Intel completa l’acquisizione di Mobileye: nasce il nuovo colosso della guida autonoma

9 agosto 2017

Intel-Mobileye-Purchase-1

A 5 mesi dall’annuncio, Intel ha completato l’acquisizione di Mobileye concludendo un’operazione del valore di 15 miliardi di dollari. Nasce così il gigante della guida autonoma destinato ad essere protagonista di un mercato che, secondo le previsioni, varrà 70 miliardi di dollari nel 2030.

Il colosso dei processori Intel ha finalizzato nella giornata di oggi l’acquisizione di Mobileye, leader nella progettazione di sistemi di sicurezza avanzati con attenzione particolare alla guida autonoma. Un processo agevole che è iniziato a marzo 2017 e che, nel frattempo, non ha impedito alle due aziende di portare avanti le rispettive collaborazioni con i costruttori automobilistici di mezzo mondo.

Intel e l’acquisizione di Mobileye per la guida autonoma

La mossa commerciale è parte del piano di Intel di espandere la propria presenza nel sempre più affollato mercato della guida autonoma, un’industria che entro il 2030, secondo le sue previsioni, arriverà a fatturare circa 70 miliardi di dollari. 

Mobileye partner prezioso

Mobileye, attivo nella fornitura di sensori e sistemi di assistenza alla guida a decine di costruttori automobilistici a livello mondiale, entrerà a far parte della divisione Automated Driving Group di Intel, diventando cruciale per l’ingresso di Intel nel settore della guida autonoma attraverso lo sviluppo di soluzioni car-to-cloud.

Grazie al contributo di Mobileye Intel potrà integrare i propri sistemi di calcolo all’interno dei sensori dell’azienda israeliana, proponendo al cliente finale un sistema di guida autonoma più completo e sicuro. Intel avrà poi accesso alla fitta rete di relazioni intrecciate da Mobileye nel ruolo di fornitore di componenti per oltre il 70% delle case automobilistiche mondiali. Nonostante questo, il quartier generale di Mobileye rimarrà in Israele.

I due colossi hanno già all’attivo una collaborazione con BMW e Delphi verso la realizzazione di una nuova piattaforma software e hardware per rendere la guida autonoma un “pacchetto” facilmente installabile anche su vetture prodotte da terzi.

bmw-intel-mobileye-guida-autonoma-2