Jaguar XK120 SE: il restauro avviene (anche) con la stampa 3D

23 Agosto 2017 0


Se c'è una Jaguar a non avere rivali in quanto ad esclusività e rarità, quella è la XK120 SE disegnata da Pininfarina e costruita nel 1954 in un unico esemplare. Un'auto che oggi, dopo aver cambiato diversi proprietari, ha ritrovato lo splendore originale grazie alle moderne tecnologie, tra cui anche la stampa 3D.

Ha fatto il suo debutto al Concorso d'Eleganza di Pebble Beach questa Jaguar XK120 SE davvero speciale. Unica nel suo genere lo era già nel lontano 1954, quando Jaguar commissionò a Pininfarina una vettura one-off destinata ad un facoltoso collezionista di New York. Il destino crudele non ha poi impedito che questo autentico gioiello finisse nelle mani sbagliate, anche se, per fortuna, oggi l'auto è tornata all'antico splendore.

Presentata in occasione della Monterey Car Week, questa Jaguar XK120 SE è stata restaurata da cima a fondo dall'azienda inglese Classic Motor Cars, che si è servita delle più moderne tecnologie per riprodurre ogni singolo componente della vettura come se fosse appena uscita dall'atelier.

Un lavoro artigianale...

Un lavoro lunghissimo, durato ben 6.725 ore, anche a causa del fatto che, essendo una one-off, non ci sono disegni tecnici o riferimenti a cui potersi affidare. I meccanici e i carrozzieri hanno quindi dovuto basare il proprio lavoro esclusivamente smontando ogni componente, misurandolo e fotografandolo accuratamente. La ruggine aveva rovinato gran parte della carrozzeria, che è stata quindi quasi interamente sostituita da nuovi pannelli in metallo, così come è stato riparato il telaio.

... con le tecnologie più avanzate

Fortunatamente, alcune moderne tecnologie sono venute in aiuto ai nostri eroi: servendosi delle fotografie scattate alla vettura nel corso della sua storia ultra 60enne, i tecnici sono riusciti a riprodurre i paraurti anteriori e posteriori e i gruppi ottici (oltre ad altri piccoli pezzi mancanti) servendosi di mockup stampati in 3D. Per riprodurre il lunotto posteriore, invece, Classic Motor Cars si è servito della tecnologia di scansione 3D per generare un modello cad per realizzarne poi una riproduzione fedele a quella originale.


Un'esempio di "archeologia su quattro ruote"

Anche gli interni sono stati completamente ricostruiti grazie ad un pezzo di pelle proveniente dal rivestimento originale della vettura: non è stato facile riprodurre esattamente il colore e la grana della pelle, anche perché i metodi produttivi e i colori sono cambiati nel corso di oltre 60 anni.

Tutto nuovo, infine, il motore, che riprende la cubatura originale di 3,4 litri e l'architettura a sei cilindri in linea, per una potenza di 180 CV a 5.300 giri. Niente male per una vettura del 1954. Ma dopotutto stiamo parlando di Jaguar...

Stile classico, prestazioni ottime e prezzo contenuto? Huawei P8 Lite 2017, compralo al miglior prezzo da Unieuro a 160 euro.
Lg G6 H870 32gb Black è disponibile da puntocomshop.it a 379 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tesla

Tesla Model S 100 D | Prova su strada e Focus Tecnologia

Renault

Renault ZOE BOSE Q90 FLEX | HDtest

Tesla

The Boring Company: la prima foto del "tunnel" rivoluzionario di Elon Musk

Pneumatici invernali: video guida e 10 domande sulle gomme da neve