Toyota Camry 2018: la TNGA e il nuovo ibrido arrivano in America

22 Giugno 2017 0


L'auto più venduta negli USA negli ultimi 15 anni arriva alla nuova generazione, con una piattaforma modulare globale derivata dalla Prius e un nuovo sistema ibrido ad alta efficienza. Dentro, arrivano finalmente degli interni belli da vedere e da toccare, mentre l'estetica diventa più emozionale, anche se divide tra estimatori e haters.

L'auto giapponese per eccellenza negli USA, la Toyota Camry, si rinnova completamente con l'ottava generazione, portando al debutto diverse novità interessanti anche per noi europei.

TNGA e nuovo ibrido efficiente

Prima di tutto, si tratta della prima vettura di respiro globale ad essere realizzata sulla nuova piattaforma TNGA, la struttura modulare inaugurata da Toyota Prius e utilizzata finora solamente dal crossover C-HR.

In secondo luogo, sotto al cofano di questa Camry viene montato per la prima volta il nuovo sistema Hybrid ad alta efficienza, caratterizzato dal nuovissimo motore 2.5 "Dynamic Force" dual VVT-iE, iniezione diretta e una potenza massima di 176 CV e 220 Nm di coppia massima. Secondo Toyota, la Camry Hybrid è in grado di garantire percorrenze record per la categoria: 22 km al litro di media, grazie anche ad un nuovo converter DC-DC e all'Auto Glide Control, che agisce su freni e freno motore. L'ibrido mantiene il cambio CVT, mentre le versioni tradizionali dispongono di un nuovo cambio automatico con convertitore di coppia a 8 rapporti. Nuovo anche il motore 3.5 V6 benzina con cambio a otto rapporti da 301 CV.

Interni da prima classe


Se esteticamente la vettura, seppur completamente rinnovata, presenti degli elementi poco originali o, al contrario, fin troppo azzardati, è dentro che la nuova Camry testimonia un passaggio generazionale decisamente evidente: tutti nuovi sono gli interni, a cominciare da una plancia realizzata con un design davvero moderno e piacevole, sia da vedere sia da toccare. Interessanti i contrasti cromatici e la scelta dei materiali, con la nuova console centrale di forma triangolare che accoglie il nuovo sistema di infotainment Entune 3.0 con nuovi comandi.

Semplice e con pochi tasti il tunnel centrale, piacevole il volante e tradizionale la strumentazione, con doppio strumento analogico e display TFT al centro. Diverse tonalità e materiali sono poi disponibili a seconda dei tre diversi pacchetti estetici.

Toyota Safety Sense

Infine, la sicurezza: il Toyota Safety Sense debutta anche qui, con Pre-Collision System e Pedestrian Detection, Dynamic Radar Cruise Control, Lane Departure Alert con Steering Assist, Rear Cross Traffic Braking e molti altri ADAS.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Audi

Audi Q2: recensione e prova su strada | HDtest

Hyundai

Hyundai IONIQ Electric: Live Batteria in extra-urbano

Volkswagen

Auto elettriche 2018: i modelli in commercio in Italia, prezzi e autonomia

È il navigatore l'optional più richiesto dagli automobilisti italiani