Dieselgate: in Germania respinta una class action contro VW

01 Settembre 2017 0


Dopo il "mezzo" via libera di Angela Merkel alla presentazione di class action nei confronti del Gruppo VAG per quanto riguarda lo scandalo emissioni Dieselgate, arriva proprio dalla Germania la prima notizia di azione legale respinta da un tribunale.

La prima class action "ufficiale" nei confronti di Volkswagen dopo che la stessa Angela Merkel aveva mostrato un'apertura del proprio governo in questo senso si è conclusa con un nulla di fatto. A riportare la notizia il sito Automotive News, che parla di una sconfitta da parte degli automobilisti, infuriati dopo aver scoperto che le proprie auto facessero parte dello "scandalo emissioni" noto come Dieselgate.

Il "no" della Bassa Sassonia

Il tribunale di Braunschweig (cittadina nel Land tedesco della Bassa Sassonia, tra l'altro quello in cui ha sede la Volkswagen), ha respinto una class action da parte di un gruppo di proprietari di Volkswagen (supportati dall'associazione myRight e dallo studio legale USA Hausfeld), che hanno richiesto un risarcimento per la propria auto coinvolta nel Dieselgate.

Nelle motivazioni della corte si segnala il fatto che, secondo Volkswagen, il software per il controllo delle emissioni trovato nelle vetture non violi le leggi europee e che, in ogni caso, il colosso tedesco stia progressivamente aggiornando le vetture per rimuoverlo, insistendo sul fatto che questo non comporti nessuna perdita di valore né di prestazioni per i proprietari.

VW: "situazione non giustifica risarcimento"

In più, la corte ha affermato che le Volkswagen coinvolte non abbiano perso la propria omologazione dopo la scoperta dei software, e per questo i clienti non hanno subito disguiti tali da richiedere un risarcimento.

Negli Stati Uniti, lo sappiamo, la situazione è ben diversa: i proprietari dei veicoli coinvolti (una minima parte rispetto agli 8,5 milioni di veicoli in Europa) otterranno un risarcimento complessivo di circa 14,7 miliardi di dollari.

MyRight e Hausfeld hanno fatto sapere che non si arrenderanno di fronte a questa sentenza, comunicando che faranno appello, oltre che al tribunale di Braunschweig, anche alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea.

Uno smartphone concreto, veloce e con un display eccellente? Asus Zenfone 5Z, in offerta oggi da Computer Shop Pisa a 399 euro oppure da Amazon a 454 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Jeep

Jeep Compass 1.6 Multijet 120 CV Limited: recensione e prova su strada | VIDEO

Audi

Audi Q5 40 TDI quattro 190 CV: recensione e prova su strada

HDBlog.it

OnePlus 6T McLaren Edition ufficiale: 10 GB di RAM a 709 euro | Anteprima

HDBlog.it

TIM e 5G: ho provato la prima auto elettrica guidata in remoto!