Nissan Micra, la prova dell'infotainment NissanConnect | Tecnologia a bordo

04 Luglio 2017 0

La nuova Nissan Micra 2017 ha fatto della tecnologia di bordo e dei dispositivi di assistenza alla guida uno dei suoi punti forti. L'allestimento Tekna ad esempio dispone di serie del Safety Pack Plus che include sistema di frenata d'emergenza intelligente con riconoscimento pedoni, controllo automatico dei fari abbaglianti, sistema di avviso e prevenzione cambio di corsia involontario intelligente e riconoscimento segnaletica stradale.

La Tekna ha (quasi) tutto di serie


Al di fuori del Safety Plus Pack ma sempre di serie sulla Tekna ci sono poi sensori di parcheggio posteriori con retrocamera (anche a 360 gradi per 500 euro in più) NissanConnect con touch screen da 7" e Apple CarPlay e Sistema Audio BOSE con speaker integrati nel poggiatesta del conducente per un`audio di livello molto alto considerando la categoria. Non mancano poi i fari con abbaglianti automatici, anche a LED come optional seppur non adattivi, come del resto non è adattivo il cruise control.

Ottima infine anche la presenza dell´avviamento senza chiave che è di serie sulla più ricca Tekna della nostra prova. Insomma l'avrete capito: la Tekna ha tutto di serie tranne i fari full-LED (che costano 500 euro) e l'Around View Monitor che tramite quattro telecamere monitora l'ambiente circostante in manovra. Incredibilmente poi anche lo Start&Stop è optional e costa 200 euro.

Apple CarPlay c'è solo sul Display Audio


Singolare la scelta fatta sul fronte degli infotainment. Non tanto per il fatto che in gamma ce ne sono due - il NissanConnect, di serie sulla Micra Tekna, e il Display Audio di serie sull´allestimento Acenta - poiché è una cosa piuttosto comune ma più che altro per la presenza di Apple CarPlay sul meno ricco Display Audio mentre il NissanConnect non ne dispone. Infatti: sugli allestimenti top di gamma N-Connecta e Tekna quest'ultimo è di serie (optional su Acenta) e offre schermo touchscreen da 7 pollici, connettività Usb, Bluetooth e Aux, radio DAB, navigatore satellitare e app dedicate, ma nessun collegamento con Apple CarPlay o Android Auto.

Connettere il telefono Apple via cavo è quindi semplice sul Display Audio dell´allestimento intermedio Acenta grazie al protocollo Apple CarPlay. Per usare il NissanConnect con lo smartphone è possibile scaricare un´applicazione apposita, sviluppata dall'azienda giapponese, per poter accedere, dopo essersi registrati, al portale clienti dal proprio telefono ed usare i dati dello smartphone per effettuare ricerche su Google, trovare ristoranti con Tripdavisor ed altro ancora. Per questa Micra sono poi disponibili anche le app di Eurosport, Facebook e Twitter.

NissanConnect non è dei più moderni ma fa il suo dovere


Il sistema non è dei più moderni per grafica e qualità del pannello video ma il navigatore è preciso nelle indicazioni e funziona bene; la qualità delle telefonate è ottima e collegare il proprio smartphone tramite bluetooth è molto semplice e veloce. Il costo del NissanConnect sull´allestimento Acenta è di 350 euro e come detto offre in più la connettività alla rete cellulare. Probabilmente il Display Audio potrebbe già rispondere alle esigenze della maggior parte dei clienti pertanto si può anche evitare di sceglierlo all'acquisto per risparmiare qualcosa, a meno che non si scelga l'allestimento top di gamma Tekna. Infine non perdetevi poi il nostro HDtest completo sulla nuova Nissan Micra.

Cerchi lo schermo con la maggiore risoluzione e supporto 4K?? Sony Xperia XZ Premium, in offerta oggi da Tiger Shop a 496 euro oppure da Amazon a 611 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Renault

Renault ZOE BOSE Q90 FLEX | HDtest

Tesla

The Boring Company: la prima foto del "tunnel" rivoluzionario di Elon Musk

Pneumatici invernali: video guida e 10 domande sulle gomme da neve

Auto

Porsche 718 Boxster e Cayman: finalmente anche GTS