Bosch a Francoforte: guida autonoma, tecnologia e connettività

29 Agosto 2017 0


Bosch anticipa le novità in mostra la salone di Francoforte, evento automotive che ormai è sempre più contaminato dalla tecnologia. Guida autonoma, connettività ma anche infotainment e gadget hi-tech che sono ormai la norma nel settore delle quattro ruote.

Parcheggio autonomo...e non solo

Si parte ad esempio con gli aggiornamenti OTA (over-the-air) utilizzati da tempo per gli smartphone e oggi accessibili anche dal software di bordo del veicolo. Le app hanno invaso le auto, e tra questo c'è Parkineers, progettata per cercare un posto dove parcheggiare sfruttando la community per le segnalazioni proprio come accade già per gli autovelox.

L'app è al momento disponibile su Android e iOS in Germania. Sempre in tema di parcheggio, Bosch ha integrato le informazioni captate dai sensori ad ultrasuoni dei sistemi automatici con una mappa digitale, trasferendo quindi i dati sul cloud per renderli disponibili a tutto. Il servizio è in test in alcune città tedesche ed europee con Mercedes-Benz e altri produttori.


C'è poi Home Zone Park Pilot, sistema che apprende una manovra ricorrente (incluso l'avvicinamento ai 100 metri circostanti il parcheggio) così da permettere alla vettura di eseguirla in autonomia, sfruttando 12 sensori a ultrasuoni e una videocamera stereoscopica per affrontare gli imprevisti. Sempre in tema di parcheggio autonomo c'è il sistema in test presso il garage del museo Mercedes di Stoccarda: qui si sfrutta la connettività V2X, con l'auto che dialoga con l'infrastruttura di parcheggio per raggiungere l'autonomia nel percorso e nella manovra.


Tecnologia per il comfort

Anche la comodità gioca un ruolo fondamentale, non solo nella guida. Con Perfect Keyless lo smartphone diventa una chiave che attiva la vettura solo a distanza inferiore ai 2 metri, avviando l'auto quando il cellulare si trova al suo interno e permettendo di usare un'app per concedere l'accesso ad altri utilizzatori.

La diagnosi predittiva è invece un sistema di diagnostica che analizza l'auto durante l'utilizzo quotidiano e invia i dati al cloud per analizzare la condizione dei componenti principali. Se i dati indicano un'usura, il guidatore viene informato in anticipo, prima del possibile guasto improvviso.


Infine l'app di guida Bosch permette di "aggiornare" auto prive di un sistema di infotanment di ultima generazione, includendo controlli vocali per messaggi, chiamate e navigazione. Sempre in tema di "retrofit", con il dispositivo eCall da collegare all'accendisigari si può dotare la vettura della dotazione di sicurezza che, dal 2018, sarà di serie su tutti i nuovi veicoli.

Il futuro è elettrico

Anche il mondo dell'elettrico gode di particolare attenzione da parte di Bosch. Il sistema a 48V sviluppato dal produttore non è certo una novità ma qualcosa che amplia il mondo delle "mild-hybrid" e strizza l'occhio alla mobilità urbana.

Disponibile per veicoli a due, tre e quattro ruote, il sistema riduce i costi di sviluppo da parte dei produttori e include motore, unità di controllo, batteria, caricabatterie, display e app. La batteria da 48V immagazzina l'energia recuperata in frenata e può essere montata ad un'altezza minima di 90 millimetri, così da installarla più in basso per ridurre gli ingombri nell'abitacolo o nel bagagliaio. Il pacco sfrutta un sistema di raffreddamento passivo ed è fondamentale per ridurre i consumi intervenendo nelle fasi di massimo dispendio energetico a supporto del motore termico.

Infine Bosch è attiva anche nell'assale elettrico (e-axle), soluzione compatta ed economica per i veicoli ibridi e a batteria. Il motore è integrato in un'unità che comanda l'assale, riducendo la complessità e i costi e proponendo una potenza che va dai 50 ai 300 kW.

Tecnologia nell'abitacolo

Anche l'interno dell'auto si prepara ad accogliere diverse novità. Innanzitutto Bosch ha presentato il primo quadro strumenti a risoluzione full HD dotato di tecnologia antiriflesso che promette una riflessione inferiore di quattro volte e una miglior visibilità da tutte le angolazioni. In tema di efficienza, inoltre, arriva l'unità di controllo unica per strumentazione e infotainment così da veicolare le informazioni su diversi schermi sfruttando un unico circuito.


Lo stesso ragionamento è stato applicato per la realizzazione della VCU, unità di controllo unica che sostituisce la miriade di unità standalone (fino a 100 nei veicoli moderni) liberando spazio, riducendo il peso e coordinando i componenti, inclusi quelli dei sistemi di propulsione elettrici.

Sicurezza per tutti

Chiudendo con la sicurezza, Bosch presenta il sistema di comunicazione fra sensori interni ed esterni, così da permettere l'azionamento più rapido dei sistemi di sicurezza passiva (airbag e pretensionatori ad esempio) in caso di una potenziale collisione, oltre a personalizzarne la regolazione in relazione allo scenario specifico.


Proprio in tema di anti-collisione e frenata automatica arriva il riconoscimento dei ciclisti nel sistema AEB, caratteristica che dal 2018 entrerà nei criteri di classificazione per la valutazione Euro NCAP. Infine sarà mostrato a Francoforte l'ABS per la bici elettrica che vi abbiamo mostrato di recente con un video sul canale di HDmotori.

Nessun compromesso per durata batteria a parità di prezzo? Lenovo P2, in offerta oggi da Tiger Shop a 245 euro oppure da Amazon a 349 euro.
Apple Iphone 7 32gb Jet Black è disponibile da puntocomshop.it a 510 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tesla

Tesla Model S 100 D | Prova su strada e Focus Tecnologia

Renault

Renault ZOE BOSE Q90 FLEX | HDtest

Tesla

The Boring Company: la prima foto del "tunnel" rivoluzionario di Elon Musk

Pneumatici invernali: video guida e 10 domande sulle gomme da neve