Domino's Pizza e Ford sperimentano la consegna a domicilio a guida autonoma

29 Agosto 2017 0


A partire da settembre Ford Motor Company e il colosso australiano della pizza Domino's Pizza avvieranno una sperimentazione che vedrà coinvolta una Ford Fusion a guida autonoma che avrà il compito di consegnare le pizze senza che nessuno sia alla guida.

Domino's Pizza e la guida autonoma: un binomio che non nasce oggi. L'azienda australiana celebre in tutto il mondo per le sue pizze ha infatti già provato in passato a far consegnare i propri prodotti da un robottino in Nuova Zelanda. Da settembre, però, a portare le pizze sarà una vera automobile a guida autonoma, una Ford Fusion fornita dalla filiale americana di Ford.

Guida autonoma a domicilio

Il nuovo test bed di Ford per la guida autonoma stavolta sarà la circoscrizione di competenza del ristorante Domino's di Ann Arbor, nel Michigan. La Ford Fusion a guida autonoma, allestita come tutti gli altri esemplari attualmente in circolazione in giro per gli USA, si occuperà di portare le pizze a destinazione fino a dove le sue dimensioni glielo consentiranno, fermandosi ad esempio ai confini dei giardini delle comuni villette americane.

Verso l'indipendenza dei trasporti

Domino e Ford consegneranno le pizze ad alcuni clienti selezionati in modo casuale. Inizialmente, le Ford Fusion Hybrid autonome saranno occupate da conducenti umani, che dovranno intervenire in caso di emergenza. I clienti saranno in grado di monitorare il processo di consegna tramite app con GPS, ricevendo dei messaggi di testo su come recuperare le loro pizze una volta che il veicolo di consegna sarà giunto a destinazione.

Del resto, qualche giorno fa lo stesso Sherif Marakby, responsabile dei veicoli autonomi ed elettrici di Ford, aveva dichiarato che Ford prevedesse collaborazioni ampie con più partner per realizzare veicoli autonomi destinati a migliorare il movimento di persone e merci.

Il CEO di Domino's Pizza USA, Russell Weiner, ha commentato così l'iniziativa:

Siamo interessati a sapere come reagiranno le persone a questo tipo di consegna. La maggior parte dei nostri interrogativi riguarda gli ultimi 15 metri dell´esperienza di consegna. Per esempio, come reagiranno i clienti all´idea di dover uscire di casa per recuperare il proprio cibo? Dobbiamo assicurarci che l´interfaccia sia chiara e semplice. Dobbiamo capire se l´esperienza di un cliente potrà essere diversa se l´automobile sarà parcheggiata sul vialetto o accanto al marciapiede. Tutta la nostra sperimentazione sarà focalizzata al raggiungimento del nostro obiettivo: riuscire, un giorno, a rendere le consegne con i veicoli a guida autonoma il più possibile customer-friendly.

Ford e Domino´s Pizza hanno completato i test preliminari utilizzando il veicolo in modalità di guida autonoma sulle strade di MCity, la città del Michigan ricostruita per simulare le condizioni delle strade nelle metropoli contemporanee, accogliendo tutte le aziende che vogliano testare le proprie tecnologie di guida autonoma.

Nessun compromesso per durata batteria a parità di prezzo? Lenovo P2 è in offerta oggi su a 291 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video

Jaguar

Jaguar I-PACE: Live Batteria "mari e monti" | Milano - Bolzano - Rimini