Audi A1 citycarver: Apple CarPlay e Android Auto wireless | Prova su strada e video

07 Novembre 2019 82

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Audi A1 citycarver è la soluzione dei tedeschi nel mondo dei crossover, un modello che in parte si stacca dal tradizionale segmento B-SUV perché sceglie di aumentare sì la luce da terra, ma mantiene una dinamica più vicina a quella della A1 da cui deriva e da cui prende tantissimo: per questo il consiglio è di dare un occhio alla prova relativa alla Sportback:

La ricetta di Audi è semplice: la guida alta è assicurata da un assetto rialzato in modo intelligente, in grado di compromettere il meno possibile le doti dinamiche originali della A1 grazie a 5 centimetri in più di cui 1,5 sono dovuti alla spalla maggiorata degli pneumatici, incidendo meno a livello di gruppo sospensioni dove l'escursione è maggiorata di 35 mm.

L'altro ingrediente è quello dello stile: Audi sa benissimo che, oggi, il crossover tira, e l'interpretazione dei quattro anelli si traduce in un look che richiama il mondo SUV (e si avvicina idealmente a Q3 Sportback provato di recente), protezioni che diventano un elemento di design - tanto che è possibile averle con vernice lucida al posto della tradizionale plastica grezza - e una guida rialzata che risponde a quella che ormai è diventata un'esigenza: in un mondo di SUV, sedersi troppo in basso può diventare un problema nel traffico cittadino.

COME VA?

La scelta di demandare parte del compito di rialzo agli pneumatici ha permesso ad A1 citycarver di subire meno il rollio rispetto ai suoi concorrenti, specie se scegliete gli ammortizzatori regolabili che sono un optional da prendere in considerazione per chi fa tanto extra-urbano e ripagheranno nelle curve del misto con un buon sostegno senza compromettere il comfort.

La dinamica è davvero vicina a quella di Audi A1 che ha già dimostrato i grandi progressi di questa generazione, figli del progetto MQB-A0. La piattaforma delle compatte del gruppo è quella che ha avvicinato la guida di Polo a quella di una più sofisticata e costosa Golf, incrementando non solo le dimensioni ma anche il piacere al volante.


Promosso il telaio, quindi, il resto del compito va assolto dai motori: su citycarver sono tre. Il tre cilindri da 116 CV e 200 Nm è quello giusto per l'utilizzo a tutto tondo ma non è la coppia massima a stupire particolarmente, quanto la sua disponibilità in un buon range. Manca qualcosina in basso dove A1 citycarver resta più tranquilla, in parte per la curva di coppia, in parte per la necessità di rispondere a normative sui consumi sempre più strette: la tendenza è quella di addolcire l'erogazione dei moderni motori di piccola cilindrata piuttosto che lasciare al conducente la possibilità di esagerare. Basta però tenersi leggermente più alti con i giri per avere qualche soddisfazione fra le curve. Il rilevamento del consumo medio nel test (7 l/100 km) si avvicina molto al dichiarato di 6,4/6,7.

Tutti i motori di A1 citycarver sono benzina Euro 6d-Temp EVAP-ISC con filtro antiparticolato | Differenze fra Euro 6 e Euro 6d-Temp

Il quattro cilindri 1.5 TFSI è una scelta interessante per la sua tecnica: 250 Nm di coppia da 1.500 a 3.500 giri lo rendono molto piacevole da guidare, lo 0-100 è da 7,7 secondi e l'unità sfoggia soluzioni come la disattivazione dei cilindri (il secondo e il terzo vengono disattivati ai carichi ridotti), basamento in lega leggera e rivestimento al plasma per le camicie dei cilindri al fine di ridurre gli attriti.

Il diesel non ci sarà su A1 citycarver mentre per l'ibrida Plug-In dovremo aspettare: Audi ha dichiarato che sarà presente su ogni modello entro il 2025 ma non sappiamo se lo vedremo in questa generazione di A1 o sulla prossima, specie considerato l'accorciamento dei cicli vitali delle auto moderne.

COMFORT, ABITACOLO E BAGAGLIAIO

Le considerazioni su comfort, abitacolo e bagagliaio di A1 citycarver sono esattamente le stesse per la versione su cui è basata visto che il lavoro di modifiche è stato svolto per carrozzeria e pianale...ad eccezione della tecnologia che migliora eliminando un difetto segnalato nella prova di A1 a ruota bassa.

Riassumendo per i più pigri, l'insonorizzazione è superiore alla media dei crossover di questo segmento, il comfort è migliore proprio per la scelta di un assetto intermedio fra i due mondi, in grado di limitare efficacemente il rollio, e lo spazio nell'abitacolo è sufficiente per far stare comodi quattro adulti da 1,8 metri di altezza.

Inalterato il bagagliaio che va dai 335 litri ai 1.090 litri di capacità massima; il divanetto posteriore non è semplicissimo da abbattere dal portellone posteriore ma ci sono soluzioni come la cappelliera di buona qualità e un vano che livella lo spazio di carico (se rimosso lo aumenta ma nello spazio della ruota di scorta troviamo la batteria) creando una superficie piatta.

INFOTAINMENT E TECNOLOGIA: SMARTPHONE WIRELESS

Apple CarPlay wireless e la predisposizione per Android Auto wireless: basterebbero queste due parole a descrivere le differenze tra A1 Sportback e A1 citycarver. Se sulla Sportback mancava questa caratteristica, la versione crossover recupera terreno e dimostra di avere una marcia in più. Inascoltato, invece, il mio suggerimento sul trattamento oleofobico per lo schermo da 10,1" di MMI: consigliato tenere in auto un panno per pulire il pannello.

Il resto è ottimo e da lodare perché infotainment e tecnologia rappresentano senza dubbio il top in questo segmento: MMI è fluido e reattivo, connesso alla rete con SIM 4G per traffico in tempo reale e ricerca su Google (utilissima). C'è anche Alexa che permette di usare una miriade di comandi vocali...oltre a raccontarvi barzellette di dubbio gusto.

Ritroviamo qui anche la strumentazione digitale da 10,25" proposta di serie (optional il Virtual Cockpit che rende personalizzabile l'interfaccia), presa USB tradizionale e USB C e la ricarica wireless Qi con phone box per migliorare il segnale. L'app per smartphone consente di inviare destinazioni all'auto, scaricarne i dati e controllare e gestire la chiusura delle portiere.

Car-to-X è un'importante differenza rispetto al mondo mass market, da non sottovalutare in ottica futura: il sistema, che fa comunicare le auto abilitando gli avvisi predittivi o le funzioni di mappatura parcheggio, è difficile da trovare nel segmento delle compatte a meno di andare nel mondo premium.

ADAS

La prima prova degli ADAS non ha mostrato particolari criticità: il sistema di mantenimento della corsia funziona anche in extra-urbano a velocità inferiori a quelle autostradali ed è in grado di riportare efficacemente l'auto in carreggiata grazie all'intervento attivo dello sterzo.

Per questioni di piattaforma (MQB-A0) non è disponibile una tecnologia che centra l'auto e permette di abilitare funzioni di Traffic Jam con il livello 2 più evoluto (per la spiegazione sui livelli guida autonoma c'è il nostro speciale), ma gli ADAS presenti sono fra gli ultimi disponibili. Il sistema di frenata automatica ha il riconoscimento dei pedoni ed è possibile scegliere il cruise control adattivo (665€) che funziona da 0 a 200 km/h con l'S tronic e il parcheggio assistito che gestisce automaticamente lo sterzo (optional da 950€).

DIMENSIONI E PESO

Audi A1 citycarver è un crossover/SUV compatto con dimensioni di 4.050 mm lunghezza x 1.756 mm larghezza x 1.483 mm altezza. La larghezza con gli specchietti è di 1,94 metri, passo di 2.566 mm e carreggiata di 1.523 mm. La massa a vuoto della versione oggetto della prova, A1 citycarver 30 TFSI, è di 1.245 chilogrammi incluso conducente da 75 kg e serbatoio (da 40 litri totali) al 90%.

Per chi fosse interessato a sporcare le ruote, citycarver ha un'altezza da terra di 15,3 cm, angolo d'attacco di 21,7° e angolo di uscita di 16,6°.

PREZZI

A1 citycarver vs Sportback: il crossover costa 2.100€ in più, cifra che include di serie il nuovo assetto, i cerchi in lega da 16" (al posto dei 15" di Sportback), verniciatura a contrasto, battitacco in alluminio e spoiler posteriore S

La nuova Audi A1 citycarver è disponibile da novembre 2019 in due allestimenti: sulla versione base, al prezzo di 23.950€, troviamo di serie anche l'infotainment MMI plus da 8,8", specchietti regolabili e riscaldabili elettricamente, bracciolo centrale, sensore luci e pioggia, limitatore di velocità, lane departure warning e Audi pre-sense front con frenata automatica d'emergenza che riconosce pedoni e ciclisti. A1 citycarver Admired (+ 900€) aggiunge i cerchi da 17", clima automatico, Smartphone Interface, assistenza al parcheggio, volante in pelle plus e specchietti ripiegabili.

  • 25 TFSI: 23.950€
  • 30 TFSI: 24.700€
  • 30 TFSI S tronic: 26.550€

Il pacchetto Edition One costa 6.800€ (solo per 30 e 35 TFSI) e porta in dote cerchi da 18", colorazione Arancio Pulse o Grigio Zinco, fari anteriori e posteriori a LED con frecce posteriori dinamiche, interni S line, tetto in contrasto, assetto regolabile citycarver e personalizzazioni estetiche. Il pacchetto Dynamic costa 1.145€ (solo dalla 30 TFSI) e include gli ammortizzatori regolabili, Audi drive select (optional da 205€), dischi freno anteriori da 15" e dischi freno posteriori da 14" entrambi con pinze rosse, oltre al Sound actuator.

Configuratore online Audi A1 citycarver

VIDEO


82

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Aristarco

tu hai detto che il diesel inquina meno solo parlando di c02, che non è un inquinante, in realtà il diesel inquina meno di un benzina, soprattutto i nuovi euro 6, inquina di più solo per quanto riguarda le polveri sottili

Mauro B

ehm?

Aristarco

non è proprio così, consumando meno inquini meno, inoltre il diesel produce un inquinamento diverso dal benzina, principalmente la differenza sono le polveri sottili, che appunto in città sono un grave problema

Aristarco

consiglio lenti bifocali

greatteacher

entra in una yaris di 10 e passa anni fa ed entra in quella nuova, per farti un esempio. L'avanzamento tecnologico e la diminuzione dei costi hanno portato più di qualche beneficio. Non capisco la cosa dei 3 cilindri sinceramente.. Il valore delle auto si basa sui cilindri? Pensa che una volvo v90 ne ha 4, ed è una macchina che può costare fino a 90k€

AlbertoDR

Esiste la possibilità di mettere CarPlay su auto non predisposte?
Penso ad esempio proprio all’A1 ‘vecchia’ (la prima versione disponibile fino al 2018).

Niccoló Fontana

Veramente bella, in configurazione edition one arancione. Mi preoccupa un po la spalla 45 su cerchio 18, li ho montati sulla mia audi a1 e sono belli ma poco comodi.

Ix_Simo_xI

Allora forse sono io ad essere miracolato con le auto... boh... io non ho avuto nessun problema con uso cittadino.

Babi

Non costa tanto per essere un audi no?

eberg93

Confermo. Mio padre si è comprato il troc 1.5 150cv (voleva una macchina altina per stare comodo con la schiena, anche in previsione futura visto che ora ha 62 anni e in casa le macchine durano 15 anni minimo). Auto che parte già da un listino caro, però alla fine ha tutto quello che serve (frenata di emergenza, cruise adattivo, lane assist, AA/CP, scheda SD, 2 USB, lettore cd, 8", bocchette posteriori, freno elettrico, assistenza in salita, specchietto elettrocromatico, fari automatici, sensore pioggia, sensori di parcheggio anteriori e posteriori). Ha aggiunto i full LED (confermo, di notte sono manna dal cielo, non capisco perchè la gente continui a criticarli, la visibilità aumenta tantissimo), colore e ruota di scorta. Il prezzo di listino era (ed è se si prova a configurare) 28,5k. Portata a casa a meno di 24,5k senza dare nulla dentro.

Gli sconti li fanno di più dei tempi addietro. Poi che i prezzi siano alti per mantenere il sentore di "premium tedesco" farlocco è verissimo. Sono il primo a dirlo e pure mio padre lo sa benissimo, soprattutto dopo anni di vere VW dei tempi addietro in casa. È che dopo aver provato altre auto al momento della scelta era quella che come mix di cose lo convinceva di più.
Poi eh, non che le altre case avessero preventivi per i loro modelli tanto più bassi eh, ma siccome quei 2k di differenza spalmati su più di 10 anni non fanno poi tanta differenza ha preferito prendere quella che più gli piaceva.

Mauro B

Purtroppo non è come dici, il diesel inquina di meno solo parlando di CO2, per il resto emette sostanze nocive al nostro organismo in maniera nettamente superiore agli altri combustibili. Il problema è che non è l'unico responsabile, ma è la cosa più facile da eliminare e quindi tutti puntano il dito alle auto.

Mauro B

17k km l'anno sono pochi per un diesel....

PilotaFulmine

Vista dal vivo 2 settimane fa in concessionaria: per me (e per chi era intorno a me) è orrenda e sproporzionata! La 'normale' molto più equilibrata.
Mi sono seduto per la prima volta sull'A1 (che esteticamente la trovo abbastanza bellina e aggressiva per un pubblico giovane) e devo dire che la qualità del tessuto è veramente scadente, al tatto è qualcosa di sgradevole. Nemmeno sulla panda del 2005 è così. Mi ha deluso tantissimo sotto questo punto di vista :/

Zeronegativo

Edition One della A1 ti aggiunge una Dacia Stepway.

Zeronegativo

fischia non mi ero accorto! pensavo che i freni posteriori non ci fossero nella versione base.

Ix_Simo_xI

Cioè... ci hai fatto 170.000 km, e nonostante tutto, ti si è otturato il FAP? Ma roba da matti. A me non è mai successo nulla, in piena città e con traffico, con nessun'auto (Ford e Honda).

Ix_Simo_xI

Beh, la cosa positiva è che ti danno i freni a tamburo posteriori di serie... dovresti ringraziare e non lamentarti! E che diamine...

Ix_Simo_xI

Tu pensa che io vivo a Roma, eppure ho scelto una Honda Civic 1.6 diesel da 120cv e cambio automatico. Io la uso in periferia, non vado praticamente mai nell'anello ferroviario, nella fascia verde o nella ZTL.

checo79

bella sta fiesta active da 27k €

Alex

Tutti a produrre migliaia di modelli auto...tanto i soldi non ci stanno. Siamo tutti con le pezze al cxxxlo.

Mauro B

Certo, ma un benzina omologato oggi tra 15 anni avrà le stesse emissioni. Un diesel omologato oggi tra 15 anni ti costerebbe 5000€ per mantenere le emissioni a livello accettabile. Tra FAP, EGR, urea e iniettori ad altissima pressione nessuno mai spenderebbe quei soldi e via con modifiche alle centraline.

Te lo dico per esperienza diretta. Una A3 2.0TDI 170cv del 2008 e 170k km con FAP completamente otturato, EGR pulita 3 volte.

darthrevanri

Anche i benzina inquinano tanto se non hanno raggiunto la temperatura giusta

darthrevanri

Ovvio che consuma tanto un 1.3 benzina su un auto che pesa semplicemente perché non ha coppia

Comitato_no_Disqus

Ma dove hanno alzato l'asticella della qualità? Un motore a 3 cilindri, a quella cifra? Sono macchinine appariscenti, addobbate da tanti LED colorati

Mauro B

Ma infatti non sto assolutamente incolpando nessuna azienda. Il mercato decide, se vendono hanno tutte le ragioni del mondo.

Mauro B

Purtroppo la guerra al diesel è figlia dei tanti incentivi sbagliati di cui questa motorizzazione ha goduto negli ultimi 20 anni. I diesel restano una scelta quasi obbligata poiché non si è voluto investire sul gas, altrimenti non avrebbero motivo di esistere al di fuori dei mezzi pesanti.

Non dimentichiamo che è vero che le auto diesel in alcuni casi inquinano meno del benzina, ma questo è valido solo per la normativa Euro più recente e soprattutto PER AUTO IN PIENA EFFICIENZA. Siccome per essere pienamente efficienti bisogna filtrare lo scarico 3 o 4 volte, alla fine il sistema si intaserà e nessuno ci spenderà i soldi necessari per mantenere le caratteristiche di omologazione.

SimOOne

Io ho avuto per anni una punto 1.3 diesel e consumava poco. Ora ho una 500l aziendale 1.3 che consuma tanto.. Mi chiedo quanto possa consumare un motore 1.0 benzina su suv e monovulume..
Lunga vita al diesel!

darthrevanri

Anni fa ebbi una Opel Astra 1.3 diesel non consumava niente se la fisica non è un opinione, meno consumi meno inquinamento

SimOOne

Da ignorante non capisco questo accanimento verso i diesel.
Io trovo ancora molto conveniente una macchina diesel soprattutto quando vai a fare rifornimento.
La benza costa di più, sempre e comunque. Motori piccolissimi su macchine pesanti, pochi cavalli.. Sicuramente non ci capisco molto di auto ma ad oggi opterei per un bel 1.6 diesel con 120cv.
Certo se vivi in una città in cui è stato bandito capisco la convenienza del benzina, ma per il resto.. Boh.

Zeronegativo

E niente, la macchina è brutta da vedere, in compenso è cara.
Per curiosità pigio il link del configuratore, mi si apre una pagina con una orrenda versione bianca e cerchi di una panda, 95cv, 23950€ più altri generici 120€ di equipaggiamenti a pagamento (ma cosa che non ancora scelto niente e sono sulla pagina iniziale?) per un totale di 24070€.
La base.
Una utilitaria.
Seriamente audi?

darthrevanri

Ma poi sta guerra contro i diesel non ha senso visto che in certe condizioni inquina meno di un benzina

darthrevanri

Che un tombino abbia Apple car o Android auto non fa differenza.

BLERY

No, passa domani.

luca bandini

quanti gatti ci stanno nel bagagliaio? ;)

luca bandini

certo che è triste questa cosa.
questa auto è totalmente nuova (questa come multe altre di qualsiasi gruppo) rispetto alla vecchia come meccanica eppure frega niente a nessuno e sembra che la novità siano i due display...

luca bandini

ni nel senso che il listino è aumentato (più dei contenuti che però sono aumentati) e non ci piove ma ora i prezzi di listino non rispecchiano più il vero prezzo d'acquisto.
10 anni ti chiedevano 17 e 17 dovevi pagare se la vuoi
ora te ne chiedono 23 ma la porti a casa con 20 o anche 19, insomma è più cara ma è anche più matura come auto rispetto a prima (nuovo telaio, dimensioni...)

è una trovata per mantenere l'aspetto premium perchè agli amici non vai a dire quanto l'hai pagata (spesso e volentieri con 1000 rate) ma dici il prezzo di listino. serve per apparire premium ma nella realtà costa meno

greatteacher

perché l'utilitaria con le plastiche croccanti senza aria condizionata non la vuole più nessuno, ora ci sono display ovunque, adas, design, insonorizzazione.. diciamo che ormai hanno alzato l'asticella parecchio a parità di costi e quindi pompano il prezzo dove possono.

Comitato_no_Disqus

Il tuo discorso non fa una piega. Ma se io casa costruttiva alzo l'asticella del prezzo mantenendo la medesima qualità del prodotto, e continuo a vendere gli stessi volumi, la colpa è dell'azienda ladra, o del suo cliente pirla?

Comitato_no_Disqus

È un pacchetto opzionale, si paga a parte

Depas

Manco morto

Gv83

Un po' come la Clio..costa quasi come una golf 7

La fanno anche bella?

Mauro B

Nel 2010 la prima serie di A1 partiva da circa 17.000€, con la seconda serie abbiamo un incremento di prezzo di 5000€. Ci rendiamo conto di quello che sta succedendo? Ci rendiamo conto che i costruttori stanno spostando in avanti i listini un po' come succede con gli abitacoli delle sportive a motore centrale?

Non venitemi a dire che i contenuti sono diversi, la A1 è un'auto di qualità scarsa... basata su altre auto di qualità scarsa e costruita negli stabilimenti Seat.

Yafusata

Si pero' con un immenso ego.

Kamgusta

è un colore da giovani

marcoar

No io intendevo, precindendo dal modello, quanta parte delle domande è riferita a contenuti tecnici e quanta parte delle domande è riferibile a contenuti non tecnici?

Luigi Melita

dipende dove, su IG durante le prove ci sono le solite (prezzi, motori, misure, qualità interni, insonorizzazione), poi una che per un periodo andava forte è "larghezza con gli specchietti aperti" (ora un po' meno). Sul generico troviamo quelle sui dubbi sulle auto diesel, consigli fra motorizzazioni, consigli fra 2/3 modelli specifici ("sono indeciso tra questa o quella) e domande sull'elettrico (tempi di ricarica e garanzia fra le più gettonate). Per la tecnologia si passa da quando arriverà AA/AC (o se arriverà) a come posso mettere AA/AC sulla mia auto del xxxx (inserire anno) e ultimamente stanno crescendo tantissimo quelle su "avrà AA/AC wireless"?

virtual

Secondo te la Golf 8 - che da quanto dicono ha già AC wireless - potrà avere anche AA wireless?

marcoar

Il lurido da quel tocco di vissuto che, secondo me, è essenziale

marcoar

sul triciclo, al massimo, vedendo il tono medio dei suoi commenti

Sony

Sony, ecco l'autoradio 1 DIN con CarPlay, Android Auto e display da 9"

Linate chiude per tre mesi e trasloca a Malpensa: ecco tutti i motivi | Video

Mazda

Mazda Skyactiv-X: come funziona il benzina che si crede un diesel

Recensione Xiaomi M365 Pro: anche il miglior monopattino elettrico ha dei difetti