Kia XCeed: il design del crossover spiegato da chi l'ha creato

30 Luglio 2019 7

Kia XCeed: l'abbiamo scoperto in anteprima lo scorso giugno, ora è il momento di conoscerne i dettagli: il nuovo crossover compatto punta a diventare la punta di diamante della famiglia Kia Ceed e lo fa prima di tutto con lo stile, mai così curato su una Kia. Un cortometraggio realizzato dalla Casa coreana ci parla del design di XCeed punto per punto, e chi poteva farlo meglio dei designer che l'hanno realizzato?

Per far conoscere ancora meglio le caratteristiche del suo nuovo SUV compatto, Kia si è affidata al racconto dello staff del design center di Francoforte per spiegare l’iter creativo che ha portato alla realizzazione di XCeed. Si parte con Gregory Guillaume, Vice President Design Kia Motors Europe, responsabile dell’European design centre di Francoforte e del progetto Ceed:

Durante la progettazione di Proceed ci siamo resi conto che da quelle linee avrebbe potuto prendere vita una quarta declinazione all'interno della gamma Ceed. Quella declinazione, dopo le opportune rielaborazioni, è diventata XCeed. E il bello è che non avevamo affatto pensato di trasformare Ceed in un crossover, e invece...


Come Ceed, ma totalmente diversa: solo i pannelli porta anteriori sono condivisi con il resto della gamma Kia Ceed, mentre tutto il resto è stato ridisegnato per adattarsi alle rinnovate proporzioni di XCeed. Come spiega Laurent Boulay, General Manager Design Exterior Kia Motors Europe,

Con l’attuale famiglia Ceed, siamo riusciti a creare quattro auto diverse che soddisfano ciascuna una specifica gamma di esigenze. Ogni modello rappresenta una declinazione unica, e così anche XCeed che all’interno della gamma occupa un posto unico e fortemente caratterizzante. È più alto, ma non è un Suv: XCeed è un mix ideale tra una maggiore altezza da terra e un approccio alla guida da coupé, garantendo l’emozionalità di una guida coinvolgente e dinamica. La soluzione ideale per chi non ama le dimensioni eccessive dei Suv tradizionali, specie in città.

Fuori lo stile è fortemente caratterizzato, ma anche dentro non si scherza, sebbene l'impostazione originaria sia quella della Ceed tradizionale. Eppure qui troviamo degli elementi inediti, come il grande display LCD TFT da 10,25 pollici touch del nuovo sistema di infotainment UVO e la strumentazione interamente digitale da 12,3 pollici Supervision con grafica personalizzabile. Imporante è anche la scelta dei colori e dei materiali, come ci racconta la Design Manager Color & Trim Kia Motors Europe, Barbara Scheffler:

Per me era importante offrire su XCeed qualcosa di unico e fortemente identificativo. Bisognava osare un po’... Diversamente da chi in tema di colori ha un approccio più conservatore, volevamo che il nostro slogan "Power to surprise” aprisse nuove frontiere cromatiche. E la proposta Quantum Yellow ne è l’interpretazione ideale. Potrebbe essere il colore ideale per un ‘young family man’ alla ricerca di un look sportivo per la sua auto. Ma anche la scelta audace di una donna indipendente e di successo, con una forte personalità, che ama distinguersi e lasciare traccia di sé.

Kia XCeed arriverà in commercio a metà settembre 2019 (pre-ordini già disponibili). Il prezzo di Kia XCeed parte da circa 24.000 euro, mentre la top di gamma avrà un prezzo di partenza di 30.000 euro.

KIA XCEED: VIDEO ANTEPRIMA


7

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Per me ci sono macchine con carattere e macchine senza.
Se sei una persona senza carattere, o compri l'auto giusto per andare da A a B, allora ti compri quello che ti offre il mercato ad un costo basso. O una Audi, che appunto non ha carattere.

Se vuoi una auto che ti rappresenti, allora posso capire chi si prende una 500, una GT86 o una WRX :) Ma Hyundai/Kia penso non sia ancora interessata a queste auto. Visto che la Veloster non ha avuto molto successo e la Genesis costava troppo.

Hyundai é presente in Europa da poco più di 20 anni... E vedendo la quantità di auto che riesce a vendere, penso che non stia sbagliando ;)

MatitaNera

Un'Audi per dire è noiosa ma riconoscibile, ed ha un suo peso

MatitaNera

Sì ma disperdi...

Mi sono chiesto a lungo, come mai lo faccia...
Penso alla i30 del 2010. Identica ad una BMW serie 1, solo molto più bella e meno da ghey. Poi ho scoperto che avevano assunto designer BMW e Opel per disegnarla che appunto non erano contenti di lavorare per le altre 2 case.

Forse stanno ancora cercando di capire quale possa essere il design vincente. E riuscendo a disegnare da 0 ogni nuova macchina in poco più di 1 anno, sembra quasi venirgli facile questa tattica.

Copiando un anno Toyota, un anno BMW, un anno VW, un anno Ford, riesci comunque a pubblicizzare bene il prodotto, penso.

MatitaNera

Però perdi di riconoscibilità del marchio

Anto71

Credo di averla vista al salone di Torino, parco Valentino. 100% elettrica.
Mitico Luigi, correggimi se sbaglio.

E' sicuramente difficile trovare un design per dare un carattere ad una vettura. Personalmente direi che non ci sia riuscito.
Vedendola dal davanti, penso ad una Peugeot (le linee sono quelle). Dal lato penso ad una giapponese tipo NX. Da dietro penso ad una Seat.

Ma é il punto forte di Hyundai, riuscire a proporre un design completamente nuovo ad ogni modello che propone.

Sony

Sony, ecco l'autoradio 1 DIN con CarPlay, Android Auto e display da 9"

Linate chiude per tre mesi e trasloca a Malpensa: ecco tutti i motivi | Video

Mazda

Mazda Skyactiv-X: come funziona il benzina che si crede un diesel

Recensione Xiaomi M365 Pro: anche il miglior monopattino elettrico ha dei difetti