Huawei e Audi insieme per le auto connesse

27 maggio 2015

audi huawei auto connesse

Dal CES Asia arriva un altro annuncio di partnership tra uno dei big del settore “tecnologia e comunicazioni” e un produttore di auto. Audi e Huawei hanno infatti confermato l’accordo volto a studiare potenzialità e applicazioni della connettività in auto e della connettività dell’auto con smartphone, strutture, segnaletica stradale e altri veicoli.

Il tema delle auto connesse e interconnesse non è certo nuovo ma è uno di quelli caldi per il futuro, sia in ottica di sicurezza che di guida autonoma. Huawei ha già equipaggiato la nuova Audi Q7 con i suoi moduli per le reti 3G e 4G con velocità fino a 100 Mbps in download ma il prossimo passo è far comunicare le auto con i dispositivi indossabili come smartwatch e fitness band e ovviamente gli smartphone.

L’obbiettivo è creare un sistema dove pedoni, auto e infrastrutture cittadine possano comunicare tra loro così da permettere alle centraline di bordo dei veicoli di avere un’indicazione spaziale di tutti gli elementi nei dintorni del veicolo. Le applicazioni possibili sono diverse: l’auto potrà sapere in anticipo (e prima che il conducente possa vederlo) la posizione di un veicolo in arrivo da un incrocio “cieco” o scoprire che un pedone sta attraversando dietro ad una curva nella quale stiamo per svoltare.

Comunicare con un semaforo, inoltre, porterà risparmi dal punto di vista dei consumi dato che il computer di bordo calcolerà a quale velocità approcciare l’intersezione in modo da arrivarvi allo scattare del verde. Infine un ipotetico parcheggio connesso permetterà al navigatore di pianificare il percorso ottimale così da risparmiare tempo (e carburante) nel cercare un posto libero dove fermarsi.

Secondo un’indagine, la maggior parte delle auto (90%) sarà connessa in rete entro il 2020 e Audi intende arrivare a questo traguardo con la collaborazione di Hauwei.

Storie: