E-VIA FLEX E mobility: al via il progetto di ricarica ultraveloce in Europa

29 Dicembre 2017 0

Parallelamente al programma EVA+, Enel ha avviato i lavori per il progetto "E-VIA FLEX E mobility in Italy, France and Spain” per l’installazione di 14 stazioni di ricarica ultraveloce in Europa. Un programma coordinato da Enel e co-finanziato dalla Commissione Ue per la sperimentazione di una rete che permetta ai nuovi veicoli elettrici, con autonomia superiore ai 300 km, di percorrere lunghe distanze e di contribuire allo sviluppo e alla diffusione delle auto a zero emissioni nel Vecchio Continente.


Del resto, le statistiche affermano che, nel 2020, l'autonomia media delle auto elettriche in commercio si attesterà intorno ai 320 kilometri: essenziale, dunque, è la presenza di una rete di ricarica in grado di agevolare la circolazione di questi veicoli in un circuito pan-europeo che permetta di effettuare lunghi viaggi senza ansia da autonomia. Entro la fine del 2018 saranno avviate le installazioni dei punti di ricarica ultraveloce (High Power Charging - HPC) in 14 siti: 8 in Italia, 4 in Spagna, e 2 in Francia. Le stazioni di ricarica saranno ad alta potenza con un range tra 150 kW e 350 kW, il massimo oggi possibile sul mercato EV.

Il progetto E-VIA FLEX E mobilty si affiancherà a EVA+ (Electric Vehicles Artieries), anch'esso co-finanziato dalla Commissione Europea, a cui partecipano Verbund, Renault, Nissan, BMW e Volkswagen Group Italia (con Volkswagen e Audi), che prevede l’installazione in tre anni di 180 punti di ricarica veloce (Fast Recharge Plus) lungo le tratte extraurbane italiane. Le prime 40 colonnine Fast sono già state installate e permettono di percorrere, tra le altre, la tratta Roma-Milano a bordo di un’auto elettrica. Tra queste, la più recente è quella installata presso l'Aeroporto di Genova.


E-VIA FLEX E mobility, coordinato da Enel e realizzato con EDF, Enedis e Verbund, le case automobilistiche Nissan e Groupe Renault e Ibil, società spagnola specializzata nei servizi di ricarica per i veicoli elettrici, è stato selezionato dalla Commissione UE nell’ambito della call Connecting Europe Facility Transport 2016. Complessivamente il budget co-finanziato dalla Commissione è di circa 6,9 milioni di euro. Sul progetto Enel investirà 3,4 milioni di euro, anche questi co-finanziati dall’esecutivo europeo.

Il programma rientra nelle attività di Enel per "convertire" il mercato italiano all'auto elettrica: il Piano nazionale per l’installazione delle infrastrutture di ricarica vedrà la posa di circa 7mila colonnine entro il 2020 per arrivare a 14mila nel 2022. Di queste, giò 2.500 colonnine verranno installate in tutto il territorio già entro il 2018.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ford

Ford Fiesta 2018: anche per i neopatentati | video recensione e prova su strada

Kia

Kia Picanto X-Line e GT: prova in anteprima del 100 CV 1.0 T-GDI

Mahindra

Mahindra KUV100: recensione in anteprima del SUV da meno di 11.000 euro

HDBlog.it

Le migliori tecnologie di Ginevra 2018: dal pneumatico vivente ai fari smart Mercedes