Ferrari SP3JC, one-off ispirata alla Pop Art su base F12tdf

29 Novembre 2018 0

Nei mesi precedenti Ferrari aveva mostrato le barchette Monza SP1 e Monza SP2, entrambe realizzate in 100 esemplari e basate sulla 812 Superfast. A distanza di poco tempo, il costruttore di Maranello svela un'altra sportiva: si tratta della SP3JC, un esemplare unico disegnato dal Centro Stile e prodotto dal programma Ferrari One-Off.

Così come le Monza SP1 e Monza SP2, che attraverso la carrozzeria rievocano i fasti del passato e creano un legame particolare con la 166 MM Barchetta del 1948, la SP3JC trae ispirazione alle Spider degli anni Cinquanta e Sessanta, avvalendosi di una livrea della corrente artistica Pop Art con tinta Azzurro Met, Bianco Italia e Giallo Modena.


L'abbinamento cromatico della carrozzeria viene ripreso anche negli interni, dotati di sedili in pelle blu e inserti bianchi con cuciture a constrato. A differenza delle barchette, la base di partenza è la F12tdf, spinta dal motore aspirato V12 da 780 CV montato in posizione anteriore longitudinale e abbinato a un cambio sequenziale a 7 rapporti e alla trazione integrale. Previsti altri dettagli che richiamano la sportività, tra cui feritoie sul cofano, fascia posteriore con barra orizzontale e tappo serbatoio in alluminio spazzolato. Il tema della Pop Art è una delle passioni che ha spinto il cliente a commissionare questo esemplare unico.

Tra i più desiderati del 2018, superato solo da Mate 20 Pro? Huawei P20 Pro, in offerta oggi da Cellularishop a 475 euro oppure da Amazon a 520 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video

Dacia

GPL auto: guida completa, caratteristiche, costi e manutenzione | Dacia Duster

Jeep

Jeep Compass 1.6 Multijet 120 CV Limited: recensione e prova su strada | VIDEO

Audi

Audi Q5 40 TDI quattro 190 CV: recensione e prova su strada