Ducati, la moto elettrica arriverà presto: la conferma di Domenicali

21 Gennaio 2019 110

La Ducati elettrica si farà. Confermato già nel 2018 dall'allora amministratore delegato Rupert Stadler (ora indagato per il suo presunto coinvolgimento nella questione Dieselgate), il progetto della due ruote elettrica made in Borgo Panigale è stato nuovamente portato all'attenzione dei media dal nuovo CEO del marchio Claudio Domenicali.

L'occasione è stata il Motostudent, una competizione che vede sfidarsi team universitari attraverso dei prototipi di moto elettriche da competizione realizzati interamente dagli studenti. Qui, l'amministratore delegato del marchio motociclistico ha confermato l'arrivo di una due ruote elettrica. Non sono stati menzionati i tempi e i modi, ma quello che è sicuro è che i tecnici di Ducati stanno lavorando da tempo al progetto:

Stiamo facendo grandi passi in avanti e non siamo lontanissimi dall'arrivo di un modello a zero emissioni. Con questa partecipazione alla competizione di Motostudent nel settore moto elettriche, segnaliamo il nostro interesse.

Una Ducati elettrica, per quanto lontana dall'immaginario collettivo dei Desmofan, non dovrebbe stupire più di tanto, soprattutto considerando l'impegno del Gruppo Volkswagen (di cui Ducati fa parte tramite Audi) verso la progressiva elettrificazione della propria gamma prodotti. Senza dimenticare la concorrenza, con Harley-Davidson pronta a lanciare la sua LiveWire a zero emissioni nel corso del 2019.

Quello su cui Domenicali si è soffermato nel suo intervento, tuttavia, sono le differenze che intercorrono tra il mondo delle auto elettriche e quello delle moto elettriche:

Il comparto delle due ruote ha bisogno di maggior tempo rispetto alle auto per trovare il giusto equilibrio tra prestazioni, costi, autonomia e durata della batteria, seguiamo con grande attenzione la chimica delle batterie e abbiamo un nostro gruppo di lavoro che ci sta lavorando.


110

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Eolovive

Sì, ma chi si compra una moto fa magari 3-400Km in un giorno. Siamo ben lontani dal realizzare un mezzo con un motore degno e quella autonomia.
Diverso è per lo scooter che fa casa-ufficio-casa.

Lorenzo Cot

Nono è sempre lui!

BuBy

è un altro Domincali :)))

BuBy

oddio non credo il baricentro sia molto basso sulle moto elettriche :/ anzi dubito anche che siano più leggere

Tom Smith

Chi è appassionato di motori termici continuerà a comprare quelli ovviamente.

Alessandro

Spe se parli di macchine siamo tutti d'accordo, se parli di scooter siamo tutti d'accordo , ma moto no, le moto sono già state superate dagli scooter per comodità, chi la prende la prende per 3 motivi accelerazione, cambio e rumore, per il momento siamo lontani da due di questi punti.

Alessandro

la mancanza di "sound" e del cambio e ti sembra poco?

Gabrix93

in tutti i modi ovvio!

Maledetto

Vedendo le moto della zero non è un traguardo impossibile, specie per la fascia di prezzo che può venderla la Ducati

lore_rock

‘Satto

Tom Smith

Non Devi ragionare così. Gli appassionati di motori a combustione e elettrici sono pochi la stragrande maggioranza della gente sceglie l'auto secondo i loro bisogni e il marketing.

Phoenix

In giro. Io quando esco in moto faccio anche 400 km in un giorno. Con Una moto elettrica saremmo molto limitati.

Paolo C.

Chi ama le sensazioni di una moto, amerà sicuramente l'elettrico. Accelerazione mostruosa e baricentro basso rendono l'elettrico favoloso da guidare. Se risolveranno il problema dell'autonomia, la mancanza di "sound" e del cambio passeranno in secondo piano.

Paolo C.

davanti o dietro?

Paolo C.

Nel 600 non c'erano le moto.

Frug

Non ne sarei tanto sicuro...

Lokotto

No scusa. E' che mi sono un po' alterato quando oggi hanno detto al TG che 26 esseri umani possiedono il 50% della ricchezza mondiale.
Nel '700 questo non accadeva :P

Frug

A me sembra che il mondo vada avanti... Nel '700 c'era la tratta degli schiavi verso l'America, ora ci sono gli scafisti... In un certo senso hai ragione il mondo è sempre lo stesso, ma in un altro senso si evolve, per esempio pochi giorni fa leggevo che al mondo c'è meno gente che muori di fame... Insomma, bisognerebbe sempre vedere da che parte lo guardi questo nostro piccolo grande mondo!
Non è una critica nemmeno a te, è il mio punto di vista, non pretendo che chiunque lo condivida!

Lokotto

Concordo al 100%. Il problema e' riuscirci temo.

Lokotto

In questo mondo tutto e' collegato.
Bisogna finirla di separare tutto come se una cosa non c'entrasse con l'altra solo perche' cosi' fa piu' comodo.
Non era una critica a te sia chiaro.

Francesco Prodi

Secondo me è possibile, e te lo dico perché studio aerospaziale ma ho parlato spesso di questi argomenti con futuri ingegneri energetici che, come me, hanno quella che definirei una chiara visione del futuro più che "spirito green"... detto questo non ho dati alla mano quindi non mi impongo, ma non credo ci siano alternative alla soluzione elettrica per i trasporti: per adesso l'unica cosa che possiamo fare è sviluppare tutto il più possibile in modo che il sistema energetico funzioni. Se non ci provassimo per niente e lasciassimo tutto così com'è di certo ci sarebbero problemi più grossi nel prossimo futuro.

Lokotto

Ah gia' che quello sta alla Lambo!
Colpa mia. Mi scuso :D

Lokotto

Cioe' non mi salvo in nessun caso!?

Frug

Tu di che mondo parli?

Lokotto

Si forse mi sono confuso come te.
E pensare che io non ho neanche la febbra! :)

Lokotto

Cavolo. Se leggevo prima il tuo commento mi evitavo di scriverlo io LOL

Lokotto

A parte il commovente spirito very green, dimmi un po', ma se con tutta l'energia che serve ora per tutte le diavolerie elettroniche ci aggiungiamo pure quella per auto e moto credi davvero che poi bastera' quella prodotta da fonti rinnovabili?
Non mi rispondere e' meglio :D

Lokotto

Ah ok. Quasi tutti :)

Lokotto

A te pare che vada avanti?
Ma hai visto qualche TG ultimamente? :)

Lokotto

Ahahahahah

Lorenzo Cot

Sarà il gemello

Manuele

Oculista

Per il momento siamo in una fase embrionale. Un passo in avanti sicuramente c'é. Ma se poi l'energia elettrica verrà prodotta da centrali nucleari è solo un tergiversare.

Valoroso Guerriero

No

Frug

Tra l'altro, "quasi tutti i quattordicenni", tra qualche anno, con il crollo delle nascite, saranno meno dello 0,5% della popolazione, se per te è mezza Italia...

Ratchet

Zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz..............

utente

Prima pensa ad abiurare.

Frug

Forse non hai mai visto una mamma , su una bicicletta elettrica (non un cinquantini, una bici a pedalata assistita),con seggiolino e relativo bimbo sopra, sorpassati su una salita del 7% come se fosse un motorino!

Pip

Magari non nelle grandi città ma posso confermare che nelle città medio-piccole (per esperienza 15.000 abitanti) , quasi tutti i quattordicenni hanno un cinquantino, anche perché è l'unico modo per spostarsi vista l'assenza totale di mezzi pubblici.
Poi nella mia zona la situazione è ancora più accentuata visto che la città è piena di dislivelli che rendono l'andare in bici una scelta non proprio felice

Frug

Non conosco l'entità delle vendite e dell'uso dei cinquantini, ci vorrebbero delle cifre, ma la metà mi sembra altamente spropositato. Ricordo che da me, negli anni '80 tutti ne avevano uno, non c'era il bollo, l'assicurazione, l'obbligo del casco per i maggiorenni, tutti ne avevano uno, ora non è più così.

Frug

Il mondo va avanti non indietro!

Tom Smith

Zero Zf

Techno30

Si parla sempre in rapporto alle prestazioni, posso fare anche una grande autonomia ma se poi in strada o in pista da il peggio non va bene

Il giorno lun 21 gen 2019, 20:02 Disqus <notifications@disqus.net> ha scritto:

Tom Smith

A me piace molto

Tom Smith

Ci sono già noto elettriche velocissime con autonomie di più di 200 km. Non vedo perché ducati debba fare peggio...

Francesco Prodi

Non è questione di piacere o non piacere, è questione di continuare a ciucciare benzina e mandare a puttane il pianeta oppure svegliarsi e cercare di trovare un'alternativa seria. Per adesso l'elettrico è l'alternativa più seria e sostenibile (soprattutto quando in futuro l'energia verrà prodotta quasi solo da fonti rinnovabili) e per attuare questo cambiamento ci vuole tempo, ma mi sembra che ne abbiamo buttato via già abbastanza dietro ai nostalgici dei motoroni rumorosi e inquinanti. Non è una scelta, è e deve essere un passaggio forzato; te lo dice un fan sfegatato di F1

Francesco Prodi

Caspita se sei un vero duro

steek

non era chi primo arriva meglio alloggia???XD Cmq la febbra..ho la febbra XD ..ed il concetto non cambia. :P

Techno30

Si scherza, comunque è da considerare il fatto che l'uso che si fa di una moto è molto diverso da quello di un auto e le batterie inoltre non possono essere molto capienti. Questo perchè in una moto il peso (soprattutto sulle super sportive) ha un importanza smisurata, e le batterie pesano tantissimo, quindi gli ingegneri dovranno comunque combattere per abbassare il più possibile il baricentro che è un elemento chiave della fisica legata alle due ruote.

Il giorno lun 21 gen 2019, 18:09 Disqus <notifications@disqus.net> ha scritto:

Galy

Piuttosto non vado più in moto.

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video

Dacia

GPL auto: guida completa, caratteristiche, costi e manutenzione | Dacia Duster

Jeep

Jeep Compass 1.6 Multijet 120 CV Limited: recensione e prova su strada | VIDEO

Audi

Audi Q5 40 TDI quattro 190 CV: recensione e prova su strada