Subaru: le novità tecniche e tecnologiche dei prossimi anni

23 Giugno 2017 0


Subaru presenta le sue strategie per il prossimo futuro, con la mobilità sostenibile e la sicurezza al centro. Obiettivo? Conquistare nuovi clienti, soprattutto in Europa, senza inquinare il proprio DNA, da sempre legato alla trazione integrale e ai motori Boxer.

Subaru vuole crescere e punta sul mercato europeo per far valere le proprie ragioni. D'altronde, i numeri del marchio delle Pleiadi nel Vecchio Continente sono irrisori: con 40.600 vetture vendute nel 2016, una quota di mercato dello 0,3%, a fronte di oltre un milione di immatricolazioni in tutto il mondo. Per questo, la strategia di rafforzamento europea prevede il focus sulle innovazioni tecniche e tecnologiche, mobilità sostenibile in primis.

SGP per il piacere di guida e la flessibilità

Prima di tutto, Subaru si aspetta i primi segnali di crescita con l'arrivo sul mercato della piattaforma SGP, il nuovissimo pianale modulare che debutterà sul crossover XV nei prossimi mesi: più rigida del 70% rispetto alla piattaforma uscente, più leggera e pensata per enfatizzare il proverbiale piacere di guida del marchio giapponese, con un'agilità nel misto migliorata.

L'ibrido nel 2018, l'elettrico nel 2021

La via della sostenibilità ambientale è il secondo strumento di Subaru per convincere i clienti europei a comprare le proprie vetture. Per questo, nel 2018 debutterà la prima auto ibrida del costruttore in Europa. Non è ancora chiaro se si tratterà di un'ibrida tradizionale o di una ricaricabile plug-in, in ogni caso la piattaforma SGP le prevede entrambe.

Nel 2019, poi Subaru prevede di lanciare un nuovo motore turbo a benzina con cilindrata ridotta, in pieno rispetto delle regole del downsizing che dominano il mercato europeo e non solo.

Oltre all'ibrido, anche l'elettrico è nei piani di Subaru: il primo modello a zero emissioni arriverà nel 2021 e potrebbe nascondersi sotto la carrozzeria sempre più apprezzata di un SUV, magaria anche con la trazione integrale, altro elemento distintivo del DNA Subaru.

La sicurezza come minimo comune denominatore

Un'altra sfida per il futuro è rappresentata dalla questione sicurezza: oggi più che mai, quando si valuta l'acquisto di un'auto nuova, il primo pensiero va alla presenza dei dispositivi di assistenza alla guida. A questo proposito, Subaru è già piuttosto avanti coi lavori con il suo sistema Eyesight, un pacchetto di dispositivi di assistenza alla guida avanzati che sono già in grado di rendere praticamente semi-autonome le Subaru più recenti. Tutto questo in vista della guida autonoma totale, prevista sulle Subaru entro 5 anni.

Anche il cambio "cambia"

Come già anticipato in occasione del lancio USA, Subaru XV porterà al debutto un nuovo cambio automatico CVT Lineartronic, più leggero di 7,8 kilogrammi rispetto al precedente e dotato di una nuova catena a maglie più strette per la riduzione degli attriti e dunque dei consumi. Il nuovo CVT riduce il classico "effetto scooterone" tipico di queste trasmissioni, simulando un cambio a 7 rapporti e arrivando a velocità di cambiata del tutto simili a quelle di un doppia frizione.

Il sogno di molti risparmiando? Apple iPhone X, in offerta oggi da Tecnotradeshop a 885 euro oppure da Amazon a 980 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ford

Ford Fiesta 2018: anche per i neopatentati | video recensione e prova su strada

Kia

Kia Picanto X-Line e GT: prova in anteprima del 100 CV 1.0 T-GDI

Mahindra

Mahindra KUV100: recensione in anteprima del SUV da meno di 11.000 euro

HDBlog.it

Le migliori tecnologie di Ginevra 2018: dal pneumatico vivente ai fari smart Mercedes