Dacia Duster Brave 2017, la prova del Media Nav | Tecnologia a bordo

23 aprile 2017

Dacia Duster è uno dei modelli più venduti del marchio rumeno di proprietà di Renault-Nissan, in questa prova su strada abbiamo voluto mettere alla prova anche i sistemi tecnologici di cui è dotato il SUV in edizione speciale Brave. 

Il Media Nav è completo

Il Media Nav è il sistema utilizzato da Dacia sugli allestimenti top di gamma come la Laureate o la Brave, appunto. E’ dotato di uno schermo da 7″ touchscreen con schermo resistivo. Si tratta quindi di una soluzione poco costosa ed in linea con quanto offerto sulla vettura ma non certamente all’ultimo grido.

Detto questo il sistema è completo e permette di sfruttare tutte le funzionalità in modo semplice ed intuitivo. Navigatore (dove presente), mirroring delle app del telefono e telefono sono le funzioni di cui dispone il Media Nav, che però manca dei più moderni standard Apple CarPlay e Android Auto.

Tutto sommato è un buon sistema a cui, visto il prezzo d’acquisto qualora non incluso di serie, si può anche non rinunciare. Con una spesa di 300 euro più 100 euro circa per l’acquisto delle mappe si dota l’auto di una interfaccia accattivante e di uno schermo per la retrocamera di parcheggio, che con un lunotto di dimensioni ridotte come quello della Duster è sempre un buon alleato.

Mancano i sistemi di sicurezza

All’appello però mancano i sistemi di sicurezza che ormai sono presenti su auto della concorrenza: avviso di abbandono della corsia, allarme anti-tamponamento e stanchezza del conducente sono tanti piccoli aiuti che sarebbe bello veder introdotti sulle auto a marchio Dacia poiché aumenterebbero la sensazione di sicurezza a bordo.

Purtroppo la posizione dello schermo e la sua scarsa capacità di contrastare i riflessi della luce diretta del sole sono una pecca un po’ troppo marcata perché in certe situazioni il navigatore è inutilizzabile. Per il resto anche sul lato tecnologico la Dacia Duster si conferma un’auto che bada al sodo e non si perde in frivolezze e funzionalità inutili. Una filosofia che per molti rappresenta un punto a favore anziché uno negativo.

  • https://www.youtube.com/watch?v=c0MX6oqJBno#t=91 Desmond Hume

    “che però manca dei più moderni standard Apple CarPlay e Android Auto.”

    scaffale!

    • Mako

      concessionaria! garage!

  • Gupi

    Fa cagher

  • Pingback: Dacia Duster Brave 2017, la prova del Media Nav | Tecnologia a bordo | INFORMAZIONE 24()

  • fire_RS

    Sembra uno stereo 2 din comprato al negozio.. Interni pari a zero in queste dacia

  • ellios76

    Il medianav fa cagare anche come navigatore, menomale che c’è sempre con me Google maps

    • LH44

      eè quiello che monta anche renault

      • Daniele

        Infatti da possessore di Captur nuova di zecca ti confermo che fa cagare anche quello di renault 😀

        • LH44

          come un po i NAV integrati in molte auto.
          Per non parlare delle soluzione android auto per esempio che devi stare a collegare il cavo.

          • Daniele

            Si, a sto punto prefereirei un nav con android puro da modificare a manina…

        • ellios76

          I sistemi di infotainmet sia di Dacia che di Renault sono uguali, sono entrambi Medianav fatti da LG. Però credo che quelli che montano su Captur siano diversi, ma non ne sono certo. Ma sono certissimo che quello della Clio in mio possesso è identico alla Duster e Stepway

          • Daniele

            Quelli di Clio e Captur sono identici.. è lo stesso identico modulo.. purtroppo.
            Ma che poi l’hardware non è marcio, nel senso che il display ok per un nav è passabile, connettività ok.. ma il problema è il sw, sembra scritto da un bambino delle elementari

      • ellios76

        ho provato a montare le mappe di tomtom quelle di here maps, il risultato è sempre lo stesso, mediocre!

        • LH44

          ma perche si montano mappe diverse, non sono tutte le stesse?

          • ellios76

            Direi di no, dato che le mappe TomTom pesano decisamente di più rispetto alle Here

          • LH44

            ma sono sempre le stesse che cambia? fammi capire.

          • ellios76

            Le stesse non sono, le TomTom sono teleatlas, le Here navteq. Credo che la differenza sostanziale risiede nel dettaglio delle cartografie. Le Navteq possono essere più accurate in alcune aree, e le teleatlas in altre zone. A mio avviso il vero problema risiede nel software di gestione del navigatore, che nel medianav è un iGo, alla fine è lui che calcola i percorsi, etc etc.

          • LH44

            vero ma la maggior parte o quasi nessuno ha gli algoritmi di Google Maps e cmq TOM TOM fa anche vaccate allucinanti a volte visto che ho un NAVI aggiornato.
            Poi guarda, per me principalmente la questione riguardante il navi in auto sta nell’aggiornamento LIVE e nel TRAFFICO. In auto se non sei connesso (parlo per gli infontainment che sfruttano SIM o TETHERING DAL CELLUALRE) non ci fai nulla. A quel punto meglio il cellulare per interderci che stare li a collegarmi 1000 cose.

            Android Auto col cavo una cosa no sense

          • LH44

            poi cmq smart nav come altri usano le mappe navteq o sistemi simili che di per se sono diciamo ad un livello medio, rispetto ad un Gogole Maps(che grazie ha al traffico live e gli enormi aggiornamenti e’ su un altro pianeta).

            Ho visto altri navigatori di auto piu costose che per esempio non riescono manco a cercare un punto partendo dall’attività commerciale. Non so se mi spiego. Ma mentre sono in macchina non posso stare ad inserire l’indirizzo per intero

            Le soluzione Android Auto e Apple Car sono ancora acerbe. Devo mettere il cavo e via dicendo.Mah.

  • Mustik

    Il Duster si compra per avere un ottimo 4×4 senza svenarsi, non per le finiture o l’elettronica

    • tulipanonero1990

      Anche perché è proprio brutta. Però vende tantissimo nonostante una volta entrato in concessionario e sedutisi a fare il preventivo, ci si mette un attimo ad arrivare a cifre ben superiori a quanto pubblicizzato.

      • LH44

        su non e’ vero. Costa poco e non e’ neanceh brutto come suv

        • tulipanonero1990

          No guarda, che sia brutto penso che anche il designer Dacia possa in tutta onestà ammetterlo. Al primo sguardo restituisce una sensazione di cheap assurda, avvicinandosi ed salendo a bordo poi, la sensazione iniziale diventa una concreta realtà. Per carità, auto per chi bada alla sostanza, ma a casa mia è stata subito scartata proprio perché con le auto ci facciamo tanti chilometri e un minimo di confort lo si vuole.

          • LH44

            Assolutamente. Ho visto una DUSTER , Grigio islanda, da fuori veramente bella (Cosa che non avrei mai creduto didire).
            Poi il DUSTER nella gamma DACIA non viene aggiornato da 2/3 anni a differenza della stepway che nel modello 2017 ha una ricercatezza e completezza maggiore rispetto al DUSTER (che monta anche i motori vecchi e non le nuove motorizzazioni)

      • Phabio Mocci

        E non hai idea di quante ne girano in Brasile

  • Pingback: Dacia Duster Brave 2017, la prova del Media Nav | Tecnologia a bordo | Old Web()

  • Pingback: Dacia Duster Brave 2017, la prova del Media Nav | Tecnologia a bordo – Italia Notizie()

  • asd555

    Che schifo, peggio della Multipla.
    E ce ne vuole.