smart forease+: la concept cabrio elettrica si evolve al Salone di Ginevra

04 Marzo 2019 8

smart forease+: al Salone di Ginevra va in scena il futuro di smart: sempre più elettrico (dal 2020 saranno acquistabili solo le versioni EQ), ancora più colorato, ancora più "wow". Con questa speedster, evoluzione della forease vista per la prima volta al Salone di Parigi 2018, smart propone una nuova idea per rendere ancora più interessante la personalizzazione delle proprie vetture.

SEMBRA TELA, MA È UN HARD TOP

Un nuovo design per il tetto removibile e per parte della sezione inferiore (niente finestrini e parabrezza più corto), propone una struttura a guscio rigido in materiale sintetico, leggero e resistente, ancorato verso il basso e sviluppato verso la coda con due caratteristiche cupole. Il rivestimento, tuttavia, è in tessuto, per uno stile che da una parte lo avvicina a quello delle classiche spider, dall'altro lo rende resistente e adatto a tutte le stagioni.

Altri dettagli esprimono la personalità di questo concept: la "ducktail”, che ricorda una coda d'anatra, gli inediti paraurti (con quello anteriore dotato di gruppi ottici supplementari al centro della calandra, un elemento che potremmo trovare sul prossimo restyling della gamma smart), le nuove luci anteriori dotate di tre elementi a LED, i nuovi fanali posteriori con effetto tridimensionale e variabile in base alla posizione dell'osservatore), i cerchi in lega con uno speciale design aerodinamico "electro look" che fanno sembrare le ruote più grandi di quello che sono in realtà.

PERSONALIZZATA E CONNESSA

E poi ci sono gli interni, realizzati sulla base della smart EQ fortwo di serie (QUI la nostra recensione completa di smart elettrica): la plancia viene rivestita in pelle nappa "rough amber" - lo stesso colore utilizzato per le cornici degli altoparlanti e punti di uscita delle cinture di sicurezza illuminati - mentre volante, modanature delle porte e linee di cintura sono rivestiti in microfibra antracite. I sedili sono invece rivestiti con una combinazione di pelle nappa nera, microfibra e pregiato tessuto per il piano di seduta.

Nuovi sono l'indicatore digitale del livello di carica della batteria, così come i dettagli i dettagli delle maniglie delle porte e i display del sistema di infotainment neri lucidati a specchio. La vettura è connessa, integrando i servizi smart “ready to” con collegamento alle app dedicate per il parcheggio e la ricarica.



8

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Desmond Hume

ma anche scelte puramente economiche per la produzione su vasta scala.

Aristarco

si chiamano normative di omologazione e usabilità giornaliera che per le concept non valgono

sgarbateLLo

Rifacessero la Smart roadster piuttosto di questo sgorbio

DunKel

Le Concept son tutte belle..
Poi non si capisce il motivo,quando entrano in produzione,fanno K@g@r3!!
Ruote piccole.. alte 1mt da terra..fari monotoni e tutte le finezze del concept tradotte in mera plasticaccia che ritrae le linee originali storpiandole

Aristarco

sicuro è più divertente

Patroclo Grecia

forse una hot wheels ne esce meglio da un frontale

Aristarco

sembra una hot wheels

sgarbateLLo

Di fianco ha un aspettto monco come quello della mini coupè, che mal si sposa con la linea di cintura così alta. Bocciate entrambe.

Sony

Sony, ecco l'autoradio 1 DIN con CarPlay, Android Auto e display da 9"

Linate chiude per tre mesi e trasloca a Malpensa: ecco tutti i motivi | Video

Mazda

Mazda Skyactiv-X: come funziona il benzina che si crede un diesel

Recensione Xiaomi M365 Pro: anche il miglior monopattino elettrico ha dei difetti