Approvata la candidatura di Roma per la Formula E 2018-2020

21 aprile 2017

formula-e

L’amministrazione di Virginia Raggi ha approvato la mozione che prevede la candidatura della Città Eterna come location per la Formula E nel triennio 2018-2020. Ora manca solamente l’ufficializzazione di un’iniziativa che porterà il rifacimento del manto stradale delle zone interessate dal tracciato, oltre che nuove colonnine di ricarica elettrica e altri punti di interesse per la città.

Il Consiglio Comunale della Città di Roma ha detto sì alla mozione per la candidatura alla Formula E per il triennio 2018-2020: l’Assemblea Capitolina, guidata dal Sindaco Virginia Raggi, ha infatti approvato all’unanimità la mozione, a firma dei consiglieri M5S Angelo Diario, Marcello De Vito, Paolo Ferrara e dal capogruppo di FDI Fabrizio Ghera.

Tra le motivazioni dell’approvazione l’assenza di controindicazioni per la città, riscontrabili per esempio nell’inquinamento sonoro e ambientale. Al contrario, l’avvento della Formula E porterà praticamente solo benefici alla Città Eterna: se una delle tappe del campionato Formula E dovesse svolgersi a Roma (già a partire da aprile-maggio 2018), la FIA si farebbe carico del rifacimento del fondo stradale per tutti i 4 km di percorso, che si snoderebbe tra la Cristoforo Colombo e l’EUR, passando per il Colosseo Quadrato e il Palazzo della Civiltà Italiana.

In più, la città erediterebbe, a fronte della temporanea chiusura al traffico del tratto interessato, servizi “smart” come le stazioni per ricaricare le auto elettriche, postazioni per il bike sharing e hotspot Wi-Fi sparsi in tutto il territorio urbano. Una volta ricevuta l’ufficialità, che prevede che la Giunta si impegni ad attuare tutte le procedure per lo svolgimento dell’attività, il primo ePrix di Roma dovrebbe svolgersi tra aprile e maggio del 2018, in occasione della quarta stagione del campionato FIA per monoposto elettriche.

Queste le parole del consigliere M5S Angelo Diario:

Per l’Italia sarebbe un importante passo avanti. I tre precedenti edizioni di Formula E si sono svolti in grandi città come Parigi, Berlino, Buenos Aires e Città del Messico con ottimo seguito. Le monoposto sono silenziose e elettriche. Non c’è quindi nessun tipo di problema legato all’inquinamento sonoro e ambientale.