Ford EcoSport Titanium S 1.0 EcoBoost 125 CV | HDtest

03 Ottobre 2017 0

[embed]

Abbiamo provato il più piccolo della famiglia dei SUV della Casa dell´Ovale Blu, con il pluripremiato 3 cilindri EcoBoost 1.0, nella versione da 125 cavalli. Il motore si conferma ottimo e l´Ecosport continua a piacere perché unisce la funzionalità di un SUV alla versatile praticità di una city car. Ci piace l´allestimento Titanium S che la rende più accattivante. Piccola fuori e spaziosa dentro, si fa perdonare qualche difetto. In attesa della nuova presentata a Francoforte...

Per questo nuovo HDtest siamo tornati ad occuparci della famiglia dei SUV della Casa dell´Ovale Blu, in particolare al più piccolino della Ford, l´EcoSport. Lo chiamano Smart Utility Vehicle: un´auto capace di unire la funzionalità di un SUV alla versatile praticità di una city car, una formula molto azzeccata che ha consentito al brand di venderne oltre 150.000 esemplari, dal 2014 ad oggi.


L´EcoSport ha stile, un design piuttosto deciso, molto personale, con chiari richiami alle Ford più grandi: insomma è difficile confonderla con altre. Per fortuna nel nostro esemplare in prova dietro non c´è più quella ruota di scorta attaccata al portellone, che faceva proprio tanto fuoristrada anni ´80; comunque se vi piace così tanto e la volete, potete mettercela, è ancora ordinabile. Questa versione Titanium S è un po´ più sportiva ma non troppo: cerchi in lega da 17´´ Black, tetto e retrovisori esterni verniciati di nero, vetri posteriori oscurati e altri dettagli che la rendono anche più grintosa. Nei giorni passati con lei abbiamo anche notato che piace molto alle donne e con questo allestimento è stata molto apprezzata: in effetti questo colore Bianco Diamond pastello con dettagli in nero, abbinato agli interni in pelle parziale scura (di serie), le fanno fare una gran bella figura.

Tra i suoi punti di forza c´è di sicuro il comfort e ha tanto spazio che quasi riesce a sorprendere: piccola fuori ma grande dentro, consente a quattro persone di statura normale di viaggiare comodamente perché c'è spazio sopra la testa e anche per allungare le gambe. Il posto di guida accoglie bene anche uno alto come me, che ci sta comodo, grazie al volante che si regola in altezza e profondità, al sedile che è regolabile in altezza e ha anche il supporto lombare integrato regolabile. Tutti i sedili sono comodi, anche quello posteriore: i passeggeri possono infatti inclinare i sedili avanti e indietro per trovare la posizione ideale; per i più piccoli ci sono quattro punti di attacco posteriori per seggiolini ISOFIX, grazie ai quali è possibile fissarne due. L´abitacolo offre molti spazi per riporre oggetti, dagli occhiali, al telefono con caricatore USB, le monete, i bicchieri, le bevande: tutto è sempre a portata di mano.

Ma più di ogni altra cosa, ciò che ci ha convinti a provarla di nuovo è il suo motore, il pluripremiato 3 cilindri EcoBoost 1.0, qui nella versione da 125 cavalli: un propulsore che continua da diversi anni a fare scuola tra i motori compatti, perché riesce a combinare guidabilità e performance, convenienza e comfort. E´ quello che equipaggia anche la nuova Fiesta, ma in realtà in Europa è sotto il cofano della maggior parte dei modelli della Casa, in diversi step di potenza. Per l´EcoSport c´è anche la versione da 140 cv per chi la vuole più scattante, oppure il turbodiesel 1.5 TDCi da 95 cavalli per chi macina più chilometri.

Appena la metti in moto ti accorgi subito che hanno lavorato bene anche sotto l´aspetto del sound e non ha più quel rumore tipo "frullatore" che contraddistingueva i motori a tre cilindri di qualche anno fa.

Sull´EcoSport si guida in sicurezza dominando la visuale, perché si guida seduti in alto e la visibilità è ottima: visuale perfetta della strada e di ciò che c´è attorno ma anche chi è di statura alta fatica a percepirne gli ingombri, a volte sembra addirittura di avere una macchina più grande, più larga di quella che hai.


In realtà è un SUV molto compatto: lo si parcheggia in spazi ridotti e anche le strade più strette non sono certo un problema per l´EcoSport. Vanta un diametro di sterzata di soli 10,6 m, che facilita e velocizza ogni manovra, persino l'inversione di marcia, anche quando lo spazio è davvero poco. A proposito di parcheggi, la telecamera posteriore, così come i sensori posteriori, sono due optional molto utili, perché la visibilità posteriore non è delle migliori a causa delle dimensioni del lunotto posteriore e dei montanti un po´ ingombranti. I sensori ci vorrebbero anche davanti: renderebbero le cose più semplici, ad ogni manovra. La sua altezza dal suolo elevata la apprezzerete quando incontrerete marciapiedi alti, buche, lavori in corso e dossi. Anche gli ostacoli più difficili non sono un problema grazie ai suoi angoli di attacco e uscita: non è certo pensata per fare fuoristrada ma almeno si possono superare senza danneggiare il telaio.

Fin dai primi chilometri ci accorge della potenza ed efficienza dell´EcoBoost 1.0 a 3 cilindri: sono i punti di forza di questo motore, che vanta infatti proprio la potenza di uno di cilindrata più grande, diciamo un millesei, ben 125 CV, con i consumi di un propulsore più piccolo.

Per una guida più efficiente, sul quadro strumenti c´è anche l'indicatore che vi suggerisce quando cambiare rapporto ma non serve: è inutile tirare le marce, basta restare entro i 2.500 /3.000 giri e avete già tutta la coppia che vi serve, con un motore pronto che spinge sempre quanto basta. E poi ha un buon allungo anche se diventa un po´ rumoroso se spingete troppo. Tra le sue doti indubbie l´elasticità: in città non si deve sempre usare il cambio di continuo, e fuori dalle mura cittadine si possono usare sempre i rapporti più lunghi. A proposito del cambio, un manuale a 5 rapporti, ha un buon feeling con il motore ed è buono: non si impunta, non dà problemi, nemmeno la frizione.


L´Ecosport non è nata certo per correre: raggiunge la velocità massima di 180 km/h e va da 0 a 100 in 12,7 secondi ma, e questo è un argomento più interessante, viene dichiarato un consumo medio di 18,5 chilometri con un litro. In realtà, guidando un po´ allegri, in generale siamo stati di media sui 15 al litro. In città ci aspettavamo decisamente di meglio, mentre sulle strade extraurbane con il piede un po´ leggero consuma veramente poco. In autostrada a velocità da codice si sente proprio che ci vorrebbe la sesta, la marcia di riposo, e i consumi e il comfort a bordo purtroppo ne risentono. Pensate che per farla consumare meno, hanno curato anche alcuni dettagli del design o di certe forme, come il deflettore del montante posteriore, perché fosse migliore l´aerodinamica, per ridurre la resistenza del vento. Insomma nulla è stato lasciato al caso.

Oltre al motore, su strada vanta anche un buon comportamento ed è piacevole da guidare: ha un comportamento sempre sicuro, tra le curve si difende bene, anche se un po´ di rollio c´è ed è inevitabile, data l´altezza, ma lo sterzo è pronto, l´assetto è piuttosto equilibrato e le sospensioni tutto sommato assorbono bene le asperità dell´asfalto. Inoltre il servosterzo elettrico progressivo si regola automaticamente per rendere lo sterzo più leggero e maneggevole durante una manovra di parcheggio o più rigido per avere un maggiore controllo a velocità più elevate, in autostrada, per esempio. E non si spreca nulla: il servo si attiva solo quando serve, contribuendo al risparmio di carburante.

Il comfort passa anche per la silenziosità dell´auto: qui materiali e guarnizioni di buona fattura nelle portiere, nei finestrini, nel tetto e nella carrozzeria garantiscono una guida estremamente silenziosa. Si sente giusto un po' di rumore aerodinamico causato dagli specchietti e quello di rotolamento delle gomme.

Il piccolo SUV dell´Ovale Blu è anche sicuro: airbag frontali, laterali e a tendina per conducente e passeggero, e un airbag per le ginocchia di chi guida. E poi ancora ABS, ripartitore elettronico della frenata e assistenza alla frenata di emergenza, per frenare sempre in tutta tranquillità.


Per i più appassionati di tecnologia, infotainment parlando, il Sony Navigation System con SYNC è di serie non è niente male: il telefono si collega via Bluetooth e potete gestire la radio, la musica, le telefonate, i messaggi con i comandi vocali. Potrete anche ascoltare la vostra musica preferita da una chiavetta USB o da un lettore MP3 o l´iPod, oppure in streaming dal vostro smartphone. Questo sistema spesso però non è intuitivo come dovrebbe. Un esempio? Non è così immediato capire come funziona la radio DAB, troppi passaggi, e ci si distrae troppo. Anche connettere il nostro smartphone via Bluetooth non è stato così semplice e ha richiesto qualche minuto di troppo per capire come funzionava. Mica siamo tutti "smanettoni" come gli amici di HDBlog...

La nota più dolente è il display, che è troppo piccolo: un po´ più grande non sarebbe stato male. E poi troppi tasti, un po´ vecchio stile, ci piacerebbe un layout più pulito, più semplice. Si fa perdonare un po´ perché suona piuttosto bene.

L´EcoSport è un´auto piuttosto pratica ma a una cosa non hanno pensato: quel portellone posteriore con l´apertura laterale sarà anche originale, ma poco pratico. Se ti parcheggiano proprio dietro, attaccati al paraurti posteriore, come si mettono dentro i bagagli? Una volta aperto però vi accorgerete che il bagagliaio è spazioso e di forma regolare: vanta una capacità di carico che va dai 310 ai 375 litri, a seconda di quanto inclinate lo schienale dei sedili posteriori; al massimo si arriva a oltre 1230 litri. Ed è anche pratico: vi consente infatti in pochi gesti di togliere il ripiano di carico e ribaltare i sedili posteriori 60:40, per avere velocemente spazio per bagagli e oggetti più ingombranti.

L´esemplare in prova costa 23.950 Euro, ma c´è in corso una promozione che vi consente di farla vostra per poco più di 20.000. Tra gli optional presenti, c´è il Visibility Pack: fari automatici, sensore pioggia, retrovisore interno foto-cromatico e Cruise control per Euro 250. Qui c´è anche il Winter Pack, ovvero sbrinatore rapido del parabrezza, sedili riscaldati e specchietti riscaldati con altri 500 Euro.


Al Salone di Francoforte abbiamo già visto la nuova generazione che debutterà nel 2018: diventerà una sorta di "Mini Kuga", con un look più muscoloso e deciso. Questo 3 cilindri EcoBoost 1.0 sarà disponibile con vari livelli di potenza, da 100, 125 e 140 CV, arriverà il cambio manuale a 6 marce. E su questo da 125 quello automatico a 6 marce. Potrete scegliere tra nuovi motori turbodiesel e si potrà avere anche la trazione integrale. Inoltre per chi non può fare a meno della tecnologia, a bordo della nuova generazione ci sarà il SYNC 3, il sistema di connettività e comandi vocali Ford.

Ed è così che viene il dubbio: compro questa e, visto che arriverà la nuova versione provo a chiedere anche uno sconto più importante, oppure aspetto la nuova?


In Europa, le vendite dei SUV stanno crescendo con un ritmo più veloce rispetto a quello espresso da qualsiasi altro tipo di segmento. Nel 2016, le immatricolazioni di modelli appartenenti all´intero segmento dei SUV sono aumentate del 21%, rappresentando oltre il 25% di tutti i nuovi veicoli immatricolati: vale a dire più di una nuova automobile su 4 è un SUV. E in Ford lo sanno bene, perché lo scorso anno le vendite dei loro SUV, in Europa, sono cresciute di oltre il 30%. Quindi il futuro dell´EcoSport promette bene.

Saprete davvero aspettare?

Nicola Villani

Lo smartphone più richiesto del momento? Samsung Galaxy S8, in offerta oggi da Cellulare.net a 481 euro oppure da Unieuro a 559 euro.
Apple Iphone 8 64gb Space Grey Grigio Siderale è disponibile da puntocomshop.it a 648 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tesla

Tesla Model S 100 D | Prova su strada e Focus Tecnologia

Renault

Renault ZOE BOSE Q90 FLEX | HDtest

Tesla

The Boring Company: la prima foto del "tunnel" rivoluzionario di Elon Musk

Pneumatici invernali: video guida e 10 domande sulle gomme da neve