Nissan GT-R radiocomandata che si controlla con il DualShock di PS4 | video

11 Ottobre 2017 0


Chi è appassionato di auto avrà sicuramente provato un'automobilina radiocomandata, un modello di quelli "giocattolo" o qualcosa di più sofisticato in scala 1/10 con motore termico o elettrico e una meccanica che non ha nulla da invidiare alle auto reali.


C'è però un modello che batte qualsiasi modellino, la Nissan GT-R RC realizzata dai giapponesi per il lancio di Gran Turismo Sport previsto il 18 ottobre. Quei mattacchioni di Nissan hanno infatti trasformato la GT-R in un'auto radiocomandata in scala 1:1, collegandola al controller di PS4, il DualShock 4, e mettendo il pad in mano a Jann Mardenborough,vincitore della GT Academy.


Controllare un'auto così grande in remoto richiedeva però qualcosa di più della classica tribuna per i circuiti delle 1/10...così il pilota è stato trasportato in elicottero. Da qui è riuscito ad ottenere un tempo sul giro del tracciato di Silverstone di 1:17.47 con una media di 131 chilometri orari e velocità di punta di quasi 211 km/h. Per rendere possibili l'esperimento, la GT-R è stata collegata a quattro servi robotici per sterzo, cambio, freni e gas, gestiti da 6 computer in grado di monitorare i controlli 100 volte al secondo. Il PAD ha invece avuto il supporto di un micro computer collegato ad una trasmittente con portata di circa un chilometro.

Tra i più desiderati del 2018, superato solo da Mate 20 Pro? Huawei P20 Pro, in offerta oggi da Cellularishop a 475 euro oppure da Amazon a 520 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video

Dacia

GPL auto: guida completa, caratteristiche, costi e manutenzione | Dacia Duster

Jeep

Jeep Compass 1.6 Multijet 120 CV Limited: recensione e prova su strada | VIDEO

Audi

Audi Q5 40 TDI quattro 190 CV: recensione e prova su strada