Free2Move: l’app di PSA che riunisce i servizi di car-sharing

3 febbraio 2017

PSA Free2Move

Dopo aver creato il brand Free2M0ve lo scorso settembre, PSA lancia ora l’app Free2Move, una piattaforma che permette di accedere ai servizi di car-sharing di una ventina di operatori. Obiettivo? Diventare il fornitore di mobilità preferito dai clienti.

Sono sempre di più i gruppi automobilistici che decidono di creare un brand dedicato ai servizi di mobilità: tra questi c’è Groupe PSA, con la divisione Free2Move, che si occupa di car sharing, smart services, fleet sharing e management e soluzioni di leasing, inglobando sotto un’unica ala tutte le realtà di PSA che già si occupavano di questi servizi.

Free2Move: il brand per la mobilità alternativa di PSA

Oggi, l’operazione si completa con il lancio dell’applicazione Free2Move, una piattaforma di servizi di mobilità che permette di accedere, con pochi tap, ai servizi di car-sharing di una ventina di operatori. L’app è stata pensata per facilitare le esigenze di mobilità degli utenti, offrendo un accesso centralizzato ai servizi di numerosi operatori di car-sharing attraverso un’unica applicazione, che riunisce così vari tipi di soluzioni di trasporto.

In questo modo l’utilizzatore finale ha a disposizione una rosa di mezzi di trasporto – pubblici, privati, condivisi, a motore o a pedali – e, soprattutto, ha la possibilità di confrontarne prezzi e vantaggi direttamente sull’app. E sempre da qui è possibile confrontare e prenotare un servizio di car-sharing tra quelli disponibili sul territorio.

Free2Move app è già disponibile in Italia (nelle città di Torino, Milano, Roma), Germania, Austria, Svezia e Regno Unito, mentre in seguito sarà proposta in Francia, Spagna e Paesi Bassi. È gratuita ed è disponibile su App Store, Play Store e Windows Phone, offrendo dunque compatibilità con tutti gli smartphone in circolazione.

Il lancio di Free2Move rappresenta l’ambizione di Groupe PSA di essere, entro il 2021, non solo un grande costruttore di auto, ma anche un fornitore di servizi di mobilità. Secondo i dati forniti da Frost & Sullivan, infatti, il numero di utenti di servizi in car-sharing nel mondo dovrebbe aumentare di 4 volte e mezzo in 10 anni, passando da 8 a 36 milioni di persone tra il 2015 e il 2025.