Porsche come Netflix: con Passport le guidate tutte in abbonamento

11 Ottobre 2017 0


Si può dare un prezzo ai sogni? Sembra di si, e la cifra in questione è 3.000$ al mese. Porsche Passport è il programma lanciato in USA che rivoluziona il modo di usare l'auto. Il modello è quello di Netflix per intenderci: l'auto non si compra più ma, al costo dell'abbonamento, si può scegliere tra qualsiasi modello della gamma, cambiare frequentemente vettura sostituendola con un'altra e non avere limiti di chilometraggio. Così in settimana potrate guidare la 718 Boxster ad esempio, per la settimana bianca o le vacanze passate a Cayenne o Panamera 4S e per integrarvi con i californiani c'è il Cayenne S E-Hybrid.

I pacchetti disponibili sono due: il primo, "Launch", costa 2.000$ al mese e da accesso ad otto modelli tra cui Boxster e Cayman S, Macan S e Cayenne. Con "Accelerate", l'abbonamento da 3.000$, si può scegliere tra 22 varianti di modello tra cui 911 Carrera S, Panamera 4S, Macan GTS e Cayenne ibrido.

Trattandosi di una formula tutto incluso non sarà necessario pensare a nulla: tasse, assicurazione, manutenzione: sono preoccupazioni del passato. Chi vorrà partecipare al programma, avviato con il progetto pilota di Atlanta, dovrà scaricare l'app Porsche Passport per Android e iOS e pagare un contributo una tantum di 500$. Dopo i controlli di rito sul credito, si potrà inizare a usufruire del servizio che prenderà il via a novembre 2017, sfruttando l'app per programmare i cambi di auto.

Il massimo rapporto qualità/prezzo? Motorola Moto G5, compralo al miglior prezzo da Unieuro a 140 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Auto

Porsche 718 Boxster e Cayman: finalmente anche GTS

Auto

Polestar 1: autonomia record per la prima coupé sportiva ibrida plug-in

Auto

Toyota Concept-i: a Tokyo la famiglia di elettriche con intelligenza artificiale

Kia

Anteprima Kia Stonic: la prova del B SUV coreano