Mercedes spinge sull'elettrico, ma non dice addio al termico (almeno per ora)

24 Settembre 2019 5

"Daimler interrompe lo sviluppo dei motori a combustione": con queste parole si apriva l'articolo pubblicato una settimana fa dalla rivista tedesca Auto, Motor und Sport riportante alcune dichiarazioni da parte di Markus Schäfer, Membro del Board of Management of Daimler AG Group Research & Mercedes-Benz Cars Development, Daimler AG, in merito all'ipotetica cessazione dei motori a combustione interna.

Un articolo che - come è facile immaginare - ha letteralmente "scatenato l'inferno" (parole di Mercedes) tra i media di mezzo mondo, che hanno rilanciato la notizia con titoli d'effetto a caratteri cubitali. Eccessiva fiducia nell'autorevole fonte oppure errata interpretazione? La risposta esatta è la seconda, e ce la fornisce un documento ufficiale diramato dalla stessa Daimler in seguito al polverone innalzato negli scorsi giorni.


L'errata interpretazione va individuata in questo paragrafo dell'articolo originale:

Daimler sta attualmente introducendo sul mercato l'ultima generazione di motori a combustione interna in vari modelli, come il nuovo motore a sei cilindri in linea per la Classe E e S, nonché i SUV: questa generazione potrebbe anche essere l'ultima. Schäfer sottolinea che attualmente non ci sono piani per un nuovo sviluppo. Daimler in futuro potrebbe riprendere il lavoro di sviluppo dei motori a combustione.

La nota di Daimler spiega che sì, al momento non è possibile prendere decisioni su una potenziale prossima generazione ("il nostro obiettivo è e rimane una mobilità a zero emissioni"), ma questo non esclude a priori che non ci sarà una nuova generazione di motori a scoppio firmati Mercedes.

Questa generazione di motori è ancora in fase di introduzione e sarà ampliata con ulteriori varianti, innovative e estremamente efficienti, così come pianificato.


L'obiettivo di Daimler, con orizzonte temporale fissato al 2039 - è quello di avere una gamma prodotti "completamente CO2 neutrale". Un target ambizioso, per il quale il Gruppo sta introducendo in modo massiccio l'elettrificazione della gamma. Entro il 2030, giusto per avere un'idea, oltre la metà delle auto vendute sarà rappresentato da vetture ibride plug-in (come Mercedes GLE 350 de, visto al Salone di Francoforte) o 100% elettriche (è il caso del SUV elettrico Mercedes EQC, provato in anteprima la scorsa estate).

Continuiamo coerentemente a seguire, per i nostri propulsori, la nostra strategia basata su tre direttrici. Un intelligente mix, allo stato dell'arte della tecnologia, di propulsori a combustione interna, anche a 48 volt, plug-in hybrid ed elettrici. Con alimentazione a batteria e/o ad idrogeno. Siamo convinti che attraverso questo mix di tecnologie possiamo offrire, a livello globale, il veicolo giusto per rispondere alla grande varietà di esigenze dei nostri clienti.

I motori termici, dunque, saranno essenziali ancora per un po', come abbiamo riportato a fine 2018 in questo approfondimento: i volti di Daimler con Mercedes e Smart; diesel ed elettrico possono convivere?

Il top gamma con il miglior rapporto qualità/prezzo? Asus ZenFone 6, in offerta oggi da ASUS eShop a 499 euro oppure da Unieuro a 559 euro.

5

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Antonio Russolillo

Iniziate a montare i vostri motori sulle classe A, mi fate pagare 30mila€, tagliandi supercostosi in Mercedes e sotto il cofano un motore Renault 3 cilindri, RIDICOLI! Bene che Audi vi ha asfaltato con le vendite e in F1 la prova del fallimento è che ieri avete annunciato di rinunciare ai motori Renault sulle monoposto dal 2021.

Quando hanno provato a competere con Lexus, proponendo un loro ibrido (con diesel), persino i giornali teteski hanno criticato l'auto... Forse é meglio se rimangono con i loro motori AMG ;)

Account Anniversario

Meglio la mia zingaro mobile da morto di fame piuttosto che le nuove produzioni

Aristarco

ma dai che produce sempre un sacco di auto da papponi che bianche fanno la loro figura, con motori imbarazzanti...

Account Anniversario

È giusto. Chi ha inventato l'automobile con motori ciclo otto deve essere colui che ne decreta la fine.

Tanto Merdeces ormai non è più Mercedes di una volta.

Sony

Sony, ecco l'autoradio 1 DIN con CarPlay, Android Auto e display da 9"

Linate chiude per tre mesi e trasloca a Malpensa: ecco tutti i motivi | Video

Mazda

Mazda Skyactiv-X: come funziona il benzina che si crede un diesel

Recensione Xiaomi M365 Pro: anche il miglior monopattino elettrico ha dei difetti