Taiwan da scoprire: in viaggio con Audi S4 Avant 2018 | Video

30 Giugno 2018 149

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Il piccolo giro fuoriporta è partito da Taipei, nel nord dell'isola di Taiwan, metropoli moderna e tecnologicamente avanzata dove ogni anno ricorre la fiera dedicata al mondo dei computer e dell’elettronica. A questa tornata abbiamo deciso di fermarci qualche giorno in più a gustarci i piatti e le bellezze del luogo, complice Audi Taiwan che ci ha messo a disposizione la nuova S4 Avant 2018.

Si posiziona al vertice della famiglia A4 e coniuga il loro stile ad una visione ben più sportiva e aggressiva. Prima volta a bordo di questo modello per il sottoscritto, un’aggiustatina ai sedili elettronici e via verso la costa orientale e la contea di Yilan. Prima di raggiungere l’Oceano una piccola deviazione e stop al “Wormhole”, letteralmente buco del verme, fantastica oasi verde a 15-20 minuti da Taipei dove potersi rinfrescare dall'afa estiva, qui già arrivata da diverse settimane. Scendere giù lungo i sentieri non è semplice, si usa una corda di sicurezza e serve un minimo di atletismo, ma sforzo ben ripagato dall’acqua verde smeraldo e dalle piccole cascate che si incontrano una volta giunti sotto.

S4 Avant più che abbondante per tre persone e loro bagagli, se avessimo avuto altri due amici avventurieri li avremmo potuti portare con noi senza problemi. Il vano posteriore offre ben 505 litri di spazio, abbattendo i sedili nel retro si può addirittura arrivare ad oltre 1500 litri. Alta 141 cm e lunga poco più di 4.7 metri, ha un look elegante, come la gamma A4, ma cuore sportivo grazie al motore a 6 cilindri capace di sprigionare ben 354 CV di potenza. Una belva da 0 a 100 km/h in poco meno di 5 secondi che vanta anche trazione integrale permanente quattro.


Carattere ribelle che si riflette anche all'interno, i sedili sono infatti rivestiti in pelle Nappa, in questo caso nella colorazione rosso magma e cuciture in evidente contrasto che danno quel tocco in più nei dettagli. La versione in prova vantava oltretutto i sedili sportivi “S”, quindi con appoggiatesta integrati, fianchetti regolabili e, soprattutto, la funzione di massaggio pneumatica che ci ha deliziati nei tratti più lunghi. I lombari ringraziano.


Torniamo per un attimo al percorso: tra Taipei e il parco di Taroko, nostra destinazione finale, intercorrono soltanto 170 km, ma solo un breve tratto iniziale è percorribile in autostrada. Il resto prevede strade panoramiche a picco sull’alta scogliera e sull'Oceano Pacifico, con tantissime curve e asfalto curato, la S4 Avant è caduta quindi a pennello. Sterzo preciso, tenuta di strada impeccabile e tanta tecnologia in nostro soccorso per facilitarci la vita.

Il periodo delle piogge era alle porte, in queste zone tropicali di certo non si scherza, così quasi tutti i pomeriggi sono stati “bagnati” e li abbiamo trascorsi in auto ad esplorare le strade e i percorsi lungo il parco nazionale. Nota di merito quindi per i tergi cristalli che si attivano anche automaticamente e riconoscono con precisione l'intensità delle precipitazioni.

Della tecnologia a bordo voglio menzionare l'Adaptive Cruise control con cui mantenere la distanza dal veicolo che ci precede, l'assistente al traffico trasversale posteriore, con input per la svolta e il Collision Avoid Assist, che ci avverte degli ostacoli. Ho trovato invece un po' impreciso il sistema di rilevamento laterale: nel traffico avvistava veicoli a fianco e li rilevava come "pericolosi", con tanto di bip sonoro che abbassava il volume degli altoparlanti per diversi secondi. Una seccatura in certi tratti.


Non manca di certo la potenza con il motore a benzina da 3L TSFI a iniezione diretta e progressione più che notevole. Nei tratti più tortuosi ho preferito passare al cambio sequenziale a discapito di quello automatico, così da sfruttare di più la seconda e la terza e aver maggior controllo sul veicolo. Al divertimento si contrappongono ovviamente i consumi, inevitabilmente più alti rispetto a quelli dichiarati ufficialmente da Audi: percorso di tre giorni concluso con circa 9L/100 km e 400 km circa "bruciati" sull'asfalto.

Altro protagonista il sistema di infotainment di ultima generazione, con ampio display da 12 pollici posizionato al centro della plancia e rotella di controllo vicino alla leva del cambio. Ottimo il feedback nella gestione dei controlli, con tanto di comandi vocali e tasto dedicato sul volante per attivarli senza troppe distrazioni.

Abbiamo utilizzato sia il sistema di navigazione integrato sia quello dei nostri dispositivi mobili, ovvero un LG G7 con Android Auto ed un iPhone 8 con Apple CarPlay. Due diverse piattaforme software che hanno svelato simili prestazioni, seppur ancora limitate a causa dei pochi permessi che le case automobilistiche danno – fortunatamente – ai giganti statunitensi delle ricerche digitali.

Si potrebbe aprire a questo punto una discussione parallela, su ciò che è giusto o meno; personalmente sono felice che gli auto maker tengano una loro linea precisa e non aprano tanto facilmente le porte ai vari Google, Apple, Amazon o Facebook. I giganti dell'high-tech hanno politiche di gestione dei dati personali più che discutibili, a salvarsi solo la potente multinazionale di Cupertino che, sulla tutela della privacy, ha anche basato una battaglia di marketing.


Nel corso del nostro breve viaggio abbiamo provato entrambe le soluzioni mobile via cavo, tentando una comparazione, ma le condizioni non lo hanno permesso essendo in Asia, con dispositivi che "parlano" diverse lingue e risultati in cinese.

Il sistema è suddiviso a più livelli, si può impostare una priorità dei dispositivi associati e scambiarli all’occorrenza. Ancora qualche problema più evidente nella compatibilità con Apple CarPlay, per riattivarlo bisogna infatti scollegare e ricollegare iPhone. Meno macchinoso invece il percorso con Android Auto, entrambi gli assistenti vocali capiscono più o meno bene le domande poste, il software del robottino ci è sembrato tuttavia più preciso per la navigazione.

Peccato per le poche porte USB a disposizione in auto, i passeggeri nel retro non ne hanno neanche una a portata e chi vuol ricaricare o collegare i propri dispositivi deve necessariamente puntare al portaoggetti centrale.

I compagni di viaggio Andrea Nepori e Nicole Scott (mobilegeeks.com)

E così, dopo un paio di giorni passati nella quiete del Parco Nazionale di Taroko, tra montagne calcaree, marmi, templi, ponti sospesi e panorami suggestivi, abbiamo fatto rientro a Taipei seguendo la medesima tortuosa strada 9 fino all'autostrada 5, nelle contea di Yilan.

Una piccola ma bella avventura che consiglio a tutti, Taiwan è una magnifica isola tutta da scoprire e poco conosciuta in occidente. Un paese estremamente ordinato, pacifico, fatto di persone gentili e caldo quasi tutto l'anno, una “Cina ordinata”, come definita dall’amico Andrea Nepori che ci ha seguiti in questo giretto fuoriporta.

Fotocamera al top e video 4K a 60fps con tutta la qualità Apple? Apple iPhone XS, in offerta oggi da Tecnotradeshop a 899 euro oppure da ePrice a 1,039 euro.

149

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Bigio

guarda che Audi l'haldex lo monta solo sulle A3 (comprese S e RS) e sulle A4 e A6 con denominazione ultra, le altre usano il differenziale meccanico, inclusa l'S4 della prova, in aggiunta su s4 e rs4 puoi richiederne optional una versione con differenziale elettronico posteriore, ma il centrale è comunque meccanico.

superza

Ma perchè provate auto che non sui può permettere nessuno?

andry

Il collega milanese in questi giorni ha girato in RS4...voi siete riusciti a provare solo una S4?

modhdblog

Non vedo alcun rispetto, anzi, il contrario e del tutto gratuita.

CAIO MARIOZ

No è capacitivo con sensori di pressione e motore aptico

Shrek

Ahahah grande!

meemobi.com

Audi , il modo piu' raffinato che ci sia per sottosterzare in allegria

Andrea Nepori

io ci sto! Ora sento la Piaggio.

ciro mito

Rispetto il lavoro per carità , ma non mi venire a dire che dietro non c'è una bella botta di paraculipocrisia
Sto aTaiwan e provo per voi la nuova A4 , ma per piacere...

modhdblog

Non sei costretto a guardarlo o a commentarlo se non ti piace, ti prego di rispettare il lavoro che sta dietro certi contenuti. Grazie

ciro mito

E allora che è ?
Sto a taiwan e me faccio na girata?
Preferivo passeggiata a ibiza col Caballero

utente

Fantastica la S4. Elegante e sportiva al punto giusto.
Certo, la RS4 è un'altra cosa :D.

Vinx
Vinx
Giuseppe75

Avevi bisogno di fare per forza tutto sto fatto per farmi capire che ho scritto fabrica con due b? Che ca**o vuoi? ma poi occhei per cosa? Che vuoi?

Massimo Hu

guarda che da audi a4 in su ti lasciano scegliere che integrale vuoi ultra o permanente mica hanno tolto il permanente

Ginomoscerino

alcuni SUV hanno senso ma i SUV coupè no! quelli non hanno mai avuto senso e mai l'avranno

Tony Musone

Certo che sono due diverse categorie ma raggiungono, a mio modo di vedere, la stessa finalità: la sicurezza stradale

Nick126

Qui c'è un confronto generale tra i vari sistemi tedeschi:
Http://www.automotonews.com/trazione-integrale-in-salsa-teutonica-i-sistemi-audi-bmw-e-mercedes-a-confronto

Mistizio

beh, dipende anche dalla tua automobile di riferimento (del tempo) :)

Mikel

L’allestimento s-Line la rende davvero bella, così come la s4, ma la normale non lo è tanto..

Mikel

La nuova s60 mi fa bagnare..

Tk Desimon

https://uploads.disquscdn.c...

Occhei.

Tk Desimon

Un bel po'.

Bestmark01

Non sto dicendo che non dovevano fare lo Stelvio, dico che dovevano fare una versione sw della Giulia. Le sw vendono ancora, basti vedere quanto a4 avant e serie 3 touring ci sono in giro

Lorenzo Coran

C43 AMG, stessi cavalli praticamente, guadagna mezzo secondo sullo 0-100 e un secondo intero sul quarter mile.. Audi gioca su altre qualità, è più da uso quotidiano rispetto alle BMW o Mercedes, ma quanto a prestazioni anche su pista, non c’è paragone

Giuseppe75

Questo è un altro discorso, neanche a me piacciono le ultime lamborghini e neanche l'Urus mi piace. Ma il vizio più odioso che hanno i tedeschi, per me, è quello di condividere i motori con altre auto del greuppo! Per esempio un motore che equipaggia una lamborghini te lo potresti trovare anche su un' Audi R8, questo io non lo sopporto. Allora anche se non piacciono i tedeschi, ma si deve dare merito il fatto che hanno preso in mano Lamborghini da imprenditori incapaci di gestirla, ed hanno rimasto la fabbrica qui.

andrea55

Indubbiamente aumentano l'aderenza ma hanno senso su auto di determinato peso e dimensioni da gestire, così come le 4 ruote sterzanti.
Gli ADAS sono una categoria diversa poichè sono sistemi che entrano in azione in caso di distrazione o alleviano la fatica, non migliorano le prestazioni su strada

Shrek

Come tutti i suv e similari.

Tony Musone

Può essere che sia risibile come dici ma ricordo che, soprattutto in autostrada sotto la pioggia, a 130-140km/h avevo la macchina incollata a terra senza mai percepire alcun fenomeno di aquaplaning. Boh, non so, ai tempi mi aveva particolarmente colpito

il Gorilla con gli Occhiali

Beh non si può paragonare affatto Volvo con Audi. Volvo è mille volte superiore in tutto.

marcoar

Il problema fondamentalmente è che le trazioni integrali sono comunque delicate. Hanno trattate a dovere. Insieme a questo va specificato anche che oltre alla trazione sono necessarie le "scarpe" adatte, altrimenti si finisce come il 90% dei Mona che con gomme estive e macchina a trazione integrale si impantana ovunque.

Il vantaggio, sul guidatore medio, è comunque risibile in termini di sicurezza guadagnata.

marcoar

Si si era proprio per il termine permanente.

Ad oggi, da che ricordo, l'unica casa che mantiene una integrale permanente nel senso stretto del termine è Subaru

marcoar

Da un po' Ormai. Non so nello specifico da quanto, ma sicuramente da quando utilizzano la dicitura "Quattro plus"

Tony Musone

Non avevo del tutto compreso che la questione vertesse sull'aggettivo "permanente" ;)

p.s.
La mia esperienza su un'A4 Quattro risale ad un viaggio di lavoro fine anni '90 o primi 2000. Bè, era inverno e per tutta la settimana è stato brutto tempo, con pioggia e acquazzoni e la differenza con le altre auto, l'ho sentita tutta, mi sembrava di guidare sui binari. Ricordo di aver pensato che già solo per una questione di sicurezza, avrei inserito le 4 ruote motrici di serie su tutte le autovetture, come oggi si fa con l'ABS e domani con gli ADAS ;)

Tony Musone

Ah ok. Quindi l'osservazione era riferita solo all'aver usato impropriamente "permanente"... Allora hai fatto bene a lasciar correre, anche se alla fine non l'hai fatto, dandomi così l'occasione d'imparare qualcosa di nuovo ;)

talme94

Non li montano più?

Actarus71

Punto un cinquantone su Volvo nell'immediato futuro

il Gorilla con gli Occhiali

Dai è sexy questa A4.

Actarus71

È l'aspirazione illuministica alla tuttologia generalista

Volpe

3D touch? non è che sia un banalissimo touch resistivo? no eh?

BLOW

Sexy? Forse è ora che cambi occhiali gorilla

ciro mito

Solo la serie M
X6 ad esempio uno dei più grossi cassettoni inutili mai prodotti

ciro mito

Suv , li ho sempre ritenuti roba antiquata
Per me il futuro è crossover

ciro mito

Dovreste provare la nuova vespa a Giacarta

Albi Veruari

È pieno di station wagon che vanno da 0-100 in meno di 5 sec, sisi.

JJ

È prevista

JJ

Peccato, ma Il mercato vuole suv e i numeri dello stelvio gli danno ragione

modhdblog

Non è affatto una recensione e non voleva esserlo, non ne sarei in grado e per quelle abbiamo già i ben più esperti Luigi, Nicola e Simone ;) (Gabriele)

marcoar

Fino a quando hanno montato differenziali meccanici torsen.

HDBlog.it

TIM e 5G: ho provato la prima auto elettrica guidata in remoto!

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video