Continental: un radar più potente per proteggere pedoni e ciclisti nelle svolte

27 Giugno 2019 81

Continental ha svelato un nuovo radar a corto raggio destinato ad equipaggiare i futuri sistemi di assistenza alla guida sviluppati dall'azienda per i Costruttori automobilistici. Attraverso la scelta di operare a 77 GHz anziché a 24 GHz (la frequenza su cui si basano gli attuali radar di Continental), è ora possibile per il radar scansionare l'ambiente circostante ad una maggiore risoluzione. Questo consente ai nuovi ADAS di rilevare ostacoli come pedoni e ciclisti in maniera più precisa e puntuale.

Grazie alle dimensioni compatte (ulteriormente ridotte in questa ultima evoluzione), questi radar possono essere installati ai quattro angoli dei veicoli (che siano auto o mezzi pesanti), per assicurare una visuale a 360 gradi ricostruita sfruttando l'angolo di apertura molto ampio di ognuno dei sensori. Questo hardware diventa essenziale per ADAS quali il rilevamento dell'angolo cieco (per esempio, è possibile impedire a chi sta nell'abitacolo di aprire una portiera se il radar rileva l'arrivo imminente di un ciclista), il sistema di avviso di cambio corsia (o il mantenimento attivo) nonché della frenata automatica di emergenza.


Tra questi ADAS figura anche un sistema sviluppato dalla stessa Continental per i veicoli passeggeri: il Right-Turn Assist. Come dice il nome, questo dispositivo di assistenza alla guida permette di monitorare gli angoli ciechi durante una svolta a destra, in particolar modo nei centri urbani, caratterizzati da una grande densità di utenti della strada (pedoni e ciclisti) ed ostacoli (marciapiedi, panettoni, edifici agli angoli).

In queste situazioni, il sistema è in grado di rilevare la presenza di pedoni o ciclisti provenienti dal lato destro del veicolo, avvisando tempestivamente il conducente e, in caso di mancato intervento di chi guida, arrestando automaticamente la vettura. La tecnologia a 77 GHz dei nuovi radar di Continental potrà essere utilizzata anche in altre situazioni. Per esempio, con l'Emergency Steering Assist - già visto sulla nuova Ford Focus (Recensione) - è possibile sfruttare la maggiore precisione nella scansione dell'ambiente circostante per consentire al sistema di adottare una coppia di sterzo più adatta per evitare l'ostacolo nel caso di manovre di emergenza.


81

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tony Musone

- Generalmente a Milano pedalo ma quando guido uso automobili col cambio automatico, quindi niente "quarta o quinta" e poi possiedo un'ibrida. In più mi preme ricordarti che il limite di velocità nelle aree urbane è di 50 km/h, comprese le "zone di comfort" e a prescindere dalla velocità massima del proprio bolide.

- Non ti do del matto ma credo che (con una vittima della strada di utenti deboli ogni 10 ore) lo sia pensare che 22,8 km/h in più sia poca cosa o sia normale circolare nella propria zona residenziale a 72,8 km/h, perchè gli imprevisti possono essere centinaia (ecco il motivo dei limiti e delle Zone 30) e al di là delle migliorie dei freni, le leggi della fisica sono sempre quelle, a cui bisogna aggiungere i tempi di reazione (mediamente pari ad 1 secondo, il che vuol dire che a 50 km/h si percorrono 15 metri prima d'iniziare a frenare)

p.s.
Ciò che ti mostra il tuo computer è la velocità media. La quale conferma, soprattutto nelle aree urbane e residenziali, quanto sia inutile inserire la quinta tra un semaforo e l'altro, col rischio di acciaccare qualcuno (a prescindere di chi sia la responsabilità)

Massi91

Cioè te giri a 40km/h? La quarta e la quinta non le metti mai a Milano?
Mi dai del matto? Semplicemente io esprimo la mia idea.
Io quando guido guido e basta, non guardo il cellulare o altro. Poi come sono migliorati i motori sono migliorati anche i freni e secondo me i limiti non vengono rispettati proprio perché ogni 2 secondi hai rotonde, code, autovelox, semafori in rotonda etc.
A me sinceramente danno fastidio molti limiti perché li trovo obsoleti proprio perché se la gente ci metta attenzione tutti non hanno problemi. Se no tanto vale bloccare le auto che vanno sopra a 140 e tutte quelle che hanno uno scatto troppo elevato (questo mi sembra veramente una contraddizione, ho una macchina che va a 210, a che serve? Mah!)Poi non significa che vado come un pazzo, ma che vado è ovvio.
Queste sono le mie statistiche dall ultimo tagliando https://uploads.disquscdn.c...

Tony Musone

- "Se, ma, ipotesi". Si chiamano perizie.
- Ti sbagli: le statistiche dicono che in un impatto a 50 km orari un pedone avrebbe il 10% di probabilità di sopravvivenza, invece a 30 km orari le probabilità salirebbero al 50%.
- E comunque no, in caso di collisione le due velocità non si sommano, nemmeno se l'urto fosse frontale.
- E di nuovo no, in città non ho mai superato i 50 km/h e raramente supero i 40 (di tachimetro) nemmeno vicino a casa. Tanto che mi piacerebbe che anche Milano, come ha in programma Parigi, entro il 2020 tutta la città diventi una Zona 30 (tranne le arterie principali) ma purtroppo è impossibile.
- E sì, per come la vedo io, chi gira con una potenziale arma sempre carica dovrebbe essere quello che deve salvaguardare l'incolumità di chi gira disarmato, il quale non dovrebbe essere colui che impara a schivare i proiettili.

Comunque mi sembra evidente che vorremmo vivere in due città completamente diverse. Salùt.

p.s.
("zona di comfort"?! Quindi tutte le strade in cui abitano degli automobilisti sarebbero potenzialmente pericolose. "Normale andare leggermente di +"?! 22,8 km/h in più !? Rob de matt)

Massi91

Se, ma, ipotesi, contava anche la velocità a cui andava hayden e il fatto che il 50km/h è la soglia perchè un pedone non si ammazzi a velocità, qui c'è da sommare le 2 velocità.
Quindi te non hai mai superato un limite di 50 km/h? Ricordati che chi guidava si trovava in zona di casa, quindi zona di "comfort" ed è normale andare leggermente di +.
Ok, quello che hai scritto ma te lo ripeto per l'ennesima volta: ENTRAMBI DEVONO METTERCI LA TESTA! NON SOLO IL GUIDATORE. Se attraverso bendato non può essere colpa del guidatore.

Tony Musone

Come al solito si trasforma un'eccezione in regola ma nel caso di Hayden ti sfugge che l'automobilista non s'è fatto manco un giorno di carcere malgrado andasse a 72,8 km/h su una strada con limite a 50 e dove, secondo la ricostruzione della Procura, se avesse rispettato quei limiti l'incidente sarebbe stato evitabile (anche senza frenare). Ma non c'è statistica che non confermi come la responsabilità, nella stragrande maggioranza degli incidenti ai danni dei pedoni e dei ciclisti, sia imputabile agli automobilisti. Per esempio in un report della Regione Lombardia del 2015 si legge:

- In Lombardia, dalle analisi sulle circostanze per le quali avvengono gli incidenti e in cui muoiono ciclisti risulta come, nella maggioranza dei casi, chi si trovava in sella alla sua bicicletta procedeva regolarmente e senza svoltare. Al contrario, nelle principali cause attribuite agli altri veicoli coinvolti nei sinistri a danno dei ciclisti, emergono la guida distratta o l’andamento indeciso.

p.s.
In quei Paesi in cui si vuole incentivare l'uso della bici, il codice è stato conformato a quello scopo, perciò è permesso il "controsenso eccetto bici", la svolta a dx anche a semaforo rosso... etc.

Massi91

Quindi secondo te un pedone può attraversare una strada senza neanche guardare, se te lo metti sotto sono 10 anni di carcere? Idem il ciclista che può girare come vuole, essere in 10 in linea senza problemi e anche qui se li metti sotto ti fai 10 anni di prigione? Quanti sono quelli che in bici girano a destra senza fermarsi allo stop? se hai lo spazio ti sposti ma se non ce l'hai perchè deve essere tua responsabilità (es. Hayden per dirne uno ma ce ne sono n mila)??
Io ti ripeto, ognuno deve avere la propria responsabilità ma non deve essere colpa del guidatore a prescindere!

Tony Musone

Edit
I ciclisti non possono attraversare sulle strisce pedonali in sella alla bici (e devono portarla a mano) quando sono d'intralcio o di pericolo per i pedoni. La cosa dei 3/4 non l'ho capita.

Tony Musone

In effetti da ciclista mi spiace che molti automobilisti non conoscano il CdS (anche perchè nella situazione che descrivi sono quelli che rischiano meno e la logica è che il ciclista deve stare attento altrimenti rischia di ammazzarsi) ma l'art 154 prescrive:

1. I conducenti che intendono eseguire una manovra per immettersi nel flusso della circolazione, per cambiare direzione o corsia, per invertire il senso di marcia, per fare retromarcia, per voltare a destra o a sinistra, per impegnare un'altra strada, o per immettersi in un luogo non soggetto a pubblico passaggio, ovvero per fermarsi, devono:

a) assicurarsi di poter effettuare la manovra senza creare pericolo o intralcio agli altri utenti della strada, tenendo conto della posizione, distanza, direzione di essi;

b) segnalare con sufficiente anticipo la loro intenzione.

Mettere la freccia non dà il diritto automatico alla svolta, bisogna controllare che da dx (dove i ciclisti e ciclomotori sono obbligati a stare) non arrivi nessuno. Così come quando si supera un ciclista (o un ciclomotore) bisogna controllare dallo specchietto che non gli si stia tagliando la strada

makeka94

Mi dispiace Tony, ma non è così ad un semaforo (ovviamente parlo di semaforo verde), mentre l'automobilista sta svoltando a destra non puoi superare a destra, oltre che essere vietato, e anche una cosa stupida =).
Ad ogni modo i ciclisti non possono sempre attraversare in bici e quando lo fanno non possono interrompere l'attraversamento a 3/4 della strada per immettersi nella corsia.
Detto questo come dico sempre basta il buon senso.

Tony Musone

Dato che nella vita privata faccio quasi più km pedalando che in auto, no. Purtroppo non "abito in zone frequentate assiduamente da ciclisti".

p.s.
I ciclisti possono attraversare le strisce pedonali in sella e possono superare (non sorpassare, sono due cose diverse) a destra.

makeka94

Probabilmente non abiti in zone frequentate assiduamente da ciclisti, io abito in una zona turistica e d'estate i ciclisti dilettanti sono una piaga, vedi ciclisti utilizzare le strisce pedonali per poi immettersi nel viale, andare in giro sul marciapiede anche quando esiste una pista ciclabile parallela, sorpassare le macchine da destra durante gli incroci con curva, l'unico graffio presente sulla mia auto è stata fatta da un ciclista che doveva fare zigzag tra le macchine, ho chiamato la polizia fiducioso che avrebbe pagato il danno, ma il furbone è scappato e la polizia mi ha risposto che non ci può fare nulla.
Il problema non è il ciclismo, il problema è la mentalità italiana, "se non mi puniscono allora va tutto bene"

Tony Musone

E allora vogliamo due città diverse. Per quanto mi riguarda nelle aree urbane, dove muovere meno di 100 kg con più di 1000 non ha senso nella maggior parte dei casi, il pedone insieme ai ciclisti (e ora anche chi usa i monopattini) devono essere i padroni assoluti e le macchine comportarsi come ospiti, almeno nel 90% delle strade.

italba
https://www.ilmessaggero.it/italia/auto_trattore_incidente_morti_ravenna-4588509.html


Che noia, ma un minimo di fantasia non riesci proprio a trovarla? Non c'è niente di peggio di un trollino incapace persino di trollare come te. Perché non te ne vai a farti un bel giro al mare?
https://uploads.disquscdn.c...

https://uploads.disquscdn.c...

Francesco C.

http://www.milanotoday.it/cronaca/incidente-stradale/padana-superiore-morto-inzago.html

Massi91

Ma anche io sono di Milano ahah
Secondo me non ci devono essere padroni, il guidatore non deve fare il folle ma neanche il pedone deve attraversare a caso: x esempio stamattina ero nel traffico, si era finalmente liberato, ma ho frenato comunque appena ho visto un vecchio iniziare ad attraversare. esattamente 30 metri prima uno aveva attraversato a caso perché "la sua casa era lì, mica poteva passare dalle strisce".
Quindi semplicemente chiedo che si rispetti il codice o quantomeno il proprio giudizio: se ti da fastidio una cosa non farla mentre sei nell'altra situazione.

vincy

No, perché gli abomini delle piste ciclabili e pedonali stanno solo in Italia.

Un pedone in media va a 5 km orari.
Un ciclista a 20 km/h.
Un auto a 40/50 km/h.

Ergo crea più fastidio un pedone ad un ciclista su una pista ciclabile+pedonale che un ciclista ad un automobilista si una strada normale.

Petaloso

ma no che non è normale, è come se i motociclisti si mettessero a usare le ciclabili e i marciapiedi perchè sulla strada non ci sono solo loro ma anche macchine e camion...

italba

https://uploads.disquscdn.c...

italba

https://uploads.disquscdn.c...

italba

Insisti, insisti, vedrai...
https://uploads.disquscdn.c...

Francesco C.

https://uploads.disquscdn.c...

Francesco C.

https://uploads.disquscdn.c...

Francesco C.

https://uploads.disquscdn.c...

matteventu

- si si ma le "eccezioni" sono proprio quando i ciclisti non mettono in pratica i due punti che ho citato sopra (Art. 66 e 169) e gli automobilisti si arrabbiano :D

- ahhhh ok. Quelle lì non ci sono in UK, i marciapiedi sono sempre chiaramente solo per i pedoni (in realtà non so come sia legalmente, fatto sta che se un ciclista si azzarda ad andarci sopra ed a pedalare in modo sconsiderato viene subito riempito di insulti), ci sono o le piste ciclabili solo ed unicamente per le bici, o le corsie vietate alle automobili (e permesse ai bus, taxi, moto e bici, che sono comunque il 90% del tempo vuote)

- ah ok avevo capito male, infatti mi sembrava un po' strano. In ogni caso convieni con me che, obbligo o meno, sia da str0nzi mettersi in tre/quattro in mezzo alla strada (nelle situazioni di cui parlavo prima non me ho mai visti solo 2 uno di fianco all'altro, di solito sono 3, se non anche 4) quando letteralmente lì di fianco c'è una corsia vuota apposta per le biciclette?

Ps: per chiarire, con "ciclisti" mi riferisco a chiunque sia sulla strada con una bicicletta, senza fare differenza fra sportivi e pendolari o altro.

Pps: da paura, non immaginavo che anche negli US ci fossero così tante vittime

italba

Te l'ho già detto, chi augura del male agli altri prima o poi lo subisce. Auguri...

Tony Musone

Solo per pudore non ti dico da quanti anni pedalo ma non ho mai sorpassato nè mai visto una bici sorpassare a sx una macchina ferma al semaforo (se non a causa del traffico intenso o, come dicevo, per evitare di essere acciaccati in una svolta a dx, il quale rappresenta uno degli incidenti più tipici in cui è coinvolto un ciclista, spesso con esiti fatali)

Tutto dipende da quale ambiente urbano si desidererebbe vivere, se in quello in cui le automobili sono le padroni della strada o lo sono i pedoni, io in quest'ultimo (nei Paesi Bassi dal 1995 i pedoni possono attraversare ovunque, non solo sulle strisce pedonali)
https://www.bbc.com/news/magazine-26073797

Tony Musone

- L'art 66 indica le eccezioni dove non è permesso pedalare affiancati ma in tutte le altre strade lo è.

- Le ciclabili promiscue sono quelle in cui è prevista la circolazione sia delle bici che dei pedoni, le ciclo-pedonali.

- Forse mi hai frainteso, non intendevo dire che sconsigliano l'uso delle ciclabili ma che consigliano pedalare in coppia. Però dubito che in UK i ciclisti sportivi siano obbligati ad usarle, dato che nemmeno in italia hanno quell'obbligo

p.s.
Nel 2016 in UK sono morti 102 ciclisti, in Italia nello stesso anno erano 275.

https://uploads.disquscdn.c...

Massi91

Ho scritto al semaforo, quando sei in coda.
Ho guidato in altri paesi europei e ti posso assicurare che li le macchine si fermano anche prima che attraversi e se dall'altra parte (il Lussemburgo è il top) però attraversano solo sulle strisce, da noi attraversano in maniera selvaggia

matteventu

Dal video:
"Rule 66 adds that cyclists should ride in single file on narrow or busy roads, and when riding around bends"
"Rule 169 says slow-moving vehicles should not hold up a long queue of traffic"

"dove nella ipotesi migliore il sorpasso avviene a pelo manubrio e magari anche oltre i limiti di velocità"
Questo sono felice di poter dire di averlo visto pochissime volte.

Cosa intendi per pista ciclabile promiscua?

Non ho tempo ora di aprire il primo link, ma mi confermi che dice che é SCONSIGLIATO usare la corsia dedicata alle biciclette o la pista ciclabile, ove una delle due é presente di fianco alla normale corsia per automobili?

Tony Musone

In Italia i ciclisti sportivi non sono obbligati a pedalare sulle ciclabili (e nessuno lo è se la pista è promiscua) quindi dubito che altrove sia diverso, soprattutto dove è prevista la possibilità di pedalare affiancati. Il quale è uno dei modi per pedalare in sicurezza, perchè il ciclista avendo un profilo sottile, risulta più visibile se pedala in coppia ed in più scoraggia i sorpassi azzardati, in particolar modo quelli mentre s'incrocia un altro autoveicolo, dove nella ipotesi migliore il sorpasso avviene a pelo manubrio e magari anche oltre i limiti di velocità, in questo caso anche solo lo spostamento d'aria può essere fatale.

http://ukcyclelaws.blogspot.com/p/the-laws-according-to-highway-code.html
https://www.youtube.com/watch?v=OTGRQgw6PDA

p.s.
L'Inghilterra non è l'unico Paese in cui è possibile (e consigliato). Nell'elenco c'è anche la Francia, la Spagna, l'Irlanda e anche altri.

matteventu

Sia in Inghilterra che in Italia.

In ogni caso, non sono a conoscenza esatta della legge quindi non controbatto la questione della legalità, ma mi pare strano che sia anche solo "consigliato" stare in mezzo alla strada quando 1.5m più in là c'è una corsia intera e vuota dedicata proprio a ciclisti/moto/taxi/bus.

Tony Musone

I ciclisti sanno che il non essere prudenti sulla strada mette a repentaglio la propria vita, gli automobilisti non hanno questa percezione. E le statistiche dimostrano che nella stragrande maggioranza dei casi sono gli automobilisti (i più forti) a rappresentare un pericolo per pedoni e ciclisti (i più deboli) e non il contrario.

Tony Musone

Se li hai visti in Inghilterra è legale ed è pure consigliato.

Tony Musone

"Quelli semi-professionisti" non hanno l'obbligo di percorrerle e nessuno ce l'ha se le piste sono promiscue.

Tony Musone

L'unico Paese al mondo ad avere avuto le targhe sulle bici era la Svizzera e anche lei è tornata sui sui passi decidendo di eliminarle e inserendo la promozione all'uso delle due ruote nella sua Costituzione.

Tony Musone

Se i ciclisti ti superano a sinistra (davvero?) è perchè temono di essere acciaccati nel caso l'automobilista svoltasse a dx (senza freccia)

Ma la più bella è il pedone kamikaze che nemmeno ringrazia l'automobilista quando si ferma facendo solo il suo dovere.

Francesco C.

te l'ho già detto, possa essere Scania o Iveco l'ultima cosa che leggi... che poi tradotto significa anche un bel SUV di quelli da 2500kg che vanno tanto di moda oggi. Magari un RangeRover sparato a velocità folle guidato dal clandestino di turno LOL

vincy

Se fai una pista ciclabile/pedonale è normale che nessun ciclista la usa.

Se si facessero come nei paesi sviluppati (noi siamo terzo mondo) vedi come verrebbero usate

Petaloso

si guarda, ci sarebbe solo da mettersi davanti alla macchina e tirare una bella inchiodata cosi i ciclisti si spiaccicano contro la loro macchina, altro che scia....

Petaloso

A cosa servono se poi il 95% dei ciclisti (intendo quelli che si credono Nibali con la tutina) non le usano perché incontrano delle persone normali che vanno in giro in bic i e sono troppo lente per loro...

makeka94

Obbligare i ciclisti ad avere una targa =) questa è la soluzione. Attualmente i ciclisti si comportano in maniera ibrida pedone + scooter, e fanno tendenzialmente quelle che vogliono =)

italba

Per capire le statistiche bisognerebbe essere dotati di un minimo di intelligenza, non è il tuo caso, evidentemente. Le biciclette risultano più pericolose degli altri veicoli come numero di incidenti per Km percorso, se vanno molto più lentamente degli altri veicoli il confronto non ha senso. Se vuoi sapere una statistica giusta, invece, gli incidenti stradali sono la prima causa di morte per i furbacchiotti come te, anche se stanno chiusi nella loro lattina: stacci attento...

P.s. Dove pedalo io i camion non passano proprio: Contento?

Francesco C.

è più facile che tu diventi una sottiletta Kraft , fortunatamente è questione di statistica

vai a pedalare vai... spero che Scania possa essere l'ultima cosa che leggi, e in quella frazione di secondo tu possa pensare al sottoscritto

Massi91

Bisognerebbe cambiare la mentalità invece di usare questi sistemi:
Quando guido vedo sempre ciclisti che si spostano senza segnalarlo, a volte senza guardarsi indietro per vedere se arriva un'altra macchina (specialmente i vecchi) o che ti superano mentre riparti dal semaforo da sinistra invece che da destra (perchè se no ritardano sul tempo, figurarsi se possono aspettare in fondo alla coda) e quindi ti tagliano la strada rientrando a dx. Per i pedoni, beh, oramai hanno sempre ragione per cui quà servirebbe una cultura completamente diversa; il pedone non guarda, si butta sempre, non ti ringrazia mai perchè ti sei fermato. etc etc
Per chi guida invece mi fanno particolarmente inc4zz4r3 quelli col telefono per mandare i vocali o per le chiamate

italba

Tranqui tu, chi augura qualcosa di brutto a qualcuno prima o poi lo subisce lui stesso. Attento quando attraversi...

Francesco C.

tranqui, prima o poi troverai uno Scania o Iveco che ti trasformeranno stile formato striscia di mezzeria

MasterBlatter

Da me trovi pedoni in mezzo alla strada con erede di 3 anni affianco e passeggino con altro erede davanti, sottolineo presenza di marciapiede da entrambi i lati della strada.

MasterBlatter

Poi se accade tutti a fare gli indignati sul web come quando hanno tolto la patente al ciclista trovato qualche anno fa ubriaco fracico al manubrio

italba

Purtroppo il fatto che tu sia ancora in circolazione vuol dire che la selezione naturale non funziona un granché bene

Francesco C.

direi che è selezione naturale e ne sarei lieto

Recensione Xiaomi M365 Pro: anche il miglior monopattino elettrico ha dei difetti

Jeep

Jeep Renegade: recensione e prova su strada del restyling 2019

Euro 6D vs TEMP, differenze RDE, WLTP, emissioni NOx e CO2: cosa cambia | Guida

HDBlog.it

Kia e-Soul: prova su strada e prezzi in Italia, la nuova sarà solo elettrica | Video