InVentures di Jaguar Land Rover investe nelle moto elettriche hi-tech di Arc

07 Novembre 2018 9

InMotion Ventures, il fondo venture capital di Jaguar Land Rover dedicato alla ricerca delle startup più innovative nel settore della mobilità, ha annunciato un investimento nella Arc, il costruttore motociclistico che proprio ieri ha presentato a EICMA la Vector, la prima moto 100% elettrica equipaggiata con un'avanzata Interfaccia Uomo-Macchina (HMI).


L'interfaccia in questione prevede prevede guanti, stivali, giacche e tute dotati di sensori - la casa parla di "motoabbigliamento aptico intelligente" - tutti in grado di interagire con la moto insieme all'head-up display per il casco. Il risultato è un'esperienza inedita nel mondo delle due ruote, più coinvolgente e "connessa".

Mark Truman, Fondatore e CEO di Arc, descrive così il progetto Vector:

Vector non è solo una moto: è la prima cafè racer fully- electric, corredata di innovativo casco con Head Up Display e di un motoabbigliamento sensoriale - che lavorando all'unisono producono un'esperienza senza precedenti. Il sostegno di InMotion in questa fase di lancio ci rende particolarmente lieti. Il team condivide la nostra visione e contiamo di proseguire in futuro questa collaborazione creando altri prodotti innovativi.

A questo si aggiunge uno studio particolare su materiali, componentistica e struttura, oltre ad una carrozzeria futuristica.


L'investimento da parte di InVentures costituisce il primo passo del gruppo Jaguar Land Rover verso il mondo delle due ruote, mondo che, al pari dell'automotive, sta attraversando una fase di profonda trasformazione nel campo dell'elettrificazione e della digitalizzazione. Due ambiti in cui Arc, con la Vector, intende primeggiare.


9

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ivan Clemente Cabrera

Sono falzi

TomsHateMe

È assolutamente impossibile che un motore elettrico dia le sensazioni di 2 pistoni in uscita di curva. Non ci credo manco se lo dice Vale. Poi il sound, le cambiate ... è tutta un' altra cosa.

TomsHateMe

Leggi sotto, intendo altro.

Ivan Clemente Cabrera

I piloti di moto gp che le han provate hanno proprio detto che l'unica sensazione familiare e l'uscita di curva, mentre l'aspetto piu' differente e' la frenata e l'inserimento in curva che per via del peso maggiore si ha l'impressione che la moto tenda a tirare dritta, questo sulla Energica Corsa ancora in prototipo.

Ivan Clemente Cabrera

considerando che i motori elettrici hanno tutta la coppia e potenza disponibile da subito e quindi per definizione se non controllati elettricamente hanno l'erogazione piu' feroce di qualsiasi motore a scoppio non dovrebbe essere un problema creare qualcosa che ti sbatta per terra al primo tocco di gas.

TomsHateMe

Hahaha hai ragione ma io mi riferivo alle sensazioni che danno i pistoni quando spalanchi fuori dalle curve.

Nummepija

In realtà penso sia possibile realizzare qualcosa del genere anche adesso, il problema è che finiti i 400 metri di sparata sei a piedi

TomsHateMe

Quando uno di questi trabiccoli mi darà anche solo lontanamente le sensazioni del mio K da 170cv ne riparliamo. Mi sa che non ci riusciranno mai ....

steek
HDBlog.it

TIM e 5G: ho provato la prima auto elettrica guidata in remoto!

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video