Bosch: la batteria per il microibrido a 48V

10 ottobre 2017

Prossimo articolo: »

bosch batteria 48 volt micro ibridoNegli ultimi tempi ha iniziato a farsi strada la filosofia del microibrido, una tecnologia che prevede l’impianto a 48 Volt con l’utilizzo di una batteria progettata per essere più ecologica e per alimentare l’elettrico che assiste l’unità termica.

Bosch si è lanciata in questo mondo con una soluzione standardizzata, proponendo quindi ai produttori un pacchetto “chiavi in mano” così da ridurre i costi grazie alle economie di scala e rendere il progetto accessibile sia agli OEM di vecchia data, sia alle start-up.

Bosch a Francoforte: guida autonoma, tecnologia e connettività

Previsto per il debutto nel 2018, il micro-ibrido di Bosch ruota intorno alla batteria agli ioni di litio dalle dimensioni compatte e pronta a ridurre le emissioni già in progettazione: il pacco non necessita di raffreddamento attivo e questo ha consentito di sostituire il metallo dell’involucro con la plastica, operazione che ha costretto gli ingegneri a calcolare l’espansione delle celle durante la ricarica e dimensionare il progetto per far sopportare al case lo stress fisico.

La batteria si collega al sistema BRS, acronimo di Boost Recuperation System e dedicato a recuperare l’energia in frenata e decelerazione, trasferendola all’accumulatore a 48 V che poi servirà al motore/generatore elettrico per supportare il termico nelle fasi di accelerazione, quelle di massimo dispendio in termini di carburante.

Bosch eAxle: assale elettrico per accelerare i tempi di produzione