuni aspetti non sono ancora stati affinati, ho visto però qualche video e la previsione e risoluzione di alcune situazioni critiche è impressionante

          • mmorselli

            Nel momento in cui scrivi 200 anni, si perde interesse a leggere cosa scrivi dopo, non trovi? Le iperboli non sempre sono opportune, soprattutto quando è l’iperbole a reggere il concetto. 20 può essere ottimistico, ma 200 è un valore assurdo, sono 20 generazioni di un ciclo di vita medio di un’auto.

            Esagerazioni a parte, quando le auto saranno tutte autonome e connesse non sarà neppure necessaria tutta questa AI sofisticata, se sono tutte connesse basta un software tradizionale per dire chi passa prima e chi dopo. E’ proprio ora, con il traffico misto e i pedoni, che entra in gioco l’AI, perché deve prendere decisioni al volo su situazioni non prevedibili. Si diceva che può arrivare a guidare meglio di un umano, per questo risultato bastano pochi altri anni, il computer guiderà meglio di un umano a parità di condizioni, se in strada ci saranno dei pazzi il computer gestirà i pazzi meglio di un pilota umano perché a differenza di quest’ultimo non sarà innervosito dalla situazione stressante.

    • axoduss

      Il primo paragrafo non è vero. Il secondo è vero in parte: se l’uomo non potrà intervenire allora certamente si chiederà conto ai costruttori, viceversa si faranno le indagini come adesso

  • CAIO MARIOZ

    Praticamente è come se avesse acquistato Bosch, dato che i sensori e le tecnologie Mobileye sono presenti in tutte le auto del mondo

    • Maurizio Mugelli

      si, veramente un bel colpo per intel

      • CAIO MARIOZ

        Ho visto che collaborando per la guida autonoma con tutti i produttori

  • Pingback: Intel e l’acquisizione di Mobileye per la guida autonoma - Riparazione iphone Riparazione telefoni riparazione cellulari e smartphone - Phone Crash()