Audi, la Q8 Sport concept diventa “open source” al Google I/O

16 maggio 2017

Audi Q8 sport concept

La guerra tra marchi di lusso si sposta oltre alla dinamica di guida o alla finitura degli interni. Come già altre volte abbiamo avuto modo di notare, la prossima gara alla conquista del cliente si giocherà sulla tecnologia a bordo.

Questa volta Audi ha voluto rispondere in modo diretto e preciso al primo rilancio di un altro produttore di auto premium, Volvo, che di recente ha presentato il progetto di una nuova piattaforma basata su Android per il suo infotainment di bordo.

Google sale a bordo delle Volvo per il nuovo infotainment basato su Android

Audi doterà infatti la sua Q8 Sport – finora mostrata solo in versione “concept” – di una piattaforma open source Android, che permetterà ad applicazioni come Spotify, Google Play Music e Google Assistant di salire a bordo verso la connettività in auto 2.0. Questo progetto debutterà ufficialmente al prossimo Google I/O (17-19 maggio), l’appuntamento organizzato proprio dal colosso di Mountain View per mostrare al mondo le potenzialità dei suoi programmi e applicazioni.

Si tratta di una prima assoluta per il marchio tedesco poiché questa volta Audi si doterà a priori di un sistema sviluppato da Android, seppure certi servizi (come Google Maps e Google Earth) venivano integrati negli MMI più evoluti e di alta gamma. Ora questa scelta dovrebbe ampliare anche le potenzialità degli infotainment di bordo Audi, mentre la navigazione offline sarà sempre affidata alle mappe sviluppate da HERE – di proprietà Audi, Daimler e BMW.

Audi “a tutto SUV”: confermati Q8 e Q4 nel 2018 e 2019

Lo sviluppo delle app da parte della Android Open Source Community permetterà agli sviluppatori di accedere facilmente ai dati dei sistemi di Audi Q8 Sport per sviluppare app in maniera veloce e indipendente dalla Casa madre, proprio come avviene sugli smartphone e sui tablet. Unica condizione: le app dovranno rispondere ai requisiti dettati da Google e Audi. Questa scelta segue anche quella fatta da un’altra azienda del settore, General Motors, che ha reso disponibile agli sviluppatori la sua piattaforma per velocizzarne il lavoro.

GM rilascia un kit per spingere gli sviluppatori a creare nuove app

  • TechnicX11

    Bene, Open Source è la via.

    • floc

      sì peccato che questi si facciano belli con l’ìopen e poi di open non rilascino mai nulla. Voglio vedere se rilasciano le api per tutte le infrastrutture di bordo almeno in lettura…

  • Pingback: Audi, la Q8 Sport concept diventa “open source” al Google I/O – Ttbikat()

  • Pingback: Audi, la Q8 Sport concept diventa “open source” al Google I/O | Old Web()

  • matteventu

    Audi marchio di lusso?

    • Fabio Biffo

      Si, in effetti in molti si possono permettere 220000€ di R8, senza parlare di S8 o SQ7 che voglio dire, chiunque ha… Senza contare tutti gli optional Audi Exclusive con interni ed esterni totalmente personalizzabili con materiali, colori ecc … E poi diciamocelo, V10 5.2 benzina? V8 4.0 biturbo? W12 6.0 benzina? consumano come quello della panda…
      Non so proprio chi possa aver definito audi come marchio di lusso… Sono proprio barboni quelli di hdblog!

  • Tntk

    E mavà, se audi non è marchio di lusso quale vuoi che sia, la fiat? Vai avanti a commentare i tuoi post su htc va..barbone

    • matteventu

      Ahahahahh rid!colo.