Formula 1 Cina: vince Ricciardo. Vettel ottavo causa Verstappen

16 Aprile 2018 3

Chi ha detto che la Formula 1 è noiosa? Al GP di Shanghai 2018 le certezze sono state veramente poche, nonostante la griglia di partenza facesse ben sperare su una doppietta tutta italiana, con le due Ferrari di Vettel e Raikkonen in prima fila a contendersi il primo gradino del podio. La vittoria, invece, è andata sì ad un italiano, ma di origine: Daniel Ricciardo ha sfrecciato a bordo della propria Red Bull portandosi a casa la sesta vittoria in carriera ottenuta senza partire dalla Pole.

Una gara che sembra già scritta nella prima metà, con Vettel che tiene la prima posizione e Raikkonen che deve subito cederla a Bottas, ma l'intervento della safety car per un contatto tra le Toro Rosso al giro 32 mette tutto in discussione. La strategia delle gomme si rivela fondamentale per guadagnare qualcosa in vista del ripristino della gara.


Dopo quattro giri si riparte. Nel frattempo Ricciardo, con Soft nuove, attacca Kimi che ha perso tempo con Verstappen. L'olandese compie una rimonta che lo porta alle calcagna di Hamilton, che poi viene superato da un Ricciardo in ottima forma. Verstappen così decide di tentare il tutto per tutto ma la sua aggressività si conclude con il contatto che manda in testacoda Vettel al giro 44. Il tedesco prosegue la gara con l'auto malconcia che non riesce ad esprimere tutto il suo potenziale. Risultato: Vettel finisce in ottava posizione, dietro alla McLaren di Alonso. Per Verstappen 10 secondi di penalità per l'azione sconsiderata, ma conclude comunque in quinta posizione.

Sorpasso esemplare di Daniel Ricciardo su Bottas a pochi giri dalla fine, che gli vale una vittoria meritatissima. Secondo il finlandese di Mercedes-AMG, lucido dall'inizio alla fine, e una piccola soddisfazione per Ferrari grazie al terzo posto sul podio per Kimi. Quarto posto per un Lewis Hamilton offuscato dalla patina del nuovo che avanza. Adesso per Vettel, che rimane primo in classifica con 54 punti, si apre un conto con Verstappen: per "saldarlo" dobbiamo aspettare il prossimo GP, che si terrà in Azerbaigian il 29 aprile.

Dopo Vettel, la classifica è dominata da Hamilton (45 punti), Valtteri Bottas (40), Daniel Ricciardo (37) e Kimi Raikkonen (30).


3

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
d4N

Ricciardo, personalmente, lo vorrei in Ferrari. Mi ricorda molto i piloti della vecchia generazione, oltre al fatto che fa dei sorpassi unici, come non si vedevano da tanto.
Penso che proprio non sia considerato il gioco di squadra in Ferrari, Vettel e Kimi vanno su due binari diversi, sembrano due team separati.

d4N

Non ho ben capito la strategia Ferrari, hanno fatto doppietta in qualifica, erano i più veloci in quel frangente e comunque tutto sommato la cosa si stava replicando in gara ... ma il senso di una partenza così aggressiva verso Kimi?
Poi pure lasciare Raikkonen in pista così, proprio da usarlo come spalla, l'indifferenza completa ... da quanto ho capito Vettel non ha potuto usufrire della safety per cambiare le gomme perché già oltre i box quando entrata, però anche quando era vicino a Bottas non mi sembra abbia azzardato molto. Di Raikkonen non ne parliamo che prova un sorpasso, ogni 25 giri, sembra si faccia la pennichella nel frattempo ...
In ogni caso a Verstappen la penalità non è stata paritaria al danno che ha creato, se consideriamo la totale mancanza di sportività, mandando fuori un altro pilota (in quel momento virtualmente sul podio) e comunque arrivando lo stesso a punti, quindi in ogni caso comodo per la sua squadra.

Desmond Hume

Ricciardo sicuramente un fenomeno ma senza la safety car per via del fenomeno della toro rosso o del cojone Verstappen l'esito sarebbe stato molto diverso.

Lode quindi più alla redbull per aver colto l'occasione.
Poi anche Vettel con quella partenza che ha messo in difficoltà Kimi... Gli sta quasi bene che il pirla l'abbia messo fuori gioco sembra che in Ferrari il gioco di squadra lo faccia solo Kimi.

Ford

Ford Fiesta 2018: anche per i neopatentati | video recensione e prova su strada

Kia

Kia Picanto X-Line e GT: prova in anteprima del 100 CV 1.0 T-GDI

Mahindra

Mahindra KUV100: recensione in anteprima del SUV da meno di 11.000 euro

HDBlog.it

Le migliori tecnologie di Ginevra 2018: dal pneumatico vivente ai fari smart Mercedes