Francia: nel 2040 sará vietata la vendita di auto diesel e benzina

07 Luglio 2017 0


Anche la Francia come l'India. ll piano di sviluppo della mobilità sostenibile d'Oltralpe però va più con calma e forse è semplicemente più realistico. Il Ministro dell´Ecologia franceseNicolas Hulot, nel corso della presentazione del piano per il raggiungimento degli obiettivi dell´accordo sul clima di Parigi, ha infatti annunciato di voler bandire la vendita di auto diesel e benzina a partire dal 2040.

Nel 2050 "zero emissioni"


Un annuncio simile era stato fatto dal Ministro indiano Goyal (con delega al Ministero del carbone e delle miniere) ma con un orizzonte temporale molto più limitato visto che, secondo i suoi piani, l'India avrebbe dovuto bandire la vendita di auto a combustibile entro il 2030. Più in generale, l´obiettivo della Francia è di raggiungere entro il 2050 un "livello zero" di emissione di CO2 e per farlo, secondo il francese Hulot, i costruttori di casa PSA e Renault sono pronti ad iniziare questo percorso.

Annunciati incentivi per chi rottama i diesel

Per sostenere il passaggio ad una mobilità del tutto elettrica o elettrificata, il Ministro francese ha annunciato l'arrivo di incentivi rivolti a chi rimpiazza auto diesel di più di 20 anni di età e auto a benzina prodotte prima del 2001 mentre il governo metterà fine all´estrazione di petrolio sul suolo francese, eliminerà le centrali elettriche a carbone entro il 2022 e incoraggerà l´indipendenza energetica domestica.

In Europa elettriche e ibride pesano poco

Più che nelle parole del Ministro Hulot bisogna ricercare nei dati di vendita la disponibilità del pubblico al passaggio all'elettrico. Attualmente una delle ragioni che più pesano sul poco peso delle vendite dei modelli a batteria (la quota di mercato europea è ridotta, nonostante le vendite crescano in fretta) è il prezzo, decisamente più alto rispetto ad altre soluzioni proposte dai produttori. Certamente una serie di incentivi diminuirebbe il gap tra i listini di auto elettriche e a combustione, ma anche la diffusione di strumenti di ricarica adeguati permetterebbe forse ai clienti di prendere in considerazione l'acquisto di una elettrica con più convinzione.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video

Jaguar

Jaguar I-PACE: Live Batteria "mari e monti" | Milano - Bolzano - Rimini