Porsche esce dal WEC LMP1 ed entra in Formula E

28 Luglio 2017 0


Porsche ha deciso: correre nella categoria LMP1 del WEC non è più un investimento strategico per il marchio. Dopo i tre successi di fila alla 24 Ore di Le Mans il marchio tedesco ha deciso di rivolgere i propri sforzi verso altre mete pur mantenendo l'impegno nelle classi minori, magari più redditizie nell'ottica del lancio della futura elettrica di Stoccarda.

La Mission E arriverà nel 2019 e sarà una sportiva in grado di stare al passo con i gioielli prodotti da Zuffenhausen - così come promesso dalla stessa Porsche - ma l'impegno nella sola Formula E non sarà sufficiente.

Porsche del resto manterrà l´attenzione sulle gare GT internazionali schierando la 911 RSR nella classe GT del FIA World Endurance Championship, il cui appuntamento principale è la 24 Ore di Le Mans, ma anche nell´American IMSA WeatherTech SportsCar Championship e in altre classiche gare di durata.

Questo riallineamento di strategia è una conseguenza della direzione intrapresa dall´azienda con la Strategia 2025, che vedrà Porsche impegnata nello sviluppo di una combinazione di pure vetture GT e vetture sportive esclusivamente elettriche.

"Entrare in Formula E e ottenere il successo in questa categoria sono le logiche conseguenze della nostra Mission E. Il crescente livello di libertà negli sviluppi tecnologici interni all´azienda rende la Formula E un campionato allettante", afferma Michael Steiner, Membro del Consiglio di Amministrazione e responsabile Ricerca e Sviluppo di Porsche AG. "Porsche sta lavorando con concetti di propulsione alternativi e innovativi. Per noi, la Formula E rappresenta l´ambiente competitivo più avanzato nel quale portare avanti lo sviluppo di vetture ad elevate prestazioni in settori quali la compatibilità ambientale, l´efficienza e la sostenibilità".

La Formula E, che sbarcherà anche in Italia con l'ePrix di Roma nel 2018, è ancora in fase di sviluppo e non ha lo stesso appeal di categorie del motorsport più blasonate. In futuro le cose cambieranno, per ora però non sembra essere la risposta definitiva alle necessità della Porsche di assecondare il nuovo interesse per le auto elettriche e di preservare la sua tradizione motoristica e l'impiego delle 911 RSR dimostra che a Weissach lo sanno bene.

Il motivo della scelta segue quanto fatto già un anno fa dall'altro marchio del Gruppo VW, Audi, ma il motivo appare differente. Deviare i 200-300 milioni di euro all'anno dal WEC alla Formula E non ha nulla a che fare con il Dieselgate ma piuttosto ad una scelta strategica di immagine, come avvenuto per Mercedes (che lascerà il DTM) e BMW, entrambe entrate nel nuovo Campionato FIA. L'uscita di scena della Porsche quindi lascerebbe Toyota come solo marchio in gara nella LMP1, dedicata alle super-ibride, portando di fatto alla chiusura di un'epoca.

Dal canto suo Porsche ha contribuito allo spettacolo con tre vittorie consecutive alla 24 Ore di Le Mans e i titoli del Campionato del Mondo Piloti e Costruttori del 2015 e 2016. Tuttavia, quest´anno il team di Weissach vuole difendere nuovamente i due titoli mondiali.

Stile classico, prestazioni ottime e prezzo contenuto? Huawei P8 Lite 2017, compralo al miglior prezzo da Amazon a 160 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Renault

Renault ZOE BOSE Q90 FLEX | HDtest

Tesla

The Boring Company: la prima foto del "tunnel" rivoluzionario di Elon Musk

Pneumatici invernali: video guida e 10 domande sulle gomme da neve

Auto

Porsche 718 Boxster e Cayman: finalmente anche GTS