Jaguar Land Rover: 3D e realtà aumentata per i futuri head-up display

21 Agosto 2019 12

La visualizzazione in tre dimensioni dei contenuti digitali rappresenta l'ultima frontiera dell'evoluzione del concetto di abitacolo: in futuro, infatti, saranno sempre più comuni le tecnologie che andranno ad arricchire l'esperienza di guida (e guida autonoma) a bordo delle vetture. Tra queste, un grande sviluppo lo avranno gli head-up display, ovvero quei sistemi che proiettano nel campo visivo del guidatore (su un supporto trasparente o direttamente sul parabrezza) informazioni utili relative alla guida e all'intrattenimento di bordo.

Il Gruppo Jaguar Land Rover, insieme al Centre for Advanced Photonics and Electrionics dell'Università di Cambridge, sta lavorando ad una nuova tecnologia per la prossima generazione di questi head-up display, in cui la tridimensionalità e la realtà aumentata saranno assolute protagoniste. Grazie alla maggiore potenza di calcolo il futuro sistema di display stereoscopici studiato da JLR sarà in grado di proiettare gli avvisi di sicurezza (come cambi di corsia, eventuali pericoli o indicazioni del navigatore) riducendo anche gli effetti della scarsa visibilità in caso di cattivo tempo o insufficiente illuminazione. Grazie all'apporto della realtà aumentata, inoltre, si avrebbe la percezione di profondità dell'immagine, rendendo ancora più immediato l'avviso, specialmente quando si tratta di un alert di sicurezza.


Vi è poi la componente "entertainment": grazie alla realtà aumentata e alla tridimensionalità delle immagini, questi sistemi di proiezione consentiranno ai passeggeri di guardare film 3D in streaming dal proprio sedile (guidatore compreso se guardiamo ad un futuro a guida autonoma).

Un sistema in grado di rilevare i movimenti della testa e degli occhi seguirebbe la posizione del passeggero per consentire la visione delle immagini in 3D senza bisogno di schermi singoli o occhiali speciali [...] I passeggeri che condividono il viaggio potrebbero usufruire dei media di propria scelta - inclusi dettagli di viaggio, punti di interesse o film - ottimizzati per il proprio posto a bordo.

Ricerche come quella sugli head-up display di prossima generazione rientra nello sviluppo della vision "Smart Cabin’" di Jaguar Land Rover, votata allo sviluppo di tecnologie pensate per creare uno spazio interno del veicolo personalizzato per guidatore e passeggeri, nell'ambito di un futuro autonomo e condiviso.

Oggi, gli head-up display disponibili sulle auto di serie non differiscono troppo l'uno dall'altro, ad eccezione del tipo di supporto, della definizione e dell'ampiezza della superficie proiettata. Nei prossimi mesi, tuttavia, l'evoluzione sarà - letteralmente - sotto gli occhi di tutti: la nuova monovolume elettrica Volkswagen ID.3 sarà equipaggiata con un sistema (optional) di head-up display con realtà aumentata che proietterà le informazioni direttamente sul parabrezza, mentre Bosch è al lavoro su una nuova strumentazione digitale con effetto 3D.


12

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Adriano

Con la qualità della loro elettronica su auto tanto costose... Lol

matteventu

Se non sbaglio, JLR offre già come optional per l'infotainment uno schermo stereoscopico a barriera di parallasse che é pensato però per mostrare due cose diverse al guidatore e al passeggero.

matteventu
Marco Ferazzani

una volta le macchine si guidavano, ti portavano da un punto a ad un punto b; c’erano le utilitarie, c’erano le auto sportive per chi voleva “correre” e quelle un po’ più comode per i panzoni. In ogni caso si era concentrati sulla strada, su tutti gli input che arrivavano da fuori l’abitacolo.
Ora invece si fa più attenzione a quello che succede in macchina che a quello che accade fuori. Chissà che impatto stanno avendo e avranno sugli incidenti stradali questi sistemi di infotainment. Sono andato a provare la nuova cla quando era uscita: bella, tecnologica e tutto ma o guidavo o controllavo le informazioni sui display; il tuoch screen come interfaccia ti distrae molto di più, devi proprio distogliere lo sguardo per poter regolare anche solo il condizionatore. I sistemi di assistenza alla guida sopperiranno questi problemi, vero; ma a quel punto mi chiedo quale senso ha la macchina intesa come la intendiamo ora. Utilitarie da 30 e passa mila euro per stare in macchina e non guidare; una persona massimo due per ogni macchina. Forse non sarebbe più opportuno ripensare tutto e buttarsi su sistemi di carsharing o qualcosa di condiviso? Con la app prenoti il tuo posto, la auto arriva e ti porta a destinazione; accanto a te altri passeggeri che condividono parte del tragitto - un algoritmo penserà a gestire la cosa con efficienza.
E’ la fine dell’automotive?

rsMkII

Che poi è una Jaguar e ci mettono una tigre? Really??

sgarbateLLo

Mentre parcheggi in retro è lo scherzo definitivo

rsMkII

Jaguar però, con il quale farci i temponi sul Nurburgring! XD

rsMkII

Davvero utile la tigre in 3d mentre guidi!

Maurizio Mugelli

quindi un camper

NAPOLETArgentiNO

ne sentivamo tutti la mancanza

Antonio Salvatori

Io aspetto che ci fanno un bel letto, un cesso con doccia, con guida autonoma e vendo la casa

Bite the Apple

Finalmente, era ora.

Sony

Sony, ecco l'autoradio 1 DIN con CarPlay, Android Auto e display da 9"

Linate chiude per tre mesi e trasloca a Malpensa: ecco tutti i motivi | Video

Mazda

Mazda Skyactiv-X: come funziona il benzina che si crede un diesel

Recensione Xiaomi M365 Pro: anche il miglior monopattino elettrico ha dei difetti